fbpx

La corsa si è fermata, Correre no

30 Marzo, 2020
Foto: 123rf
Correre di aprile entra in case trasformate in palestra, asilo, archivio, cinema o pensatoio e restituisce una delle cose di cui sentiamo più la mancanza: la normalità.

Parto dalla foto che ho scelto per illustrare questa presentazione. Mi immagino così, dentro la luce, là dove finisce la mia città. Quando? Non lo so, e questo è naturale che logori. Quanti condividono un desiderio simile? È tornato il futuro nella nostra mente e riempie l’attesa. “Io era tra color che son sospesi” fa dire Dante a Virgilio. Siamo anche noi tutti sospesi? No, non mi sembra. Siamo dentro a un tempo sospeso, ma subito ci siamo preoccupati di riempirlo: Instagram vomita piegamenti e sedute sui rulli, Facebook è tappezzato dei cimeli che il riordino di casa riporta alla luce, perché della corsa, come del maiale, non si butta via niente: medaglie, numeri di gara, volantini e magliette, foto con firma del campione e “Io sono quello con la canotta rossa, non portavo ancora gli occhiali” … vuoi non metterci un “mi piace”?

Gli altri siamo (anche) noi

Ma fuori dalla mia finestra, quella di casa come quella della redazione, si muore ancora e io che non sono né un medico né un infermiere combatto con un senso di inutilità. Quanti non incontreremo più quando torneremo a incontrarci alle gare?

Il pericolo per la salute di tutti ha ristretto il recinto della vita. Ha senso parlare ancora di corsa? 

Ha senso parlare ancora di vita, e la corsa questo è: un’espressione della nostra voglia di vivere. 

Ci mancano di più le endorfine o la socialità? 

Di socialità, a dire il vero, nella corsa ce n’è tanta anche in questo periodo: penso a quante società podistiche ci stanno segnalando le proprie raccolte fondi per l’ospedale della zona, penso alla battaglia di Piero Giacomelli, che con la Onlus Regalami un sorriso sta acquistando dall’estero e facendo fabbricare in Italia migliaia di mascherine da consegnare agli ospedali.

Tutto questo nei telegiornali ci finisce poco: la solidarietà nella corsa non fa notizia, fa più ascolti la caccia all’untore. 

Normalità andiamo cercando

Correre di aprile entra in case trasformate in palestra, asilo, archivio, cinema o pensatoio e restituisce una delle cose di cui sentiamo più la mancanza: la normalità.

Tante le cose da segnalare, tutte da leggere pensando a quell’immagine e al mondo che ci aspetta.

Mi concentro sull’intervento tecnico di Pizzolato, che prende spunto dall’invidiabile club “5DS3” (5 Decades Sub 3 hours), di cui fanno parte solo quegli atleti che in ogni decennio della propria vita sono riusciti a concludere almeno una maratona in meno di tre ore. Non sono tutti top runner e pare che parte del loro segreto consista nel fatto di aver corso non più di 35 chilometri a settimana di corsa, ma di aver dedicato molto tempo ad altre attività fisiche utili a chi corre.

… un po’ come tutti noi siamo costretti a fare in questo periodo.

Buona lettura.

Correre Aprile 2020

Questo mese parliamo di… Allenarsi in emergenza – L’emergenza sanitaria ha messo a dura prova anche il mondo dello sport. Come mantenere la condizione in un momento di incertezza e stop? (Giorgio Rondelli) Panorama – Scossone nel mondo del podismo romagnolo e italiano: il forte corridore marocchino Yassine Kabbouri espulso dall’Italia con un provvedimento antiterrorismo. […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Curare la fascite plantare

Spesso associata alla spina calcaneare, la fascite plantare è una patologia molto comune tra chi pratica il running, ancora di più con l’avanzare dell’età. Ecco di che cosa si tratta e come va affrontata “Fascite plantare e spina calcaneare sono patologie spesso associate e importanti da un punto di vista statistico proprio nelle infiammazioni da […]

Il runner a tavola: orientarsi tra le diete

Tra mode e realtà: il punto sui vari regimi nutrizionali che vengono adottati dagli sportivi (e non solo) per dimagrire “Punto primo: no alla restrizione calorica!” esordisce così il nostro esperto Luca Speciani, che poi spiega “Si perdono alcuni chilogrammi (quasi sempre di muscolo) con molti sacrifici e in pochi mesi si riprende tutto con […]

La vita del top runner durante l’epidemia

L’emergenza sanitaria ha messo a dura prova anche il mondo dello sport. Come mantenere la condizione in un momento di incertezza e stop di quasi tutte le attività?  “In piena emergenza Coronavirus, anche i top runner stanno vivendo una situazione mai affrontata: continuare ad allenarsi senza sapere però quando verrà ripresa la normale attività agonistica, […]

Correre naturale: verso risultati più ambiziosi

Terza fase dello schema Running Mastery: con la CPP (Correre Per la Performance) “obiettivo” e “gara” assumono un nuovo significato e richiedono un impegno ancora più serio, divenendo vere e proprie priorità. Vediamo come Dopo avere parlato dell’importanza di allenarsi e dell’imparare a sfruttare la corsa per allenarsi, trattiamo ora la CPP: correre per la […]