fbpx

Correre naturale: verso risultati più ambiziosi

19 Marzo, 2020
Foto: 123rf
Terza fase dello schema Running Mastery: con la CPP (Correre Per la Performance) “obiettivo” e “gara” assumono un nuovo significato e richiedono un impegno ancora più serio, divenendo vere e proprie priorità. Vediamo come

Dopo avere parlato dell’importanza di allenarsi e dell’imparare a sfruttare la corsa per allenarsi, trattiamo ora la CPP: correre per la performance. 

“C’è chi vuole andare più veloce, chi correre più a lungo, chi terminare una certa gara o ottenere una certa prestazione: la CPP non è per tutti, richiede dei sacrifici non sempre compatibili con la vita di un amatore” precisa l’autore dell’articlo, Daniele Vecchioni.

Più salute e benessere

“In tutte le fasi della Running Mastery si assiste però a un sicuro e notevole aumento delle proprie performance” prosegue Vecchioni, aggiungendo: “Un runner impegnato prima nella fase APC e poi in quella CPA, in parallelo allo sviluppo dei pilastri hardware (costruire un corpo che si possa permettere di correre), software (acquisire la tecnica corretta e gli schemi motori di base dell’essere umano) e training (padroneggiare i principali metodi di allenamento per la corsa), vedrà migliorare tanto la salute e il benessere quanto le proprie prestazioni”. 

Più impegno per la crescita

Vecchioni illustra poi le peculiarità e le difficoltà della fase CPP, culminante nel raggiungimento della massima espressione della propria performance attraverso allenamenti per la crescita della capacità aerobica, della velocità e della resistenza, con un impegno di 6 o 7 giorni a settimana e l’affiancamento di professionista del massaggio… il tutto mantenendo al minimo lo stress della vita personale e lavorativa.

Tranquilli: la CCP non è solo per professionisti, assicura Vecchioni!

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Verso risultati più ambiziosi”, di Daniele Vecchioni, pubblicato su Correre n. 426, aprile 2020 (in edicola a inizio mese), alle pagine 60-61.

Correre Aprile 2020

Questo mese parliamo di… Allenarsi in emergenza – L’emergenza sanitaria ha messo a dura prova anche il mondo dello sport. Come mantenere la condizione in un momento di incertezza e stop? (Giorgio Rondelli) Panorama – Scossone nel mondo del podismo romagnolo e italiano: il forte corridore marocchino Yassine Kabbouri espulso dall’Italia con un provvedimento antiterrorismo. […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Curare la fascite plantare

15 Aprile, 2020

Spesso associata alla spina calcaneare, la fascite plantare è una patologia molto comune tra chi pratica il running, ancora di più con l’avanzare dell’età. Ecco di che cosa si tratta e come va affrontata “Fascite plantare e spina calcaneare sono patologie spesso associate e importanti da un punto di vista statistico proprio nelle infiammazioni da […]

Il runner a tavola: orientarsi tra le diete

08 Aprile, 2020

Tra mode e realtà: il punto sui vari regimi nutrizionali che vengono adottati dagli sportivi (e non solo) per dimagrire “Punto primo: no alla restrizione calorica!” esordisce così il nostro esperto Luca Speciani, che poi spiega “Si perdono alcuni chilogrammi (quasi sempre di muscolo) con molti sacrifici e in pochi mesi si riprende tutto con […]

La vita del top runner durante l’epidemia

30 Marzo, 2020

L’emergenza sanitaria ha messo a dura prova anche il mondo dello sport. Come mantenere la condizione in un momento di incertezza e stop di quasi tutte le attività?  “In piena emergenza Coronavirus, anche i top runner stanno vivendo una situazione mai affrontata: continuare ad allenarsi senza sapere però quando verrà ripresa la normale attività agonistica, […]

La corsa si è fermata, Correre no

30 Marzo, 2020

Correre di aprile entra in case trasformate in palestra, asilo, archivio, cinema o pensatoio e restituisce una delle cose di cui sentiamo più la mancanza: la normalità. Parto dalla foto che ho scelto per illustrare questa presentazione. Mi immagino così, dentro la luce, là dove finisce la mia città. Quando? Non lo so, e questo […]