fbpx

Alla scoperta del runner che c’è dentro ognuno di noi 

01 Luglio, 2020
Foto: 123rf
Il ritorno delle gare tradizionali ci appare come un miraggio, che scompare ogni volta che ci avviciniamo troppo. Allenarsi comunque, dissetare la nostra sete di sapere podistico, è un altro modo di affrontare il disagio: ci sforziamo di guardare al futuro con la stessa voglia di luce che immaginiamo sul volto della runner di copertina. 

Ci siamo abituati a fare i conti con noi stessi. Ci hanno costretto le circostanze. 

Nella corsa ad alto livello i runner cercano il disagio fisico e mentale come situazione utile per migliorare ancora: corrono a lungo a digiuno, corrono forte sulla stanchezza prodotta da un’altra corsa effettuata poco prima al massimo della velocità, coltellate nei muscoli indolenziti e rigidi.

Il disagio dei runner non di altissimo livello si chiama solitudine nella corsa. Un disagio che non cerchiamo, ma lo stiamo attraversando. Corriamo da soli anche quando siamo in gara. Le virtual race quello sono: la somma delle singole corse solitarie che ognuno di noi effettua, la somma di solitudini simili, di nostri “simili”, ed è per questo che, piuttosto che niente, ce le facciamo piacere.

E al disagio della solitudine si aggiunge quello dell’incertezza: il ritorno delle gare tradizionali ci appare come un miraggio, che scompare ogni volta che ci avviciniamo troppo. Allenarsi comunque, dissetare la nostra sete di sapere podistico, è un altro modo di affrontare il disagio: ci sforziamo di guardare al futuro con la stessa voglia di luce che immaginiamo sul volto della runner di copertina.

Un’occasione per crescere 

Anche se non lo cerchiamo, quindi, il disagio di noi runner dediti a ritmi più tranquilli funziona come quello cercato dai top runner: è un’occasione per crescere, soprattutto dentro di noi. 

Per questo motivo la sezione allenamento di Correre di luglio si apre con due contributi focalizzati sul tempo: con Orlando Pizzolato cerchiamo di imparare a correre forte da soli, con Lorenzo Falco ci abituiamo, sempre da soli, a correre sul ritmo, come se avessimo “il cronometro nella testa”, recita infatti il titolo di quell’articolo.

Un’estate per conoscersi meglio 

Sempre per questo motivo, prosegue il viaggio a puntate di Luca Speciani e Lyda Bottino tra i “tipi costituzionali”. Ognuno di noi appartiene a un tipo costituzionale e ogni tipo costituzionale presenta uno specifico quadro ormonale che condiziona e a volte limita gli effetti benefici della combinata corsa-alimentazione. Dopo il tipo costituzionale “cocomero” (ipercortisolico), su questo Correre di luglio i nostri esperti affrontano il tipo “avocado” la cui mancata magrezza è condizionata dalla dominanza di estrogeni, ormoni femminili per eccellenza.

Conoscersi e conoscere è quello che ancora una volta vi offre Correre per attraversare con energia questa estate che continuiamo a definire “sospesa”. 

Buona lettura.

Correre Luglio 2020

Questo mese parliamo di… Allenamento – Come non perdere la motivazione senza obiettivi agonistici? Mettiamoci alla prova con qualche gara-test solitaria. (Orlando Pizzolato) Allenamento – Virtual race e “gare” a distanza chiamano in causa la nostra capacità di correre sul ritmo anche da soli: i consigli per allenarla di Lorenzo Falco. Running system – Quando […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Imparare a correre forte da soli 

Per non perdere la motivazione agonistica in attesa delle competizioni classiche, mettiamoci alla prova con una gara-test da svolgere periodicamente e in solitaria, incrementando ogni volta distanza o ritmo. “Dopo settimane di allenamento magari non all’insegna della specificità, sostenere gare-test è un’opportunità che determina stimoli fisiologici efficaci, dandoci inoltre la carica per affrontare successviamente allenamenti […]

Giovani runner forti in montagna come in pista: quale futuro?

Corsa in montagna: opportunità o distrazione per i giovani mezzofondisti? E come regolarsi quando i “montagnini” battono i migliori “pistard” in un cross? Il punto con il responsabile federale per la corsa in montagna, Paolo Germanetto. «È ora di mettere da parte certe resistenze: parlando di sport di fatica, serve a ben poco porsi delle […]

XL e XXL: preparare le ultra-ultra

Ultima tappa del viaggio a puntate per la programmazione di una prova fuoristrada: arriviamo alle prove più lunghe, come una 100 miglia con 10.000 m D+, quel tipo di gare, cioè, dove prende forma il confine tra trail running e trail trekking. “Prendiamo come riferimento la competizione XXL per eccellenza, almeno per noi europei: il […]

Tipi costituzionali 2: l’avocado

La struttura “a pera” è tipica di chi viva una dominanza di tipo estrogenico (gli ormoni femminili per eccellenza). Questa categoria ormonale necessita di una depurazione che deve precedere ogni forma di integrazione. Su Correre n. 429 (luglio 2020), l’articolo di Luca Speciani si apre col riepilogo del concetto di “tipo costituzionale”, introdotto su Correre […]

Alta velocità: quattro allenamenti fondamentali

I quattro allenamenti fondamentali per allenare le gare di mezzofondo veloce, chiarendo innanzi tutto i ruoli dell’acido lattico e del lattato, di cui occorre indagare l’equilibrio tra produzione e smaltimento. Parola di Giorgio Rondelli.  “Partendo da una definizione tecnica, la tolleranza al lattato è la capacità di mantenere per il maggior tempo possibile un’alta velocità […]