fbpx

Zona mista – Cioccolato svizzero

12 Agosto, 2014

Coraggio ragazzi, il nostro e vostro Daniele Meucci lo vedremo in azione due volte. Non solo maratona, l’ultimo giorno degli assoluti, ma anche nella finale dei 10.000 m di domani sera. Decisione maturata, non di certo all’improvviso, ma pensata e strapensata nel corso degli ultimi mesi. Addirittura ne avevo avuto sentore nel mese di febbraio. Poteva sembrare una boutade, invece no. Tutto studiato, tutto tenuto sotto controllo da lui e da Massimo Magnani, almeno così si spera. A questo punto esistono due scuole di pensiero. La prima: doveva fare solo la maratona, butterà al vento energie che potrebbero essere decisive per la 42 km e rotti. La seconda: ha fatto bene. Il campo partenti, fatta eccezione di quel mostro che è Mo Farah, la medaglia potrebbe essere a portata di mano.

Meucci 4 anni fa a Barcellona, giunse terzo dopo una volata mozzafiato con l’inglese Thompson, nel 2012 a Helsinki commise l’errore, era accreditato del tempo migliore di portarsi in volata ben 8 avversarie e finire secondo. Meucci si dichiarò soddisfatto, ma in realtà perse un oro alla sua portata. Come si dipanerà la gara? Difficile da dire, a Farah basterà una delle sue irresistibili volate per aggiudicarsi l’oro. Sta al toscano cogliere l’attimo, carpire e capire l’andamento dei 25 giri di pista, lui che tatticamente non è di certo un fenomeno. Bene dopo i 10.000 (ma sì, li faccia e poi vedremo…) discuteremo il fatto.

Intanto sarà bene ricordare che almeno per i nostri colori l’accoppiata 10.000-maratona non è un fatto nuovo. La prima volta venne sperimentata da Pippo Cindolo agli Europei di Roma ’74 (terzo nei 10.000 m e settimo in maratona). La seconda da Franco Fava alle Olimpiadi di Montreal ’76 (non centrò la finale nei 10.000 per un nonnulla e giunse ottavo in maratona). Allora tra una gara e l’altra trascorsero almeno 5 giorni, questa volta Meucci correrà mercoledì e poi dopo tre giorni la maratona. 

Articoli correlati

Maratona di Francoforte: record di Valariy Ayabei

28 Ottobre, 2019

Valariy Ayabei, 28enne keniana, è la vincitrice della maratona di Francoforte che ha dominato chiudendo in un eccellente 2:19’10” nuovo record della corsa e quarta migliore prestazione mondiale dell’anno. Valariy Ayabei è transitata al 10 km in 31’44” al ritmo da record del mondo ed ha poi continuato a correre a ritmi elevatissimi passando al 21° […]

We Run Rome: Meucci chiude il 2018 con il sorriso

01 Gennaio, 2019

L’azzurro Daniele Meucci e  l’israeliana Lonah Chemtai Salpeter si sono imposti nell’ottava edizione dell’Atleticom We Run Rome, che ha attraversato tutti i luoghi di maggiore fascino della capitale. Meucci ha tagliato il traguardo alle Terme di Caracalla in 29’05” davanti al keniano James Kibet (vincitore alla We Run Rome 2017 e al Campaccio 2018) e […]

Meucci e Salpeter alla We run Rome 

28 Dicembre, 2018

Il campione europeo di maratona di Zurigo 2014 Daniele Meucci correrà per la terza volta in carriera alla We Run Rome, dopo il secondo posto nel 2015 e il quarto posto nel 2018. L’ingegnere pisano si è classificato undicesimo agli Europei di cross di Tilburg contribuendo al terzo posto del team italiano nella classifica a […]

Daniele Meucci sul podio a Pettinengo: “Ora penso ai cross”

15 Ottobre, 2017

Era dall’impresa di Salvatore Bettiol del 1994 che il Giro Podistico Internazionale di Pettinengo non applaude una vittoria italiana. Ventitré anni dopo è Daniele Meucci, terzo, a riportare l’azzurro sul podio della gara biellese che da 47 edizioni rappresenta l’appuntamento clou di fine stagione. Rientrato alle gare una settimana fa nella 20km di Parigi, Meucci a Pettinengo […]