fbpx
Foto Giancarlo Colombo

Zona mista – Andrea Lalli e Usain Bolt

E bravo Andreino! Sì, Andrea Lalli domenica primo a Fiuggi nella “Festa del Cross”, che ha risollevato il morale di noi aficionados dopo che si erano viste tante ombre scure tagliare per primi i vari traguardi, almeno guardando il tutto su Raisport.

Andrea Lalli per chi l’avesse scordato è l’unico italiano ad avere vinto un campionato europeo di corsa campestre da junior, under 23 e assoluto, dunque un atleta che con la specialità ha sempre qualcosa da dire.
Si sa però che il fantasmagorico mondo della maratona affascina tutti, pertanto pure lui si è fatto attirare dai 42 km e 195 m.

Lo abbiamo già visto in azione qualche volta, per ultimo a Torino a novembre, ora ci riprova a Rotterdam, nel frattempo farà un test a Roma domenica prossima.
Ora Andrea si goda questa vittoria che lo porta con le Fiamme Gialle e l’Esercito il prossimo anno a prendere parte alla Coppa Campioni di cross.

La giornata, vista sempre in tv, non è stata di quelle che passano alla storia, tantissime gare, sotto un cielo plumbeo gonfio di pioggia e con un vento davvero impetuoso.
Sì è visto vincere la Jepkurgat tra le donne. Il titolo di campionessa d’Italia è andato a Sara Dossena, meglio conosciuta come Sary Dos, bene Svetlana Reina tra le junior per la gioia di Giorgio Rondelli che ha trascorso una vita tra pane e cross e nonostante fosse impegnato come voce tecnica televisiva, ha potuto urlare e seguire la sua allieva sotto la pioggia…

Meno bene, dal mio punto di vista, Yema Crippa (il titolo jr è suo), secondo dietro un keniano non di certo eccelso come Edwin Melly.
Tra gli allievi non poteva mancare Marta Zenoni (donne) e Mfamara (uomini), la figlia d’arte Nadia Battocletti prima tra le cadette. A squadre nella combinata Trieste Atletica (uomini) e Atl Brescia (donne).

Una domenica senza sussulti, ma se avete letto bene nelle pieghe dei quotidiani sportivi, vi sarete accorti che Usain Bolt ha corso i 400 metri a Kingston in Giamaica nel Foster Classic. Visto il filmato su youtube il “lampo” è parso piuttosto appesantito e carico di lavoro. Il suo crono, non di certo entusiasmante: 46”37.
Occorre però tenere presente che ha fatto meglio del 2008 e nel 2013 quando corse in apertura di stagione i 400.

Due considerazioni: la prima Bolt corre e si esprime anche in Patria. Vuol essere un messaggio per qualche nostro azzurro? La risposta è: sì.
La seconda avesse corso contro il nostro Matteo Galvan le avrebbe buscate. Sai che titoli sui quotidiani e in tv? Sogni…. Sì che forse muoiono all’alba.

Articoli Correlati

I migliori italiani contro la “Generazione Z” dell’Africa alla Cinque Mulini
Cesare Maestri
Cross della Vallagarina: Cesare Maestri riporta l’Italia al successo
Hellen Obiri cross di Elgoibar
Obiri vince il cross di Elgoibar per il secondo anno consecutivo
Traguardo Cross del Campaccio
Doppietta etiope al cross del Campaccio
Campaccio Crippa, Battocletti e Dossena
Crippa, Battocletti e Dossena al via del 63° Campaccio
Nadia Battocletti, europei di cross oro
Europei di cross: oro di Nadia Battocletti, Italia terza nel medagliere