fbpx

Yema e Neka, un documentario sui Crippa

05 Giugno, 2015

Yema e Neka vengono dall’Etiopia, dove già da bambini aiutavano la famiglia portando il bestiame a pascolare. Alla vita a 3.000 m e agli strascichi della Guerra Civile erano abituati, ciò che li sconvolge è la morte dei genitori, in rapida successione. Accade allora che sono gli zii a farsi carico dei due giovani e dei loro quattro fratelli, per un totale di tre maschi e tre femmine. Ma nemmeno gli zii navigano nell’oro, e così i ragazzi finiscono in un orfanotrofio.

Succede poi, però, che in quell’orfanotrofio arrivano l’Associazione Centro Aiuti per l’Etiopia e i coniugi Roberto e Luisa Crippa, quarantenni milanesi pronti a stravolgere la propria vita, animati da un altruismo e una fede dilaganti. Al clan dei sei fratelli si aggiungono due cugini e tre amici d’infanzia di Roberto con problemi psichici: Bruno, vera star del documentario girato da Matteo Valsecchi, Anna e Giancarlo.

Rimanere a Milano a quel punto è impossibile, così la famiglia si trasferisce in una casona nel Comune di Montagne, poco più di 200 anime tra Tione e Spiazzo, a un’ora da Trento. Ed è qui che i due ragazzi, divenuti Crippa, si scoprono i talenti del mezzofondo azzurro che conosciamo: Nekagenet, classe 1994, è stato campione mondiale Juniores di corsa in montagna; Yemaneberhan, 1996, è campione europeo Juniores di cross in carica.

Presentato al 63° Trento Film Festival, «Yema e Neka non è un documentario incentrato sui successi sportivi dei due ragazzi, quanto piuttosto sul tema dell’integrazione e sulla loro vicenda umana, dall’orfanotrofio a questo contesto familiare estremamente particolare» racconta Valsecchi. «Ogni personaggio di casa Crippa meriterebbe un approfondimento a sé stante: dalla santa leggerezza del padre all’interpretazione del mondo dei tre “zii” acquisiti, dal ritorno alla routine cittadina della madre adottiva al senso di appartenenza a quel micro mondo sviluppato invece dai ragazzi» conclude il giovane regista e produttore.

Medaglie importanti e allenamenti severi, con qualsiasi condizione climatica. Sullo sfondo il silenzio delle montagne di un Trentino minore, mai così protagonista.

Articoli correlati

Miglio di Milano: delusione Crippa

04 Settembre, 2021

Nulla da fare per il campione trentino, apparso affaticato al momento del cambio ritmo decisivo, agli ultimi 600 m: undicesimo in 4’02”22 nel “Miglio Élite” vinto dal sorprendente irlandese Andrew Coscoran (3’55”59). Terzo Osama Zoghlami, quarto Pietro Arese. Sabbatini (4’31”76) su Del Buono e Bortoli nel miglio donne. «È chiaro che non sono contento della […]

Miglio: Crippa, caccia al record

03 Settembre, 2021

A un anno di distanza dal primato sfiorato a San Donato Milanese, Yeman Crippa tenta di nuovo l’assalto al primato italiano di Genny Di Napoli (3’51”96). All’Arena Civica, sui 1609,34 m del miglio del trofeo “Don Kenya Run” si misurano anche Gaia Sabbatini, Federica Del Buono e i gemelli Ala e Osama Zoghlami. Il record italiano del miglio è 3’51”96 e […]

Castelbuono: vince Lokumet, terzo Neka Crippa

27 Luglio, 2021

La corsa più antica d’Europa (95 edizioni) è tornata dopo aver saltato il 2020 per pandemia. Neka Crippa, terzo, è il primo degli italiani. La 95ª edizione del “Giro podistico di Castelbuono”, la gara di corsa su strada più antica d’Europa, ha portato alla ribalta il keniano Mark Lokumet, classe 1999, p.b. di 13’01” nei […]

Gateshead: Crippa, è ancora record

14 Luglio, 2021

Nel Muller Grand Prix di Gateshead l’azzurro migliora ancora il primato nazionale sui 3000 metri Yeman Crippa ha migliorato il suo record italiano dei 3000 metri con 7’37”80 nel Muller Grand Prix di Gateshead, settima tappa della Diamond League. Il precedente primato sulla distanza (7’38”27) lo aveva realizzato lo scorso 17 settembre al Golden Gala […]