Miglio di Milano: delusione Crippa

Miglio di Milano: delusione Crippa

04 Settembre, 2021
Foto: Giancarlo Colombo
Nulla da fare per il campione trentino, apparso affaticato al momento del cambio ritmo decisivo, agli ultimi 600 m: undicesimo in 4’02”22 nel “Miglio Élite” vinto dal sorprendente irlandese Andrew Coscoran (3’55”59). Terzo Osama Zoghlami, quarto Pietro Arese. Sabbatini (4’31”76) su Del Buono e Bortoli nel miglio donne.

«È chiaro che non sono contento della mia gara – dice Yeman Crippa all’Arena di Milano, dopo avere tagliato da poco il traguardo del Miglio nella riunione internazionale Don Kenya Run – ma avevo nelle gambe ancora le scorie dei 5.000 e 10.000 m all’Olimpiade di Tokyo. È importante prendere lezione dai momenti no e guardare avanti”. Non si nasconde il campione trentino, undicesimo in 4’02”22 nel Miglio Élite: «Ci sono appuntamenti importanti il prossimo anno. Sono già proiettato su quelli. Vorrei ringraziare gli organizzatori per il campo partenti allestito. Stasera sembrava di essere in un campionato italiano». 

La gara

Resiste ancora, quindi, la migliore prestazione italiana sulla distanza, 3’51”96 di Genny Di Napoli, stabilito poco distante, a San Donato Milanese, il 30 maggio 1992. Al via parte forte, seguendo la lepre, l’australiano Matthew Ramsden, che al passaggio del primo giro prende addirittura qualche metro. Ma il vantaggio “aussie” dura poco. Il secondo sussulto della giornata vede in testa Pietro Arese, dal cognome illustre, ma agli 800 m il gruppo degli inseguitori si ricompatta e lo raggiunge. Tra di loro anche Yeman Crippa, che però appare in difficoltà. Arese a 600 m dalla fine allunga, ma in contropiede scatta il sorprendente irlandese Andrew Coscoran, accreditato di un non trascendentale 3’37” sui 1.500 m, che accelera agli ultimi 200 m e vince in un discreto 3’55”59 davanti al belga Stijn Baeten (3’56”03) e all’aeronauta Osama Zoghlami, 3’56”06, che conferma la buona vena olimpica. Quarto Pietro Arese (3’56”80). Yeman Crippa è undicesimo (4’02”22). 

Sabbatini, Del Buono, Bortoli

Qualche minuto prima era stata Gaia Sabbatini a vincere in 4’31”76 il Miglio Élite donne con volata lunga che le ha fatto superare una rinata Federica Del Buono (4’32”96) e la sorprendente Elisa Bortoli (4’33”62). «Ero un po’ cotta dopo l’Olimpiade -ha detto la campionessa europea Under 23 dei 1.500 m – ma fa sempre piacere vincere in una cornice bella come l’Arena».

Articoli correlati

Mondiali indoor: bronzo di Fabbri nel getto del peso

02 Marzo, 2024

Arriva la prima medaglia per l’Italia ai Campionati mondiali indoor di Glasgow: Leonardo Fabbri nel getto del peso è terzo con 21,96 metri. Magnifica Sveva Gerevini nel pentathlon: quarta col record italiano e il miglior piazzamento mondiale nella storia azzurra delle prove multiple. I crampi frenano Chituru Ali nella finale dei 60 piani (ottavo). Nelle […]

800 metri indoor: è record italiano per Tecuceanu

23 Febbraio, 2024

A Madrid Catalin Tecuceanu vince gli 800 metri in 1’45”00 migliorando lo storico record di Giuseppe D’Urso (1’45’44 / 1993), che resisteva da 31 anni. Buone anche la parallela prova di Eloisa Coiro, che chiude gli 800 in seconda posizione in 2’01”50 (primato personale indoor), e di Ludovica Cavalli, terza italiana di sempre nei 1.500 […]

Meslek colpisce ancora: altro record sui 1.500 metri

07 Febbraio, 2024

Con 3’35”63 Ossama Meslek migliora il già suo record italiano dei 1.500 metri nel meeting di Torun, caratterizzato anche dall’ulteriore primato italiano di Zaynab Dosso (7”02 nei 60 metri piani) e dal miglioramento di Andy Diaz (17,65 m nel salto triplo), sempre più capolista stagionale. Bravi anche Lorenzo Simonelli e Catalin Tecuceanu. La sfida prosegue […]

Super indoor per l’Italia: quanti record in un weekend!

04 Febbraio, 2024

Dopo i 4 record del fine settimana precedente, ecco il primato europeo indoor under 20 di Mattia Furlani nel salto in lungo (8,08 m) e i primati italiani indoor di Pietro Arese (3.000 m/7’38”42), Ossama Meslek (1.500 m/3’36”04) ed Elisa Molinarolo (Asta / 4,63 m), oltre alla miglior prestazione mondiale stagionale saltata due volte nella […]