fbpx
Wanda Diamond League

Wanda Diamond League – Ecco le nuove date: Golden Gala 17 settembre. Niente finale per il 2020

Di: Diego Sampaolo
Calendario tutto da confermare, quello emesso dalla World Athletics: dipenderà dall’evolversi della lotta al Covid-19, Paese per Paese. Programma gare a discrezione degli organizzatori, in quanto non è prevista né una classifica né la finale. Meeting in alcuni casi aperti al pubblico e in altri visibili solo in TV.

La World Athletics ha annunciato il piano per far disputare la Wanda Diamond League per il 2020 con un programma abbreviato e tutto concentrato tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. 

Il calendario dei top meeting dell’atletica ripartirà da Montecarlo, venerdì 14 agosto, e si concluderà in una sede ancora da stabilire in Cina, sabato 17 ottobre. In origine, il calendario della Wanda Diamond League avrebbe dovuto svolgersi tra il 16 aprile e l’11 settembre con una pausa per i Giochi olimpici di Tokyo (ora rinviati), dal 24 luglio al 9 agosto.

Il nuovo calendario della Wanda Diamond League 2020:

14 agosto, Monaco
16 agosto, Gateshead
23 agosto, Stoccolma
2 settembre, Losanna
4 settembre, Bruxelles
6-settembre, Parigi
17 settembre, Napoli
19 settembre, Shanghai
4 ottobre, Eugene
9 ottobre, Doha
17 ottobre, Cina, sede da stabilire

Programma tutto da confermare

Dalla World Athetics precisano che il programma va inteso come provvisorio, emanato nella consapevolezza delle variazioni a cui il programma stesso sarà soggetto in base al variare delle condizioni dell’epidemia di Covid-19 e alle diverse normative nazionali, regionali e locali. Non è stato possibile – è stato inoltre precisato dal governo mondiale dell’atletica – recuperare in una nuova data il meeting International Mohammed VI D’Athletisme di Rabat (data originale: 31 maggio); i Müller Anniversary Games a Londra (4 – 5 luglio) e il Weltklasse a Zurigo, 9-11 settembre). 

Niente finale 

Anche per questo motivo non ci sarà una finale: “La Wanda Diamond League del 2020 non sarà una serie strutturata di eventi che porteranno a una finale, come di solito accade – hanno dichiarato dalla World Athletics – Date le attuali discrepanze nell’allenamento e nelle opportunità di viaggio, sarebbe impossibile garantire condizioni di parità e un sistema di qualificazione equo. Gli atleti non guadagneranno quindi punti Diamond League in questa stagione e non ci sarà una singola finale di disciplina a Zurigo come inizialmente previsto.” Zurigo ospiterà di nuovo la finale sia nel 2021 sia nel 2022.

Liberta locale di programma tecnico

In mancanza di una finale, viene meno la necessità di elaborare una classifica e di conseguenza non ci sarà lo stesso programma tecnico in ogni meeting. “Le discipline da inserire in programma non saranno governate a livello centrale – precisano ancora dalla World Athletics -. I singoli organizzatori di riunioni possono impostare i propri programmi e dovranno farlo almeno due mesi prima della propria riunione. Alcuni meeting potranno essere seguiti dal pubblico, mentre altri saranno realizzati a porte chiuse e visibili solo dalla televisione.” 

Gli organizzatori potranno così redigere il programma tecnico in base alle condizioni climatiche della nuova data. “Ad esempio, la temperatura media a Eugene (Oregon/USA), per il 4 ottobre, offre di solito condizioni ottimali per la corsa di media e lunga distanza, ma non per gli sprint. Come già in precedenza stabilito dalla stessa World Athletics, nessun risultato ottenuto durante la stagione 2020 sarà considerato valido per le qualificazioni ai Giochi Olimpici. La finestra per i minimi di accesso ai Giochi, infatti, riaprirà a dicembre.

Articoli Correlati

Sondre Nordstad Moen
Sondre Moen batte il record europeo dell’ora di corsa: 21.120 metri
Europei di cross, Yeman Crippa, fratelli Ingebrigtsen, Can e Battocletti stelle a Lisbona
Crippa diventa il quarto italiano di sempre con 3’35”26 a Rovereto
Jemma Reekie
Trieste: Reekie batte Muir nella sfida sugli 800 m, personal best per Vandi
Stefano La Rosa
“Arezzo riparte di corsa”: vince Stefano La Rosa
Europei di cross, Yeman Crippa, fratelli Ingebrigtsen, Can e Battocletti stelle a Lisbona
Yeman Crippa debutta sui 1500 metri con 3’39”70 a Cles
Mennea
Momenti di gloria: 40 anni fa l’oro di Mennea a Mosca