fbpx

Parola di Pink: New York, 42 km di sfida. Ho vinto io

Parola di Pink: New York, 42 km di sfida. Ho vinto io

Sono partite in 38, si sono allenate per sei mesi e in 10 sono arrivate a correre la maratona di New York. Alcune di loro erano principianti, altre avevano un po’ di pratica nelle gambe, tutte condividevano lo stesso passato segnato dal tumore al seno.

Sono tornate dalla Grande Mela stringendo una medaglia che è l’orgoglioso simbolo di un enorme lavoro fatto su stesse. Per testimoniare che #NothingStopsPink, niente ferma le donne.

Nothing Stops Pink è il progetto firmato da Fondazione Umberto Veronesi e Rosa&Associati per promuovere il movimento e la corsa come forma di prevenzione al tumore.

Su Correre di gennaio abbiamo presentato l’iniziativa, sul numero di febbraio diamo parola alle protagoniste.

Il racconto della Pink Elena Rota

Tagliare il traguardo a Central Park per me è stata una grande vittoria, i miei due obiettivi per cui avevo sudato nei mesi precedenti li avevo raggiunti. Si, perché io volevo tagliare il traguardo, volevo la medaglia! E anche riuscire a correre durante tutto il percorso.

Il traguardo l’ho diviso con Angela, mia compagna di avventura e ne sono stata felice perché solo insieme siamo riuscite ad arrivare sotto le cinque ore.
Il mio primo pensiero è andato ai miei allenatori che mi hanno dato il meglio per riuscire ad arrivare al traguardo.
E naturalmente anche a Fondazione Veronesi e Rosa &Associati che mi hanno permesso di vivere questa avventura insieme alle mie compagne.

Io sono una principiante come runner, ma sono una ex cestista che ha giocato anche ad alti livelli e a me le sfide sono sempre piaciute, il sudore non mi ha mai fatto paura perché so che il successo viene prima del sudore solo sul dizionario e io ho sempre lottato fino all’ultimo secondo di ogni partita che ho giocato. Per me è stata una sfida con i 42 km e ho vinto Io.

La malattia? E’ stata dura affrontarla nel 2006 e 2010, ma per me è un capitolo chiuso. Sono sicura che la mentalità sportiva (il sacrificio, il sudore, l’umiltà, la pazienza, la caparbietà) mi hanno aiutato moltissimo a reagire, lottare e vincere.

Articoli correlati

Maratona come migliorare la performance

Maratona, come migliorare le prestazioni? Ecco i dettagli possono fare la differenza I particolari, se debitamente curati, possono garantire un certo vantaggio prestativo. I consigli di Orlando Pizzolato sulla maratona come migliorare. Ma sono pochi gli amatori che dispongono del tempo o della voglia di metterli in pratica. L’approccio I parametri da monitorare Peggioramenti prestativi La […]

Anna Incerti terza alla maratona di Padova

24 Aprile, 2022

La Maratona di Padova è ripartita dopo due anni di pandemia e la special edition del 2021 dedicata alla sola mezza maratona. L’evento organizzato da Assindustria Sport Padova guidato dal Presidente Leopoldo Destro ha potuto riproporre un programma completo con il ritorno della maratona, che mancava dal 2019. Padova ha offerto un grande evento di […]

Jepchirchir e Chebet trionfano alla Maratona di Boston

19 Aprile, 2022

Evans Chebet e Peres Jepchirchir vincono la 126ma Maratona di Boston. Per il keniano si tratta della prima vittoria in carriera in una maratona World Marathon Majors. La campionessa olimpica Peres Jepchirchir ha vinto la cinquantesima edizione della gara femminile della Maratona di Boston battendo l’etiope Ababel Yeshaneh al termine di un testa a testa emozionante nel […]

Nageeye, record olandese alla maratona di Rotterdam

10 Aprile, 2022

Il vice campione olimpico Abdi Nageeye ha conquistato la prima vittoria della sua carriera in maratona alla NN Marathon di Rotterdam battendo l’etiope Leul Gebrselassie al termine di un emozionante arrivo allo sprint al Coolsingel di Rotterdam, dove è situato il traguardo della maratona olandese. Nageeye ha stabilito il primato olandese con 2h04’56”. Anche Gebrselasie […]

Salute Allenamento News Equipment Correre