Mezza maratona: sono già 7000 gli iscritti alla RomaOstia

Manca poco meno di un mese alla chiusura delle iscrizioni (fissata per il prossimo 15 febbraio) della mezza maratona Huawei RomaOstia, in calendario domenica 11 marzo e sono già circa 7000 gli atleti che hanno prenotato un pettorale per la 44^ edizione .

Anche quest’anno, stando alle previsioni e alle richieste, i partecipanti dovrebbero avvicinarsi alle 12500 unità, con un notevole incremento per quel che concerne il numero degli stranieri (che lo scorso anno furono circa il 10%) e delle donne (21,5 % nell’edizione 2017) in gara.

Tutte le emozioni dei partecipanti verranno suggellate dalla medaglia riservata agli atleti che taglieranno il traguardo sul lungomare. Medaglia che sancisce anche la partnership della RomaOstia con Huawei, title sponsor nonché official timing della manifestazione ideata da Luciano Duchi e che dopo 44 anni di storia corre sempre più veloce raggiungendo importanti traguardi. Sul retro della medaglia l’incisione “make it possible” per celebrare l’opportunità per la RomaOstia come per tutti i partecipanti, di raggiungere importanti traguardi.

La RomaOstia, che si correrà nella domenica successiva a quella delle elezioni politiche calendarizzate il 4 marzo, mantiene dunque inalterato il suo fascino e la sua risonanza mondiale (la Iaaf l’ha insignita, unica gara in Italia, della Gold Label) che quest’anno saranno implementati dal rapporto di stretta collaborazione con RCS Sport con il quale i Bancari Romani hanno recentemente sottoscritto un accordo di partnership.

Articoli Correlati

Said El Otmani
Grande prestazione di El Otmani nella Lago Maggiore Half Marathon
Mezza maratona di Praga: Kipkirui batte Salpeter nella gara femminile, tre uomini sotto l’ora
Ruth Chepngetich
Ruth Chepngetich vola in 1h05’30” alla mezza maratona di Istanbul
Lorenzo Dini
Jeptoo e Raimoi conquistano il successo alla Stramilano, Lorenzo Dini è quinto
Jairus Birech e Priscah Jeptoo stelle della Stramilano 2019
Sondre Nordstad Moen
Mezza maratona: in sei sotto l’ora a Lisbona e il ritorno di Moen in Polonia