Stefano La Rosa

La Rosa e Console campioni italiani dei 10000 metri

Stefano La Rosa (Foto: Giancarlo Colombo)
Di: Diego Sampaolo

Stefano La Rosa e Rosaria Console si sono laureati campioni italiani dei 10000 metri per la terza volta in carriera sulla pista di Ferrara. Il grossetano La Rosa si è imposto nella gara maschile in 28’36”86 precedendo il campione europeo di maratona di Zurigo 2014 Daniele Meucci (28’38”94) in una sfida tra due maratoneti che rappresenteranno l’Italia nella maratona ai prossimi Europei di Berlino. 

La Rosa si è portato al comando ad un giro e mezzo dalla fine prima di piazzare l’allungo decisivo sul rettilineo conclusivo, che gli ha permesso di battere il corregionale Meucci, mentre il terzo posto è andato allo specialista della corsa in montagna Nadir Cavagna (29’57”14). La gara femminile ha visto il successo dell’olandese Jill Holterman (che gareggiava fuori classifica) davanti a Console, che ha portato a casa il terzo titolo tricolore sulla distanza della sua lunga carriera in 34’56”52. La ventunenne veneta Rebecca Lonedo si è classificata terza ma seconda tra le italiane in 35’51”28. 

Nelle gare di contorno Elena Bellò ha conquistato il successo sugli 800 metri con il record personale migliorato di quasi mezzo secondo con 2’03”48 battendo la finalista europea Yusneisy Santiusti (2’03”96). Mohad Abdikadar si è imposto nei 1500 metri migliorando il personale stagionale con 3’41”07, 

Prima dell’inizio delle gare si è svolta la cerimonia di intitolazione del Campo Sportivo Scolastico di Ferrara all’ex Direttore Tecnico della nazionale italiana di atletica Giampaolo Lenzi, morto nel 2015. 

Articoli Correlati

Dalia Kaddari
Due medaglie italiane alle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires
Yeman Crippa
Kiplimo batte Edris al Giro al Sas di Trento, Crippa è terzo
Mo Farah vince per la quinta volta la Great North Run
Yohannes Chiappinelli
Chiappinelli ottimo terzo alla Continental Cup di Ostrava 
Assoluti Pescara: Nadia Battocletti, prima “millenial” tricolore
Nijel Amos
Amos, Rengeruk e Manangoi in luce al Memorial Hanzekovic di Zagabria