Kelvin Kiptum, record del mondo a Chicago

Kelvin Kiptum, record del mondo a Chicago

08 Ottobre, 2023
Foto: Bank of America Chicago Marathon / Kevin Morris

Kelvin Kiptum vince la maratona di Chicago in 2:00’35”, primato del mondo, migliorando di 34” il precedente primato di Eliud Kipchoge, il 2:01’09” stabilito a Berlino nel 2022. L’olandese Sifan Hassan vince con la seconda prestazione femminile di tutti i tempi: 2:13’44”.


Arriva da Chicago il record del mondo uomini che avvicina ulteriormente il muro delle due ore in una gara ufficiale. Il keniano Kelvin Kiptum ha vinto la maratona di Chicago in 2:00’35”, cioè 34” meglio del primato mondiale fissato a Berlino nel 2022 (2:01’09”) da Eliud Kipchoge.


Il nuovo record è il risultato di una fuga a due cominciata subito dopo il quinto chilometro, quando Kelvin Kiptum e il connazionale Daniel Kibet Mateiko hanno impresso una netta accelerazione che li ha portati a passare al decimo chilometro già con 30 secondi di vantaggio sugli inseguitori.
Il vantaggio è andato incrementando e il passaggio alla mezza maratona è avvenuto per la coppia di testa in 1:00’48” e qui ha cominciato a farsi interessante il confronto con la tabella del primato del mondo di Kipchoge, che a Berlino 2022, in occasione, appunto, del record, era passato a metà gara in 59’50”.


Il micidiale negative split di Kelvin Kiptum


I due battistrada hanno proseguito al ritmo di 2’53”/km, mantenuto fin dalle prime battute della gara, e sono rimasti assieme fino al 33° chilometro, quando Kiptum ha impresso una micidiale accelerazione alla gara che lo ha portato a transitare al 35° chilometro con già 49 secondi di vantaggio sul diretto rivale alla vittoria (che nel frattempo aveva rallentato) e con uno svantaggio sulla tabella di Kipchoge a Berlino 2022 ridotto a soli 12 secondi, destinati a essere risucchiati nei successivi 5 km: al 40° Kiptum passa in 1:54’03” contro 1:54’53” del primato di Berlino.
Finisce con un risultato straordinario: 2:00’35”, praticamente senza lepri, firmato Kevin Kiptum.

Donne: Sifan Hassan 2:13’44

Non meno spettacolare la gara femminile: alla seconda maratona della carriera, dopo la vittoria della scorsa primavera a Londra, l’olandese Sifan Hassan taglia il traguardo in 2:13’44”, secondo miglior tempo di sempre dopo il primato mondiale di Tigist Assefa (2:11’53”, Berlino, 24 settembre scorso). Tempo che rappresenta anche il record europeo femminile (precedente: il “mitico” 2:15’25” di Paula Radcliffe, che fu record mondiale per 16 anni, dal 2003 al 2019). Secondo posto per Ruth Chepngetich (2:15’37”) e terzo per Megertu Alemu (2:17’09”).

Articoli correlati

Verso Venicemarathon: le tabelle della seconda settimana

Benvenuto al programma in 15 settimane, gratuito e rivolto a tutti, ideato dagli organizzatori della Maratona di Venezia in collaborazione con la nostra rivista. Qui di settimana in settimana, troverai le tabelle in preparazione dell’appuntamento di domenica 27 ottobre. Training to Wizz Air Venicemarathon è il programma che ti accompagna passo dopo passo verso il […]

Il ritorno di Alex Schwazer

18 Luglio, 2024

Un ritorno-addio, quello del marciatore altoatesino che domenica 7 luglio ha concluso gli 8 anni di squalifica. Ad Arco (TN), in una gara omologata Fidal sui 20 km di marcia. Gli 8 anni di squalifica sono finiti domenica 7 luglio. Troppo tardi per provare a ottenere lo standard di partecipazione per i Giochi olimpici di […]

Tamberi: “Ho pianto, ma il sogno non finisce”

10 Luglio, 2024

Il portabandiera azzurro accusa un problema al bicipite femorale e dovrà seguire una settimana di terapie e allenamenti differenziati saltando le gare di avvicinamento ai Giochi,. “Non mi vergogno a dirlo, ho pianto 3 volte nelle ultime 24 ore… probabilmente per la tensione, probabilmente per la paura e forse anche perché in parte tutto questo […]

Lucio Gigliotti compie 90 anni: auguri “Proffe”

09 Luglio, 2024

Luciano “Lucio” Gigliotti è nato ad Aurisina (TS), il 9 luglio 1934. Anche Correre festeggia i 90 anni dell’allenatore che in maratona ha costruito le carriere di Gelindo Bordin, Stefano Baldini e Maria Guida. Ecco una sintesi della lunga intervista pubblicata nel numero di luglio. Il 9 luglio sono 90 anni. Superfluo ribadire che non […]