Keitany e Farah trionfano alla Great North Run

Mo Farah (Foto: Giancarlo Colombo)
Di: Diego Sampaolo

Mary Keitany e Mo Farah hanno trionfato nella Simplyhealth Great North Run, popolare mezza maratona del Nord Est dell’Inghilterra da Newcastle a South Shields. La leggenda del mezzofondo britannico Brendan Foster, fondatore della Great North Run nel 1981, ha dato il via ai 43000 runners che hanno preso parte alla famosa corsa inglese nel corso di una mattinata fredda e nuvolosa.

LA GARA MASCHILE

Mo Farah si è aggiudicato la Great North Run per il quarto anno consecutivo tagliando in 1h00’06” precedendo di sei secondi il neozelandese Jake Robertson, mentre il vice campione olimpico di maratona di Rio de Janeiro Feyisa Lilesa ha completato il podio chiudendo al terzo posto in 1h01’32” con dieci secondi di vantaggio su Zane Robertson, fratello gemello di Jake.

Farah ha stabilito la terza migliore prestazione della sua carriera dopo il 59’32” realizzato a Lisbona nel 2015 e il 59’59” dell’anno scorso ai Mondiali di mezza maratona a Cardiff.

Jake Robertson ha tenuto la testa della gara negli ultimi chilometri della gara prima dell’attacco decisivo di Farah a 400 metri dalla fine.

Mo Farah ha eguagliato il record di quattro vittorie alla Great North Run detenuto dal keniano Benson Masya, che si impose a Newcastle nel 1991, nel 1992, 1994 e nel 1996.

 “E’ stata una gara davvero impegnativa. Ho dolori dappertutto. A quattro miglia dalla fine ho provato a stringere i denti e ho sempre creduto nelle mie possibilità di vincere la gara allo sprint. E’ stata una bella sensazione vincere per la quarta volta consecutiva la Great North Run. La tattica ha funzionato. Mi sto divertendo. Continuo a vivere il mio sogno. Sono contendo di come è andata la stagione”. 

LA GARA FEMMINILE

Mary Keitany ha preceduto di un minuto e 45 secondi la connazionale Vivian Cheruiyot (1h07’44”), campionessa olimpica in carica dei 5000 metri e vincitrice della Great North Run dello scorso anno. Keitany è transitata ai 5 km in 16’01” e al 10 km in 31’35”.

La fuoriclasse keniana ha tagliato il traguardo in un eccellente 1h05’59” stabilendo il terzo miglior tempo di sempre nella storia della Great North Run e la tredicesima prestazione più veloce all-time. Con questa prestazione cronometrica Keitany ha mancato di venti secondi il record del percorso da lei stessa detenuto con 1h05’39”. Keitany disputerà la prossima maratona di New York.

Caroline Kipkirui, che ha provato a rimanere nella scia di Keitany fino all’ottavo miglio, ha completato il podio in terza posizione in 1h09’52” precedendo le altre due top runners keniane Magdalyne Masai e Betsy Saina. Nella sua carriera Keitany si era già imposta a Newcastle nel 2014 e nel 2015.

 “E’ stata una sensazione straordinaria vincere la Great North Run per la terza volta in carriera. C’era vento e ho corso da sola per gran parte della gara ma sono molto soddisfatta di come è andata la gara”, ha dichiarato Mary Keitany.

Articoli Correlati

Lorenzo Benati
Nove medaglie italiane ai Campionati Europei Under 18 di Gyor
IAAF Diamond League: Semenya e Samba fanno tremare il record del mondo a Parigi
Yeman Crippa, bronzo ai ai Giochi del Mediterraneo sui 5000 m
Pioggia di medaglie italiane ai Giochi del Mediterraneo di Tarragona 
Shelby Houlihan vince i 1500mt
Doppietta di Shelby Houlihan sui 1500m e sui 5000m ai Campionati statunitensi di Des Moines
Maria Enrica Spacca, Maria Benedicta Chigbolu
Doppietta della Studentesca Milardi Rieti nella finale dei Societari di Modena
Yeman Crippa
Crippa cancella il record italiano under 23 dei 3000 metri a Ostrava