Gli ori azzurri da Mattarella e Draghi

Gli ori azzurri da Mattarella e Draghi

24 Settembre, 2021
Foto: Quirinale
Nei giardini del Quirinale la cerimonia della riconsegna della bandiera ha riunito per la prima volta le 109 medaglie complessive dello sport italiano, tra Giochi olimpici (40 medaglie) e paralimpici (69). Al Presidente della Repubblica è stato donato il testimone della staffetta 4×100. Spostamento a palazzo Chigi su cinque bus scoperti, tra gli applausi. L’atletica al centro del saluto di Draghi.

Una giornata di festa per lo sport italiano. Giovedì 23 settembre si è svolta la cerimonia di riconsegna della bandiera al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Nei giardini del Quirinale si sono ritrovati gli atleti protagonisti dei Giochi olimpici e paralimpici di Tokyo 2020, dai quali lo sport azzurro è tornato con 109 medaglie, di cui 40 olimpiche e 69 paralimpiche. Protagonisti di primo piano della cerimonia sono stati gli azzurri dell’atletica, accompagnati dal presidente Fidal, Stefano Mei, dal direttore tecnico, Antonio La Torre, e dai principali allenatori.

Le parole del Presidente

«Grazie per aver reso onore al tricolore – ha detto il Presidente -. Avete raggiunto traguardi sportivi di altissimo prestigio, siete stati squadra, avete manifestato amicizia e integrazione. È stata una grande estate per il nostro sport, merito non soltanto dei protagonisti ma anche degli staff tecnici, sanitari, organizzativi, tutte persone che hanno contributo a questi risultati. E il mondo paralimpico è un’avanguardia preziosa per il nostro Paese».

Il quinto frazionista

Mattarella ha poi citato a memoria la formazione della staffetta 4×100: («Patta, Jacobs, Desalu e Tortu… avete emozionato gli italiani!»), ha lodato Gimbo Tamberi per la medaglia d’oro condivisa con Barshim («Una scelta splendida, un gesto di vero valore sportivo») e ha sottolineato i trionfi dei marciatori Palmisano e Stano. «Ci sono momenti in cui lo sport assume significati più ampi – ha aggiunto il Capo dello Stato – e il nostro Paese, in ripresa dalla pandemia, si è sentito ben rappresentato da voi». Il Presidente ha poi ricevuto dagli staffettisti campioni olimpici il testimone (oltre a una porzione della pista di Tokyo), quale ideale quinto frazionista.

azzurri da Mattarella
Cinque bus scoperti per andare da Draghi

Con la modalità inaugurata dalla nazionale di calcio campione d’Europa, su cinque bus scoperti, tra gli applausi dei passanti, gli azzurri si sono spostati dal Quirinale a Palazzo Chigi, dove hanno incontrato il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, che ha messo l’atletica al centro del proprio saluto: «Una menzione particolare va fatta per l’atletica leggera – ha detto il premier -, che ha ottenuto risultati che non pensavamo possibili: l’uomo più veloce del mondo è italiano – ha aggiunto cercando Jacobs con lo sguardo, prima di fermarsi per applaudirlo e di rievocare il siparietto diventato virale su siti e social della telefonata post-medaglia d’oro -. Non volevo disturbarti durante la conferenza stampa… È italiana anche la staffetta più veloce – ha poi aggiunto -. E oltre ad andare veloce, l’Italia quando salta… vola! Penso ovviamente al nostro Gianmarco Tamberi. E come non citare Massimo Stano e Antonella Palmisano, primi nei 20 km di marcia».

Articoli correlati

Meslek colpisce ancora: altro record sui 1.500 metri

07 Febbraio, 2024

Con 3’35”63 Ossama Meslek migliora il già suo record italiano dei 1.500 metri nel meeting di Torun, caratterizzato anche dall’ulteriore primato italiano di Zaynab Dosso (7”02 nei 60 metri piani) e dal miglioramento di Andy Diaz (17,65 m nel salto triplo), sempre più capolista stagionale. Bravi anche Lorenzo Simonelli e Catalin Tecuceanu. La sfida prosegue […]

Super indoor per l’Italia: quanti record in un weekend!

04 Febbraio, 2024

Dopo i 4 record del fine settimana precedente, ecco il primato europeo indoor under 20 di Mattia Furlani nel salto in lungo (8,08 m) e i primati italiani indoor di Pietro Arese (3.000 m/7’38”42), Ossama Meslek (1.500 m/3’36”04) ed Elisa Molinarolo (Asta / 4,63 m), oltre alla miglior prestazione mondiale stagionale saltata due volte nella […]

Super Ingebrigtsen a Bruxelles

09 Settembre, 2023

L’asso norvegese stabilisce il record mondiale dei 2.000 metri con 4’43”13 migliorando dopo 24 anni il limite del grande Hicham El Guerrouj (4’44″79). Ayomide Folorunso (quinta) centra la qualificazione per le finali di Eugene, Tortu (sesto) corre i 200 m in 20”30, Derkach è quarta nel triplo con 14,17 m  Al “Memorial Ivo Van Damme” […]

Zurigo: Kejelcha vince i 5000 metri, quarto Tamberi

01 Settembre, 2023

Nella tappa svizzera della Diamond League un grande Yomif Kejelcha vince i 5000 metri in 12’46”91, a cinque secondi dallo storico record del meeting di Haile Gebrselassie. Gianmarco Tamberi è quarto, vince Mutaz Barshim a  2,35. L’etiope Yomif Kejelcha ha vinto i 5000 metri in 12’46”91 arrivando a cinque secondi dallo storico record del meeting di Haile Gebrselassie […]