Eugene 2022 chiude con due record del mondo

Eugene 2022 chiude con due record del mondo

25 Luglio, 2022
Foto: Francesca Grana

Dopo la mattina contrassegnata dall’oro del nostro Massimo Stano (marcia 35 km), l’ultimo pomeriggio di gare all’Hayward Field si è trasformato in uno show. Due i record mondiali: Duplantis nell’asta (6,21 m) e Tobi Amusan nei 100 a ostacoli donne (12”12). 

Fuochi d’artificio nell’ultima giornata dei Campionati mondiali di Eugene 2022: i big non deludono. Prima di fare le valigie e riprendere la via della Diamond League e (non per tutti) degli Europei di Monaco di Baviera, il mondo dell’atletica lascia in dono al “tempio” Hayward Field due record del mondo, uno atteso, uno a sorpresa: quello “atteso” arriva nella pedana dell’asta, dove le scommesse non erano su “chi vince”, ma su “a che misura arriverà Armand Duplantis”. La risposta è il record del mondo: 6,21 metri, ed è un caro ricordo aver visto nascere questo fenomeno agli Europei Under 20 di Grosseto 2017, quasi esattamente cinque anni fa (20-23 luglio 2017).

Il record in qualche modo “a sorpresa” arriva invece dalle barriere alte femminili: nella semifinale dei 100 a ostacoli, la nigeriana Tobi Amusan (quarta sia ai Giochi di Tokyo sia nel Mondiale di Doha 2019) trova il suo “giorno dei giorni” e taglia il traguardo in 12”12 (vento +0.9, precedente: 12”20, Kendra Harrison, USA, 22 luglio 2016, Londra). In finale la Amusan corre addirittura in 12”06, ma il vento è superiore al limite consentito di 2 metri al secondo e si deve “accontentare” di vincere il Mondiale. 

Parata di big all’Hayward Field

Il mezzofondo ha proposto la rivincita di Jacob Ingebrigtsen nei 5.000 metri e la vittoria più sudata del previsto di Athing Mu, che negli 800 metri ha concluso con il miglior crono mondiale 2022 (1’56”38), ma con solo 8 centesimi di vantaggio sulla britannica Hodgkinson, al termine di un’estenuante volata.

Due gli atleti che nell’ultima giornata hanno confermato l’oro olimpico col titolo mondiale: la tedesca Malaika Mihambo, prima nel lungo con 7,12 m (vento +1.0) e il nostro Massimo Stano, re della 35 km di marcia.

La finale della 4×400 donne vede l’Italia settima con un 3’26”45, terzo tempo italiano di sempre (3:25”16 il record nazionale, a Rio 2016) e miglior crono azzurro nei Mondiali. L’oro va agli Stati Uniti grazie anche a un’altra superba prova di Sydney McLaughlin (oro e record mondiale dei 400 a ostacoli), alla quale il cronometraggio ufficiale attribuisce una frazione da 47”91.

Le finali della decima e ultima giornata

800 m donne 

1. Athing Mu (USA), 1’56”30;
2. Keely Hodgkinson (GBR), 1’56”38;
3. Mary Moraa (KEN), 1’56”71;

5.000 m uomini 

1. Jakob Ingebrigtsen (NOR), 13’09”24;
2. Jacob Krop (KEN), 13’09”98;
3. Oscar Chelimo (UGA), 13’10”20;

100 m a ostacoli donne 

1. Tobi Amusan (NGR), 12”06;
2. Britany Anderson (JAM), 12”23;
3. Jasmine Camacgo-Quinn (PUR), 12”23;

Lungo donne 

1. Malaika Mihambo (GER), 7,12 m (vento +1 m);
2. Ese Brume (NGR), 7,02 m (+1,1 m);
3. Leticia Oro Melo (BRA), 6,89 m (+1,1 m);

Asta uomini 

1. Armand Duplantis (SWE), 6,21 m (record del mondo);
2. Christopher Nilsen (USA), 5,94 m;
3. Ernest John Obiena (PHI), 5,94 m;

Decathlon uomini 

1. Kevin Mayer (FRA), 8.816 punti;
2. Pierge Lepage (CAN), 8.701 p.;
3. Zachary Zimiek (USA), 8.676 m;

4×400 m uomini

1. USA (Godwin, Norman, Deadmon, Allison), 2’56”17;
2. JAM (Bloomfield, Allen, Powell, Taylor), 2’58”58;
3. BEL (D.Borlée, Watrin, Doom, K.Borlée), 2’58”72;

4×400 m donne

1. USA (Diggs, Steiner, Wilson, Mclaughlin), 3’17”79;
2. JAM (Mcleod, Russell, Mcpherson, Young), 3’20”74;
3. GBR (Ohuruogu, Yeargin, Knight, Nielsen), 3’22”64;

Gli azzurri in gara

4×400 m donne / finale

7. Italia (Polinari, Folorunso, Troiani, Mangione), 3’26”45;

Articoli correlati

Meslek colpisce ancora: altro record sui 1.500 metri

07 Febbraio, 2024

Con 3’35”63 Ossama Meslek migliora il già suo record italiano dei 1.500 metri nel meeting di Torun, caratterizzato anche dall’ulteriore primato italiano di Zaynab Dosso (7”02 nei 60 metri piani) e dal miglioramento di Andy Diaz (17,65 m nel salto triplo), sempre più capolista stagionale. Bravi anche Lorenzo Simonelli e Catalin Tecuceanu. La sfida prosegue […]

Super indoor per l’Italia: quanti record in un weekend!

04 Febbraio, 2024

Dopo i 4 record del fine settimana precedente, ecco il primato europeo indoor under 20 di Mattia Furlani nel salto in lungo (8,08 m) e i primati italiani indoor di Pietro Arese (3.000 m/7’38”42), Ossama Meslek (1.500 m/3’36”04) ed Elisa Molinarolo (Asta / 4,63 m), oltre alla miglior prestazione mondiale stagionale saltata due volte nella […]

Super Ingebrigtsen a Bruxelles

09 Settembre, 2023

L’asso norvegese stabilisce il record mondiale dei 2.000 metri con 4’43”13 migliorando dopo 24 anni il limite del grande Hicham El Guerrouj (4’44″79). Ayomide Folorunso (quinta) centra la qualificazione per le finali di Eugene, Tortu (sesto) corre i 200 m in 20”30, Derkach è quarta nel triplo con 14,17 m  Al “Memorial Ivo Van Damme” […]

Zurigo: Kejelcha vince i 5000 metri, quarto Tamberi

01 Settembre, 2023

Nella tappa svizzera della Diamond League un grande Yomif Kejelcha vince i 5000 metri in 12’46”91, a cinque secondi dallo storico record del meeting di Haile Gebrselassie. Gianmarco Tamberi è quarto, vince Mutaz Barshim a  2,35. L’etiope Yomif Kejelcha ha vinto i 5000 metri in 12’46”91 arrivando a cinque secondi dallo storico record del meeting di Haile Gebrselassie […]