fbpx
Genzebe Dibaba

IAAF Diamond League: Dibaba batte Hassan in un fantastico 1500 metri a Rabat

Di: Diego Sampaolo

Le due migliori prestazioni mondiali dell’anno degli etiopi Genzebe Dibaba e Getnet Wale hanno illuminato una grande notte di mezzofondo al meeting di Rabat, sesta tappa della IAAF Diamond League.

Genzebe Dibaba si è imposta su Sifan Hassan in 3’55”47 (suo miglior tempo dal 2015, anno in cui stabilì il record del mondo) vincendo un emozionante testa a testa con l’olandese, che è scesa per la prima volta in carriera sotto la barriera dei 3’56” con il record personale di 3’55”93 al termine di una straordinaria volata sul rettilineo finale. Sette atlete hanno abbattuto la barriera dei 4 minuti. L’etiope Gudaf Tsegay si è piazzata al terzo posto con 3’57”40 precedendo la marocchina Rababe Arafi (quarta con il record marocchino di 3’58”84), l’etiope Axumawit Embaye (3’59”02), l’ugandese Winnie Nanyondo (sesta con 3’59”56) e la statunitense Jenny Simpson (3’59”83). Di ottimo livello la canadese Gabriela Debues Stafford (4’00”46) e la figlia d’arte britannica Elish McColgan (4’00”97).

Tutta di marca etiope anche la gara dei 3000 siepi maschili dove il giovane Getnet Wale ha firmato la seconda migliore prestazione mondiale dell’anno della serata con 8’06”01 superando il connazionale Chala Beyo (8’06”48) e Il favorito Benjamin Kigen (8’07”25).

La serata di Rabat si è colorata di azzurro per i primati personali degli azzurri Said El Otmani sui 5000 metri e di Yeman Crippa sui 1500 metri. El Otmani, allenato da Gianni Crepaldi, ha realizzato il minimo per i Mondiali di Doha scendendo sotto i 13’20” con 13’19”30. Il campione del mondo under 20 Edward Zakayo Pingua ha vinto la prima gara di Diamond League in 13’11”49 davanti all’etiope Solomon Berihu (13’16”08). Crippa si è classificato undicesimo in 3’37”81 nei 1500m nella gara vinta in volata da Vincent Kibet in 3’35”80 per cinque centesimi sul marocchino Akankam.

Nijel Amos ha vinto un fantastico testa a testa sugli 800 metri con Emmanuel Korir per tre centesimi di secondo in 1’45”57 ripetendo il successo di Doha. Nelly Jepkosgei ha piazzato l’allungo vincente sul rettilineo finale aggiudicandosi gli 800 metri femminili in 1’59”50 davanti all’etiope Habitam Alemu (1’59”90).

Gianmarco Tamberi ha superato 2.19m al secondo tentativo prima di fermarsi a 2.22 chiudendo la gara del salto in alto all’ottavo posto. Bohdan Bondarenko ha vinto la seconda gara consecutiva di Diamond League con 2.28m.

Il risultato copertina del meeting marocchino è arrivato dal lancio del disco maschile dove il giamaicano Fedrick Dacres ha realizzato il record della Diamond League con lo straordinario lancio da 70.78m precedendo Daniel Stahl (69.94m).

 

Articoli Correlati

Doha 2019: Crippa batte il record italiano di Antibo sui 10.000 metri
Asher Smith regina sui 200 metri, Re ad un passo dall’impresa sui 400 metri
Filippo Tortu
Doha 2019: Crippa eliminato nelle batterie dei 5000 metri 
Livigno: la nuova pista hi-tech pronta ad affrontare il futuro dell’atletica
Sifan Hassan
Sifan Hassan e Noah Lyles fanno doppietta in Diamond League
Diamond League: a Birmingham record di Klosterhalfen e Chepkoech