fbpx
Rhonex Kipruto

Diamond League, grande prestazione di Kipruto sui 1000 metri

Rhonex Kipruto (Foto: Colombo)
Di: Diego Sampaolo

Il campione del mondo under 20 Rhonex Kipruto ha realizzato la migliore prestazione mondiale dell’anno sui 10000 metri con 26’50”16 battendo Hagos Gebrihwet (27’01”02) nella gara che ha concluso alla grande la terza tappa della IAAF Diamond League di Stoccolma in una serata gelida con una temperatura di 12°C. 

Agnes Tirop ha vinto i 5000 metri femminili stabilendo la migliore prestazione mondiale dell’anno con 14’50”82 davanti a Fantu Worku (14’51”31) e a Lilian Rengeruk (14’51”34). Hellen Obiri non è andata oltre il dodicesimo posto in 15’07”20 dopo essere caduta dopo una collisione ai 1000 metri. 

Timothy Cheruyot ha vinto per la seconda volta in carriera i 1500 metri del meeting di Stoccolma in 3’35”79. Ayanleh Souleiman ha resistito alla straordinaria rimonta di Jakob Ingebrigtsen e ha difeso il secondo posto in un arrivo al photo-finish con lo stesso tempo di 3’37”30. 

Ajée Wilson ha conquistato il successo negli 800 metri in 2’00”87 respingendo l’assalto dell’etiope Habitam Alemu (2’01”26) negli 800 metri femminili. Il terzo posto è andato a Nelly Jepkosgei in 2’01”98. Il bosniaco Amel Tuka si è imposto in rimonta negli 800 metri maschili in 1’46”68 davanti al portoricano Ryan Sanchez (1’46”72) e a Marcin Lewandowski (1’46”79). Laura Muir ha vinto i 1500 metri in 4’05”37 in una corsa in solitaria rifilando quattro secondi alla marocchina Rababe Arafi (4’09”70). 

Il risultato copertina nella gelida notte di Stoccolma è stato il 22”18 firmato dalla tre volte campionessa europea Dina Asher Smith in un grande 200 metri femminile davanti a Elaine Thompson (22”66) e Dafne Schippers (22”78). Il campione del mondo ed d’Europa Karsten Warholm ha vinto per la seconda volta in carriera a Stoccolma scendendo sotto i 48 secondi con 47”85. Seconda affermazione in questo meeting anche per la primatista del mondo Kendra Harrison sui 100 ostacoli con un ottimo 12”52. Michael Norman (autore di un eccellente 43”45 in questa stagione) ha vinto i 400 metri maschili in 44”53 precedendo Raj Benjamin (45”13). 

Il pubblico svedese ha festeggiato il doppio successo di Daniel Stahl nel lancio del disco con l’ottima misura di 69.57m davanti a Fedrick Dacres (68.96m) e di Thobias Montler nel salto in lungo con 8.22m davanti al grande protagonista della passata edizione Juan Miguel Echevarria (8.12m). Aaron Brown (battuto da Filippo Tortu sui 100 metri alla Fastweb Cup di Rieti) ha bissato il successo di Shanghai vincendo i 200 metri in 20”06 davanti al campione del mondo Ramil Gulyev (20”40). Maria Lasitskene è stata l’unica a superare la quota di 1.92m in una gara di salto in alto femminile condizionata dal freddo. Elena Vallortigara si è classificata settima con 1.78m ma ha sbagliato tre prove a 1.83m. Sam Kendricks ha valicato l’asticella a 5.72m nell’asta maschile. Doppietta cubana nel lancio del disco femminile dove Denia Caballero ha battuto Yaime Perez per un solo centimetro con 65.10m. 

Articoli Correlati

Letesenbet Gidey
Migliore prestazione mondiale all-time di Gidey sui 15 km su strada a Nijmengen (Olanda)
Paul Lonyangata
Lonyangata e Melese vincono la Maratona di Shanghai
maratona
Maratona di Istanbul: la lepre Daniel Kibet vince a sorpresa
Maratona di Francoforte: record di Valariy Ayabei
maratona
Maratona di Lubiana: Chepkirui batte il record del percorso con 2h21’26”
Senbere Teferi
Senbere Teferi batte il record etiope alla Mezza Maratona di Valencia con 1h05’32”