fbpx

Diamond League Birmingham: 2 miglia, record europeo di Farah

25 Agosto, 2014

Il meeting Sainsbury British Grand Prix di Birmingham, terzultima tappa della IAAF Diamond League, si è concluso in bellezza: record europeo sull’insolita distanza delle due miglia firmato dal grande Mo Farah. Davanti ai 13.000 spettatori che hanno riempito l’Alexander Stadium, Farah ha fermato il cronometro sul tempo di 8’07”85 strappando così il primato al connazionale Steve Ovett che lo deteneva dal 1978 (8’13”51).
Dopo un passaggio in 4’07”15 al primo miglio, Farah ha preso il comando a tre giri e mezzo dalla fine. Passato in 7’10” alla campana dell’ultimo giro il londinese di origini somale aveva bisogno di un ultimo giro in 62 secondi, un compito ampiamente alla portata del fuoriclasse di casa che, sospinto dal pubblico, ha chiuso con 15 secondi di vantaggio sul secondo classificato. La prestazione di Farah si colloca al settimo posto nelle liste mondiali di sempre.
La pista rappresenta ancora il futuro del campione britannico che ha recentemente annunciato di non voler correre più maratone fino al 2016. Questo primato è stato un bel modo per concludere una stagione complicata da problemi difficili ma culminata con il doppio oro sui 5.000 e sui 10.000 metri agli Europei di Zurigo che hanno portato a cinque il suo numero di vittorie continentali.
Questo record è un bel regalo per il compleanno delle mie gemelline. Ero un po’ stanco e ho dovuto forzare il ritmo. Ho preso fiducia con il passare dei giri. Le vittorie agli Europei mi hanno dato molta fiducia”, ha poi commentato Farah.

600 metri maschili: OTTIMO TEST DI RUDISHA IN VISTA DEGLI 800 DI ZURIGO
David Rudisha, altro campione molto amato in Gran Bretagna dopo la grande impresa del record del mondo nella finale olimpica di Londra, si è dimostrato in grande forma vincendo i 600 metri in 1’13”71 (quarto tempo della storia sulla distanza) davanti a Adam Kszczot (1’14”69) nell’ultimo test prima del grande duello degli 800 metri al Letzigrund di Zurigo contro Nijel Amos, Mohamed Aman, Adam Kszczot e il primatista francese Pierre Ambroise Bosse. Il record del mondo di questa gara a metà tra i 400 e gli 800 detenuto dallo statunitense Johnny Gray dal lontano 1986 con 1’12”81 é rimasto intatto. Terzo il forte sudafricano André Olivier in 1’15”03.
Speravo di potermi avvicinare di più al record mondiale ma è stata una buona gara. Era il mio primo 600 ed era difficile controllare il ritmo”, ha detto Rudisha.

Emsley Carr Mile: KIPROP IN VOLATA SU SOULEIMAN
La tradizionale gara dell’Emsley Carr Mile nata nel 1953 ha visto prevalere in volata sul rettilineo finale il due volte campione del mondo Asbel Kiprop che ha battuto il record del meeting (3’51”89) precedendo il campione del mondo indoor Ayanleh Souleiman (3’52”07) e il sorprendente Vincent Kibet (3’52”15).

2 Miglia femminili: CHERONO DAVANTI A DIBABA
Mercy Cherono e Genzebe Dibaba si giocavano una gara importante per le sorti della classifica della Diamond Race che vedeva le due giovani rivali fin dai tempi delle gare giovanili appaiate al primo posto. La keniana, vice campionessa del mondo a Mosca e vincitrice ai Giochi del Commonwealth, ha migliorato con 9’11”49 il record africano e quello della Diamond League che aveva stabilito in questa stagione a Eugene. Viola Kibiwott (primato personale di 9’12”59) e Irene Jelagat hanno preceduto una stanca Genzebe Dibaba, reduce da una stagione molto lunga iniziata già in Febbraio con i tre record del mondo indoor. Grazie a questo successo Cherono si è portata in testa nella Diamond Race con 14 punti.

3000 siepi maschili: BIRECH VINCE LA QUINTA GARA IN DIAMOND LEAGUE
Il numero uno della specialità di questa stagione Jairus Birech ha conquistato il suo quinto successo stagionale nel circuito dei diamanti dopo Roma, Oslo, Losanna e Montecarlo realizzando il record del meeting con 8’07”80 con dodici secondi di vantaggio malgrado un incredibile incidente sull’ultima barriera. Ha iniziato ad esultare troppo presto e si è praticamente fermato sull’ultimo ostacolo che ha superato da fermo. 

800 metri femminili: SHARP DAVANTI ALLA SUM
Grande gioia per il pubblico britannico che ha festeggiato la medaglia d’argento degli Europei e dei Giochi del Commonwealth Linsey Sharp, figlia del velocista scozzese Cameron Sharp. La giovane scozzese ha avuto la meglio in un meraviglioso sprint sul rettilineo finale sulla campionessa mondiale Eunice Sum in un ottimo 1’59”14. Sum ha superato per la seconda posizione la statunitense Brenda Martinez in 1’59”42.

Articoli correlati

Mo Farah vince la mezza maratona di Antrim

13 Settembre, 2020

Il quattro volte campione olimpico Mo Farah ha vinto la Antrim Coast Half Marathon vicino a Belfast in 1h00’27” precedendo di 12 secondi Marco Scott in una giornata perfetta per correre con ottime condizioni climatiche. Ben Connor ha completato il podio in 60’47”. L’atleta di casa Stephen Scullion ha fatto registrare il primato irlandese con 1h01’”08.  Lo scorso 4 Settembre, Mo Farah, il […]

Mo Farah e Sifan Hassan: è record dell’ora a Bruxelles

05 Settembre, 2020

Mo Farah e Sifan Hassan hanno stabilito il primato del mondo dell’ora di corsa nell’edizione particolare del Memorial Ivo Van Damme di Bruxelles (terzultima tappa della Wanda Diamond League) in uno Stadio Re Baldovino senza pubblico. Farah ha respinto l’assalto dell’amico e compagno di allenamenti Bashir Abdi battendo il primato dell’ora di Haile Gebrselassie con […]

Mo Farah e i 10.000 metri: piano per Tokyo 2021 confermato

21 Aprile, 2020

Mo Farah ha parlato dei suoi allenamenti e dei piani agonistici ai tempi del coronavirus in un’intervista con il settimanale britannico Athletics Weekly. Mo Farah, quattro volte campione olimpico dei 5.000 e dei 10.000 metri, ha confermato l’obiettivo di tornare a correre i 10.000 metri alle Olimpiadi di Tokyo 2021 quando avrà 38 anni. “Anche […]