fbpx

Covid-19 e certificato medico di idoneità sportiva: cosa cambia per i runner che hanno contratto l’infezione

15 Gennaio, 2021
Foto 123rf

Il Ministero della salute ha pubblicato le “raccomandazioni” con gli accertamenti aggiuntivi da richiedere agli atleti che sono guariti dal virus, al momento della visita per il rilascio o il rinnovo dell’idoneità alla pratica sportiva agonistica. Polmonite interstiziale e danno miocardico i rischi da tenere in considerazione.

“Nella valutazione degli atleti che sono guariti dalla malattia è indispensabile valutare le possibili conseguenze della stessa sui vari organi ed apparati, tenendo in considerazione anche gli effetti del decondizionamento.”

Con questa premessa, la Direzione generale della prevenzione sanitaria attiva presso il Ministero della Salute ha emanato in data 13 gennaio le “raccomandazioni” relative agli ulteriori accertamenti da svolgere quando lo sportivo che ha contratto il virus Covid-19 e ne è poi guarito si sottopone alla visita medica per il rilascio o il rinnovo del certificato d’idoneità alla pratica sportiva agonistica.

Polmoni e cuore: le “complicanze” da tenere sotto controllo

“Tra le complicanze maggiori e più frequenti – si legge nella circolare del Ministero della Salute – vi sono quadri di polmonite interstiziale con distress respiratorio acuto (ARDS). Tale grave condizione può comportare esiti permanenti a livello dell’apparato respiratorio tanto da compromettere in modo significativo la funzione sia sotto il profilo ventilatorio che degli scambi gassosi”.

“Altra possibile complicanza – si legge sempre nel documento – è rappresentata dal danno miocardico. In questo caso lo sviluppo di esiti a distanza di un processo acuto (miocardite) può rappresentare una limitazione alla funzione cardiaca sia sotto l’aspetto della funzione di pompa, sia per il potenziale rischio aritmico.”

Dopo aver suggerito “molta prudenza ed attenzione nel valutare nella sua globalità l’atleta guarito da Covid-19”, il testo passa a indicare come dovrebbe variare la valutazione di idoneità sportiva in base al livello di gravità della malattia.

Tre categorie di atleti guariti dal Covid-19

“Il medico valutatore, ai fini del primo rilascio o del rinnovo dell’idoneità sportiva ovvero nei casi di infezione da Sars-COV-19 sopraggiunta in corso di validità della certificazione, ai fini della ripresa dell’attività sportiva, dovrà distinguere gli atleti in:

A1 – Atleti che hanno presentato “infezione asintomatica o presintomatica” o “malattia lieve” e che comunque non siano ricorsi a ricovero ospedaliero e/o a terapie antibiotiche, cortisoniche o epariniche a causa di infezione da Sars-COV-2;

A2 – Atleti che hanno presentato “Malattia moderata” o che comunque siano ricorsi a ricovero ospedaliero e/o terapie antibiotiche, cortisoniche o epariniche a causa di infezione da Sars-COV-2;

A3 – Atleti che hanno presentato “Malattia severa” o “Malattia critica”.

Ulteriori accertamenti

In base all’appartenenza a una di queste categorie, nelle raccomandazioni vengono indicate le valutazioni aggiuntive con cui integrare l’abituale protocollo di rilascio dell’idoneità all’attività sportiva agonistica.

Nei gruppi “A2” e “A3”, ad esempio, “A giudizio del medico valutatore la visita medica potrà essere integrata con Diagnostica per immagini polmonare e Diffusione alveolo-capillare”, esami che “vanno eseguiti non prima comunque che siano trascorsi 30 giorni dall’avvenuta guarigione da Sars-Cov-19 accertata secondo la normativa vigente”. Sempre secondo il testo ministeriale è “facoltà del medico valutatore richiedere ulteriori accertamenti… (omissis) qualora ne ravvisi la necessità”.

In caso di infezione a idoneità già ottenuta: certificato e attestazione di “Ritorno all’attività”

In caso di sopraggiunta infezione da Sars-CoV-2 con certificazione in corso di validità, all’atleta che, una volta guarito, si sottopone alla visita di rinnovo dell’idoneità, il medico valutatore rilascerà anche l’attestazione di “Ritorno all’attività” “(da conservare in copia nella scheda valutativa dell’atleta).

Articoli correlati

Angelini: quanti danni in un anno senza sport

13 Aprile, 2021

Il Prof. Fabrizio Angelini lancia il grido d’allarme in particolar modo sui giovani, in questo lunghissimo anno di pandemia da Covid19 privati dell’aspetto socializzante e preventivo dello sport “Ci svegliamo al mattino credendo di aver fatto un brutto sogno, invece siamo costretti a trascorrere quasi tutta la giornata seduti. Siamo diventati delle “sedie animate”: non […]

Coronavirus, rinviata la 50 Km di Romagna

03 Marzo, 2021

Slitta di un anno l’appuntamento con la 50 km di Romagna a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Si correrà il 25 aprile 2022. “È con grandissimo dispiacere che dobbiamo annunciare, ancora una volta, l’annullamento della 39a edizione della 50 Km di Romagna” – è quanto si legge sul sito internet ufficiale della manifestazione. “Purtroppo la situazione […]

Ravenna Park Race, quasi in mille per la corsa in regime anti-Covid 19

14 Settembre, 2020

Quasi mille partecipanti, rigorosamente suddivisi in gruppi di 50 alla volta in blocchi a tre minuti di distanza tra loro, per una prova nel rispetto delle norme anti-Covid. Quasi mille i partecipanti all’edizione 2020 di Ravenna Park Race. Organizzata dal Ravenna Runners Club, l’evento di corsa (21 km, senza dislivelli) e cammino in natura caratterizzato […]

Annullata la maratona di New York 2020

24 Giugno, 2020

Un’altra celebre vittima di Covid-19: è stata annullata la cinquantesima edizione della maratona di New York. Chi l’ha corsa in passato, chi avrebbe voluto correrla, chi l’ha sempre messa in cima ai propri sogni da runner. Ci speravamo un po’ tutti anche se, coscientemente, sapevamo che non sarebbe potuto essere altrimenti: la maratona di New […]