Roma 2024: dal 7 al 12 giugno i prossimi Europei

Roma 2024: dal 7 al 12 giugno i prossimi Europei

18 Agosto, 2022
Foto: 123rf

Ufficializzate oggi a Monaco le date di Roma 2024, la prossima edizione dei Campionati europei di atletica, a ridosso dei Giochi olimpici di Parigi. 

Casa Italia Collection, a Monaco, è in questi giorni il quartier generale dei diversi campionati continentali che si stanno svolgendo a Monaco di Baviera. È lì che in questo giovedì 18 agosto sono state ufficializzate le date dei prossimi Campionati europei, quelli del 2024 da tempo assegnati a Roma: le gare si svolgeranno da venerdì 7 a mercoledì 12 giugno, a poche settimane dall’inizio dei Giochi olimpici di Parigi.

La rassegna continentale è stata così lanciata nell’incontro tra il presidente della Fidal e numero uno del Cda di Roma 2024, Stefano Mei, il sottosegretario allo sport, Valentina Vezzali, il direttore generale di Sport e Salute (e di Roma 2024), Diego Nepi Molineris, alla presenza dei presidenti di World Athletics, Sebastian Coe, e di European Athletics, Dobromir Karamarinov

Stadio olimpico: da novembre i lavori

Il presidente Mei ha annunciato l’inizio dei lavori all’Olimpico per il mese di novembre, nella sosta del campionato di calcio per il Mondiale in Qatar, lavori che poi proseguiranno nella prossima estate: «Dal Governo e da Sport e Salute abbiamo avuto buone notizie per quanto riguarda il completo rifacimento della pista e lo spostamento della pedana del salto in lungo, oltre al restyling della pista dello stadio dei Marmi». Per il lungo, la collocazione della pedana sarà nella zona esterna alla pista, nell’area dell’attuale parterre della tribuna Tevere.

I Campionati europei torneranno così a Roma 50 anni dopo l’edizione del 1974, caratterizzati dalla prima grande vittoria di Pietro Mennea nei 200 metri.

Atletica: Roma 2024, gli Europei decollano da Monaco

Da Monaco a Roma. Dall’Olympiastadion allo stadio Olimpico. Dall’edizione 2022 a quella del 2024, che ufficialmente si svolgerà nella Capitale in queste date, appena ufficializzate: dal 7 al 12 giugno (da venerdì a mercoledì), a poche settimane dall’inizio dei Giochi Olimpici di Parigi. Decollano da Casa Italia Collection gli Europei di Roma 2024, un evento che guarda al futuro, alla sostenibilità e al digitale, ma che al contempo non dimentica la tradizione, a cinquant’anni dall’ultima edizione dell’Olimpico e dal trionfo di Pietro Mennea nei 200 metri. La rassegna continentale è stata lanciata oggi a Monaco, nell’incontro tra il presidente della FIDAL e numero uno del Cda di Roma 2024 Stefano Mei, il Sottosegretario allo sport Valentina Vezzali e i presidenti di World Athletics (Sebastian Coe) e European Athletics (Dobromir Karamarinov). “Sarà un evento fantastico”, le parole del presidente Mei, parlando alla stampa insieme a Vezzali e al direttore generale di Sport e Salute (e di Roma 2024) Diego Nepi Molineris

Nella giornata dedicata agli Europei della Capitale, organizzati dalla Fondazione Roma 2024 che raduna FIDAL, Dipartimento Sport, CONI, Sport e Salute, Regione Lazio e Comune di Roma, erano presenti anche il capo del Dipartimento sport Michele Sciscioli, il delegato allo sport della Regione Lazio Roberto Tavani, la consigliere World Athletics Anna Riccardi. Il presidente Mei ha annunciato l’inizio dei lavori all’Olimpico, previsto per il mese di novembre, nella sosta del campionato di calcio per il Mondiale in Qatar, e poi da proseguire nella prossima estate: “Dal Governo e da Sport e Salute abbiamo avuto buone notizie per quanto riguardo il completo rifacimento della pista e lo spostamento della pedana del salto in lungo, oltre al restyling della pista dello stadio dei Marmi”. Per il lungo, la collocazione della pedana sarà nella zona esterna alla pista, nell’area dell’attuale parterre della tribuna Tevere.

“È una giornata che segna il passaggio del testimone – le parole del Sottosegretario Vezzali – Abbiamo iniziato questo percorso insieme, a dimostrare l’attenzione del Governo verso i grandi appuntamenti sportivi del nostro Paese. Eventi come questo, che sosterremo in maniera importante, sono punti di riferimento per promuovere la pratica sportiva, un asset strategico per il rilancio”. “Abbiamo due anni per un progetto che cambierà la fisionomia degli Europei futuri – sottolinea Diego Nepi Molineris – qui a Monaco sono rimasto impressionato dalla progettualità e dai particolari, dovremo lavorare molto su tutti servizi che fanno vivere bene l’evento. Vorremmo riuscire a trasmettere la bellezza e la passione, non soltanto al Foro Italico ma anche nei luoghi iconici di Roma: pensiamo per esempio alla gara di peso fuori dallo stadio, ma non è l’unica idea”.

Articoli correlati

Tricolori 10.000 metri: vincono Anna Arnaudo e Pietro Riva

13 Maggio, 2024

A Potenza, sulla pista intitolata a Donato Sabia, terzo titolo consecutivo per Pietro Riva e secondo per Anna Arnaudo, dopo quello conquistato nel 2022. Tra gli Under 23 prevalgono Greta Settino e Nicolò Bedini. I campioni italiani Juniores sono Laura Ribigini e Leonardo Mazzoni. Pietro Riva per il terzo anno consecutivo e Anna Arnaudo per […]

Mondiali indoor: Tecuceanu quarto, Iapichino settima

04 Marzo, 2024

Larissa Iapichino finisce settima a nove centimetri dal podio (6,69 m al quinto salto) al termine di una gara condizionata dai crampi. Catalin Tecuceanu chiude la finale degli 800 metri al quarto posto in 1’46”39. Semifinale da dimenticare per Giada Carmassi, che in batteria aveva ottenuto il primato personale con 8”03. Bilancio: l’Italia è sedicesima […]

Mondiali indoor: bronzo di Fabbri nel getto del peso

02 Marzo, 2024

Arriva la prima medaglia per l’Italia ai Campionati mondiali indoor di Glasgow: Leonardo Fabbri nel getto del peso è terzo con 21,96 metri. Magnifica Sveva Gerevini nel pentathlon: quarta col record italiano e il miglior piazzamento mondiale nella storia azzurra delle prove multiple. I crampi frenano Chituru Ali nella finale dei 60 piani (ottavo). Nelle […]