fbpx

Mostruoso record di Sydney McLaughlin

Mostruoso record di Sydney McLaughlin

23 Luglio, 2022
Foto: Francesca Grana

In finale la 4×100 azzurra femminile. Fuori dalla finale, invece, la 4×100 maschile (con tre dei quattro campioni olimpici) e la brava Elena Bellò (800 m), nel giorno in cui Sydney McLaughlin riscrive la storia dei 400 m a ostacoli con un mostruoso record del mondo: 50”68

Brave le azzurre della 4×100. Zaynab Dosso, Dalia Kaddari, Anna Bongiorni e Vittoria Fontana finiscono quarte in batteria 2, ma con il record italiano (42”71), che è il settimo tempo assoluto delle due semifinali e il migliore dei due tempi di ripescaggio per accedere alla finale; il tutto nonostante un ultimo cambio salvato in extremis dal necessario rallentamento di Vittoria Fontana.

Questi i parziali delle quattro frazioniste azzurre rilevati dal sistema ufficiale di cronometraggio: 11”44 (Dosso), 10”14 (Kaddari), 10”79 (Bongiorni), 10”34 (Fontana).

In un anno, le velociste azzurre sono passate dalla delusione per essere state la prima formazione esclusa dalla finale olimpica (con Siragusa e Hooper al posto di Dosso e Kaddari) a disputare la finale dei Mondiali.

Delusione post olimpica

Percorso contrario e amaro, invece, quello della nostra 4×100 maschile, che pur disponeva di tre dei quattro componenti il quartetto che un anno fa conquistò l’oro ai Giochi olimpici di Tokyo. Il crono di 38”74 è il decimo tempo delle semifinali. Fine della corsa.

Dispiace sottolineare che non basta l’assenza di Marcell Jacobs a giustificare questo fallimento, in linea con le prestazioni spente di Desalu e Ali nelle prove individuali, in un bilancio complessivo della velocità maschile italiana (400 m compresi) in cui da salvare è il solo Filippo Tortu. Dai dati del cronometraggio ufficiale risultano per il quartetto italiano questi parziali: 10”67 (Patta), 9”26 (Tortu), 9”63 (Desalu), 9”18 (Ali).

Il giorno dei giorni di Sydney McLaughlin

Quando si ha a che fare con una campionessa olimpica che diventa anche campionessa mondiale non ci può certo dire “è nata una stella”, ma il 50”68 fermato dalla statunitense Sydney McLaughlin nella finale dei 400 m a ostacoli è qualcosa di più del suo quarto record del mondo nella specialità: è una pagina storica dell’atletica, perché si tratta di 73 centesimi di miglioramento rispetto al precedente limite mondiale (51”41) stabilito dalla stessa McLaughlin sulla stessa pista dell’Hayward Field nel corso dei trials statunitensi (25 giugno) e soprattutto è il primo tempo femminile al di sotto dei 52 secondi, ottenuto con un ritmo di 14 passi tra un ostacolo e l’altro fino al settimo, per poi passare a 15 passi fino alla fine. «Unreal» lo ha definito la stessa atleta, che a lungo è rimasta seduta sulla pista, dopo il traguardo, quasi in raccoglimento, alla ricerca della consapevolezza su quanto appena realizzato.

Le finali dell’ottava giornata

400 m uomini
1- Michael Norman (USA), 44”29;
2- Kirani James (GRN), 44”48;
3- Matthew Hudson-Smith (GBR), 44”66;

400 m a ostacoli donne
1- Sydney McLaughlin (USA), 50”68 (record del mondo)
2- Femke Bol (NED), 52”27”;
3- Dalilah Muhammad (USA), 53”11;

giavellotto donne
1- Kelsey-Lee Barber (AUS), 66,91 m;
2- Kara Winger (USA), 64,05 m;
3- Haruka Kitaguchi (JPN), 63,27 m;

marcia donne 35 km
1- Kimberly Garcia Leon (PER), 2:39’16;
2- Katarzyna Zdzieblo (POL), 2:40’03”;
3- Shijie Qieyang (CHN), 2:40’37”.

Gli azzurri in gara

Onore a Elena Bellò, autrice in semifinale di un buon 2’00”34, che però non le permette di accede alla finale del doppio giro di pista, perché si tratta del tredicesimo tempo nel complesso delle tre semifinali. In semifinale 3 la mezzofondista si classifica sesta rimanendo alle spalle del gruppo delle avversarie trascinate dalla statunitense Athing Mu (1’58”12), che senza dar segno di fatica precede di poco l’etiope Diribe Welteji (1’58”16, primato personale).

800 m donne / Semifinali – 13. Elena Bellò, 6ª/semifinale 3, 2’00”34;
4×100 m uomini / batterie – 10. Italia (7ª in batteria 2 con Patta, Tortu, Desalu, Ali), 38”74
4×100 m donne / batterie – 7. Italia (4ª in batteria 2 con Dosso, Kaddari, Bongiorni, Fontana), 42”71 (primato italiano)

Articoli correlati

L’Italia della maratona agli Europei

05 Agosto, 2022

Oltre al campionato europeo individuale si gareggia anche per la Coppa Europa. Dopo il forfait di Faniel, Aouani e Meucci potranno essere gli uomini-squadra per difendere la grande storia della maratona italiana agli Europei.  Ferragosto di lavoro per gli azzurri della maratona. Alle ore 11:30 di lunedì 15 agosto, infatti, i maratoneti convocati dal direttore […]

Bravo Meslek! 3’36”04 nei 1.500 metri

31 Luglio, 2022

Di Marta Zenoni sui 1.500 m e Sintayehu Vissa sugli 800 m le altre vittorie del mezzofondo azzurro al meeting “Sport e Solidarietà” di Lignano Sabbiadoro La trentatreesima edizione del Meeting Sport e Solidarietà di Lignano Sabbiadoro ha regalato tre vittorie italiane nel mezzofondo: Ossama Meslek e Marta Zenoni sui 1.500 m, e Sintayehu Vissa […]

Eugene 2022: che “master” ai Mondiali

27 Luglio, 2022

Dai 36 anni in dicembre del fenomeno Shelly-Ann Fraser-Pryce ai 49 anni della marciatrice australiana Kelly Riddicknon sono mancati atleti “in età da Master (35 anni e oltre)” tra i protagonisti dei Campionati mondiali di atletica 2022 La rivista Correre si occupa anche dell’attività atletica del settore Master. Per questo conserviamo la tradizione di analizzare […]

News Allenamento Equipment Salute Correre