fbpx

Madrid: Folorunso vince i 400 m in 52”97, Dibaba niente record

Ayomide Folorunso (Foto: Giancarlo Colombo)
Di: Diego Sampaolo

Ayomide Folorunso ha colto una prestigiosa vittoria in campo internazionale sui 400 metri in 52”97 battendo nettamente la slovacca Iveta Putalova (53”78) al Meeting Indoor di Madrid. L’atleta allenata dal tecnico emiliano Maurizio Pratizzoli ha demolito di 19 centesimi di secondo il record personale indoor di 53”16 stabilito nel 2016. Folorunso, campionessa italiana sui 400 metri indoor a Ancona e quarta classificata sui 400 ostacoli agli Europei di Amsterdam 2016, ha migliorato anche il record personale all’aperto stabilito sempre nel 2016 con 52”99. Con questa prestazione la finalista olimpica e primatista italiana della staffetta 4×400 è salita al quinto posto delle liste italiane indoor all-time.

Genzebe Dibaba non è riuscita a battere il primato del mondo dei 1000 metri indoor detenuto da Maria Mutola con 2’30”94 dal Febbraio 1999. Dibaba ha fermato il cronometro in 2’33”06 (dopo un passaggio agli 800 metri in 2’00”62) stabilendo il record etiope e l’ottava migliore prestazione di tutti i tempi. La connazionale Gudaf Tsegay si è piazzata seconda in 2’38”05 (record personale).

Adam Kszczot ha effettuato l’ultimo test prima degli Europei Indoor di Belgrado aggiudicandosi gli 800 metri in 1’46”38 davanti al marocchino Mostafa Smaili (1’47”13) e al danese Andreas Bube (1’47”30). L’algerino Adberrahmane Anou si è imposto sui 1500 metri in 3’42”69. Successo marocchino sugli 800 metri per Rebebe Arafi in 4’14”15.

Buon terzo posto dell’ostacolista italiano Ivan Mach Di Palmstein, che ha fatto segnare il tempo di 7”89 (a quattro centesimi dal personale stagionale stabilito a Mondeville in Francia) nella scia del vice campione olimpico dei 110 ostacoli Orlando Ortega, che con 7”51 ha mancato di tre centesimi di secondo il record spagnolo stabilito in questa stagione. Il grenadino Bralon Taplin ha stabilito il record personale sui 400 metri con un eccellente 45”19 precedendo il vice campione olimpico di Londra 2012 Luguelin Santos, a sua volta sotto i 46 secondi con 45”80. La campionessa olimpica e europea del salto in alto Ruth Beitia ha migliorato il suo record stagionale con 1.98m. Tra gli altri risultati di spicco sono da ricordare anche il 6”60 di Yunier Perez sui 60 metri, il buon 17.10m di Alexis Copello nel triplo e il 20.85m del congolese Frank Elemba nel getto del peso.

Articoli Correlati

Sondre Nordstad Moen
Sondre Moen batte il record europeo dell’ora di corsa: 21.120 metri
Europei di cross, Yeman Crippa, fratelli Ingebrigtsen, Can e Battocletti stelle a Lisbona
Crippa diventa il quarto italiano di sempre con 3’35”26 a Rovereto
Jemma Reekie
Trieste: Reekie batte Muir nella sfida sugli 800 m, personal best per Vandi
Stefano La Rosa
“Arezzo riparte di corsa”: vince Stefano La Rosa
Europei di cross, Yeman Crippa, fratelli Ingebrigtsen, Can e Battocletti stelle a Lisbona
Yeman Crippa debutta sui 1500 metri con 3’39”70 a Cles
Mennea
Momenti di gloria: 40 anni fa l’oro di Mennea a Mosca