L’Italia della maratona agli Europei

L’Italia della maratona agli Europei

05 Agosto, 2022
Foto: 123rf

Oltre al campionato europeo individuale si gareggia anche per la Coppa Europa. Dopo il forfait di Faniel, Aouani e Meucci potranno essere gli uomini-squadra per difendere la grande storia della maratona italiana agli Europei. 

Ferragosto di lavoro per gli azzurri della maratona.

Alle ore 11:30 di lunedì 15 agosto, infatti, i maratoneti convocati dal direttore tecnico Antonio La Torre partiranno dall’Olympiastadion di Monaco di Baviera per affrontare la maratona dei Campionati europei, che si sviluppa su un circuito di 10 km da ripetere 4 volte. 

Una tradizione ricca di successi

La Germania ha sempre portato bene: a Stoccarda, era l’agosto 1986, Gelindo Bordin vinse l’oro continentale riprendendo la fuga scriteriata dell’inglese Steve Jones e superando, in una volata che più italiana non poteva essere, il re di New York Orlando Pizzolato. E come non dimenticare, proprio sulle strade della Baviera, il trionfo di Maria Guida nel 2002, quel suo cingersi il tricolore a pochi metri dal traguardo? 

Ma ora veniamo al presente. Sembra di capire che l’Italia potrà giocarsi carte importanti, anche se mancherà l’attuale detentore del primato italiano Eyob Faniel, vittima di un infortunio. Assenza purtroppo importante, quella del bronzo di New York 2021, e questo anche ai fini dell’assegnazione della Coppa Europa, che ritorna in auge e ci riporta al 1981, quando Massimo Magnani fu primo nella francese Agen e portò l’Italia alla vittoria nonostante la presenza del campione olimpico Waldemar Cierpinski.

Aouani e Meucci le nostre “punte”

Le punte della squadra italiana dovrebbero essere Iliass Aouani, quest’anno miglior esordiente italiano di tutti i tempi con 2:08’34” a Milano, e l’esperto Daniele Meucci, campione europeo 2014 a Zurigo, autore di 2:09’25” a Siviglia, lo scorso febbraio, che viene dato in ottime condizioni dopo un periodo di grande lavoro in altura. La freschezza di Iliass, secondo nel recente Giro di Castelbuono, e l’affidabilità di Meucci possono fare molto in una competizione che si preannuncia come una partita a scacchi. Gli altri azzurri saranno Stefano La Rosa (stagionale di 2:11’24”), Daniele D’Onofrio (2:11’43”) e Renè Cuneaz (2:12’48”), l’unico non “professionista”, allertato dopo la rinuncia di Faniel e seguito da Giorgio Rondelli. 

Gli avversari più forti

Non è facile da decifrare la lista dei favoriti: assente il belga Abdi Bashir (2:05’23” a Rotterdam), terzo ai Mondiali di Eugene, sembra in pole position e assurge a ruolo di idolo locale Amanal Petros, 2:06’24” nel 2021, dotato di personali di tutto rispetto anche su pista, poi lo spagnolo Ayad Lamdassem, quest’anno capace di 2:06’25”, mentre è da verificare l’eventuale presenza del francese (residente in Corsica) Mourad Amdouni, 2:05’22” nell’ultima edizione di Parigi. 

Israele tra i top team

In chiave Coppa Europa attenzione a Israele, che potrebbe (il condizionale è d’obbligo) schierare tre mezzofondisti ex etiopi come Mairu Teferi (2:06’58”), Girizaw Amare (2:07’35”) e Haimro Alame (2:08’15”). Con molta probabilità gli scenari tattici saranno: o gara a strappi e allunghi soprattutto dopo la prima metà, o negative split negli ultimi due giri. Gli azzurri dovranno stare coperti e, negli ultimi chilometri, avere personalità e autorevolezza. E speriamo che la tradizione continui. 

Articoli correlati

800 metri indoor: è record italiano per Tecuceanu

23 Febbraio, 2024

A Madrid Catalin Tecuceanu vince gli 800 metri in 1’45”00 migliorando lo storico record di Giuseppe D’Urso (1’45’44 / 1993), che resisteva da 31 anni. Buone anche la parallela prova di Eloisa Coiro, che chiude gli 800 in seconda posizione in 2’01”50 (primato personale indoor), e di Ludovica Cavalli, terza italiana di sempre nei 1.500 […]

Meslek colpisce ancora: altro record sui 1.500 metri

07 Febbraio, 2024

Con 3’35”63 Ossama Meslek migliora il già suo record italiano dei 1.500 metri nel meeting di Torun, caratterizzato anche dall’ulteriore primato italiano di Zaynab Dosso (7”02 nei 60 metri piani) e dal miglioramento di Andy Diaz (17,65 m nel salto triplo), sempre più capolista stagionale. Bravi anche Lorenzo Simonelli e Catalin Tecuceanu. La sfida prosegue […]

Super indoor per l’Italia: quanti record in un weekend!

04 Febbraio, 2024

Dopo i 4 record del fine settimana precedente, ecco il primato europeo indoor under 20 di Mattia Furlani nel salto in lungo (8,08 m) e i primati italiani indoor di Pietro Arese (3.000 m/7’38”42), Ossama Meslek (1.500 m/3’36”04) ed Elisa Molinarolo (Asta / 4,63 m), oltre alla miglior prestazione mondiale stagionale saltata due volte nella […]

Super Ingebrigtsen a Bruxelles

09 Settembre, 2023

L’asso norvegese stabilisce il record mondiale dei 2.000 metri con 4’43”13 migliorando dopo 24 anni il limite del grande Hicham El Guerrouj (4’44″79). Ayomide Folorunso (quinta) centra la qualificazione per le finali di Eugene, Tortu (sesto) corre i 200 m in 20”30, Derkach è quarta nel triplo con 14,17 m  Al “Memorial Ivo Van Damme” […]