Doha, Battocletti batte il record personale sui 3000 metri

Doha, Battocletti batte il record personale sui 3000 metri

15 Maggio, 2022
Foto: Francesca Grana

Grande prestazione dell’azzurra sui 3000 m nella prima tappa della Diamond League di Doha: undicesima in 8’50”66, nuovo personal best outdoor. Vince la burundese Francine Nyonsaba, migliore prestazione mondiale dell’anno con 8’37”71

La burundese Francine Nyonsaba ha vinto un emozionante testa a testa sul rettilineo finale con Faith Kipyegon stabilendo la migliore prestazione mondiale dell’anno con 8’37”71 sui 3000 metri femminili, una delle prove clou della prima tappa della Wanda Diamond League al Qatar Sports Club di Doha. 

Kipyegon si è piazzata al secondo posto in 8’38”05 davanti all’australiana Jessica Hull (8’40”97), alla turca Yasemin Can (8:41.38) e alla ventenne etiope Girmawit Gebrzihair (8:41.88). I tempi finali hanno risentito del vento molto forte. 

Nadia Battocletti ha migliorato il personale outdoor con 8’50”66 tagliando il traguardo in undicesima posizione. Lo scorso inverno aveva migliorato il record italiano indoor con 8’41”72 a Val de Reuil. 

Il bronzo mondiale indoor dei 1500 metri Abel Kipsang si è aggiudicato la prima gara della sua carriera in Diamond League in 3’35”70 battendo il campione olimpico e argento olimpico Timothy Cheruiyot (3:36.16) e l’etiope Teddesse Lemi (3:37.06). 

Il vice campione mondiale indoor di Belgrado 2022 Noah Kibet si è confermato su eccellenti livelli vincendo gli 800 metri in una gara tattica in 1’49”08 a 18 anni battendo l’australiano Peter Bol (1:49.35) e il canadese Marco Arop (1:49.51). 

Il campione olimpico Soufiane El Bakkali ha vinto i 3000 siepi maschili al photo finish battendo per un centesimo l’etiope Lemecha Girma in 8’09”66. Abraham Kibiwott si è piazzato al terzo posto in 8’16”40. Il romano di origini egiziane Ahmed Abdelwahed si è piazzato al nono posto in 8’26”89. 

Gli altri risultati

Noah Lyles ha vinto i 200 metri in 19”72 battendo Fred Kerley per tre centesimi di secondo con vento a favore di +2.1 m/s. 

Jereem Richards si è piazzato al terzo posto in 20”15 battendo con lo stesso tempo il campione olimpico André De Grasse. Gli altri due canadesi Aaron Brown e Jerome Blake si sono classificati al quinto e sesto posto in 20”18 e 20”25.  

Filippo Tortu si è piazzato al settimo posto in 20”41 partendo dalla sfavorevole prima corsia. 

La medaglia di bronzo olimpica dei 200 metri Gabrielle Thomas ha vinto i 200 metri in 21”98 eguagliando il record del meeting detenuto da Allyson Felix dall’edizione del 2015. La tre volte medagliata olimpica Shericka Jackson si è piazzata in 22”07 davanti alla campionessa mondiale Dina Asher Smith (22”37). 

Allison Dos Santos ha vinto il testa a testa sui 400 ostacoli con il vice campione olimpico e mondiale Raj Benjamin stabilendo il secondo miglior tempo della sua carriera e il record del meeting con 47”24. Benjamin ha realizzato il personale stagionale con 47”49. 

Il sudcoreano Sanghyeok Woo ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno nel salto in alto con 2.33m. Il campione olimpico e mondiale Mutaz Barshim ha valicato l’asticella a 2.30m al primo tentativo chiudendo al secondo posto nella prima gara dopo l’oro olimpico condiviso con l’amico Gianmarco Tamberi. Il canadese Django Lovett ha superato 2.27m alla terza prova conquistando il terzo posto con 2.27m. Gianmarco Tamberi si è classificato al settimo posto con 2.20m. 

La vice campionessa olimpica Marileidy Paulino ha vinto i 400 metri femminili in 51”29 battendo Stephanie Ann McPherson (51”69) e Shaunae Miller Uibo (51”84). 

Anderson Peters ha stabilito la quinta migliore prestazione mondiale all-time del lancio del giavellotto con 93.07m battendo il ceco Jakub Vadlejch (90.19m) e il tedesco Julian Weber (86.08m). 

La primatista mondiale Kendra Harrison si è aggiudicata i 100 metri ostacoli di misura in 12”43 con vento a favore di +3.8 m/s battendo la vincitrice della Diamond League 2021 Tobi Amusan e la giovane giamaicana Britany Anderson per un solo centesimo di secondo. 

La giamaicana Shanieka Ricketts ha vinto il triplo femminile con 14.82m con un vento a favore troppo forte di +6.2 m/s battendo la vice campionessa mondiale indoor Maryna Beck Romanchuk, che ha  saltato 14.73m (vento a favore ancora troppo forte di 6.3 m/s). 

La statunitense Chase Ealey ha vinto il getto del peso femminile con 19.51m battendo le connazionali Maggie Ewen (19.32m) e Jessica Ramsey (18.99m). 

Articoli correlati

Meslek colpisce ancora: altro record sui 1.500 metri

07 Febbraio, 2024

Con 3’35”63 Ossama Meslek migliora il già suo record italiano dei 1.500 metri nel meeting di Torun, caratterizzato anche dall’ulteriore primato italiano di Zaynab Dosso (7”02 nei 60 metri piani) e dal miglioramento di Andy Diaz (17,65 m nel salto triplo), sempre più capolista stagionale. Bravi anche Lorenzo Simonelli e Catalin Tecuceanu. La sfida prosegue […]

Super indoor per l’Italia: quanti record in un weekend!

04 Febbraio, 2024

Dopo i 4 record del fine settimana precedente, ecco il primato europeo indoor under 20 di Mattia Furlani nel salto in lungo (8,08 m) e i primati italiani indoor di Pietro Arese (3.000 m/7’38”42), Ossama Meslek (1.500 m/3’36”04) ed Elisa Molinarolo (Asta / 4,63 m), oltre alla miglior prestazione mondiale stagionale saltata due volte nella […]

Super Ingebrigtsen a Bruxelles

09 Settembre, 2023

L’asso norvegese stabilisce il record mondiale dei 2.000 metri con 4’43”13 migliorando dopo 24 anni il limite del grande Hicham El Guerrouj (4’44″79). Ayomide Folorunso (quinta) centra la qualificazione per le finali di Eugene, Tortu (sesto) corre i 200 m in 20”30, Derkach è quarta nel triplo con 14,17 m  Al “Memorial Ivo Van Damme” […]

Zurigo: Kejelcha vince i 5000 metri, quarto Tamberi

01 Settembre, 2023

Nella tappa svizzera della Diamond League un grande Yomif Kejelcha vince i 5000 metri in 12’46”91, a cinque secondi dallo storico record del meeting di Haile Gebrselassie. Gianmarco Tamberi è quarto, vince Mutaz Barshim a  2,35. L’etiope Yomif Kejelcha ha vinto i 5000 metri in 12’46”91 arrivando a cinque secondi dallo storico record del meeting di Haile Gebrselassie […]