Festa del cross: poker di Nadia Battocletti

Festa del cross: poker di Nadia Battocletti

10 Marzo, 2024
Foto Grana/FIDAL

Nemmeno la periostite ferma Nadia Battocletti che ai tricolori di corsa campestre a Cassino firma il quarto successo consecutivo. Selvarolo domina al maschile, corto a Parolini e Majori. Ma la Festa del Cross è soprattutto un tripudio di giovani.

La vice campionessa europea di corsa campestre Nadia Battocletti ha vinto il quarto titolo italiano consecutivo individuale di corsa campestre sul percorso di Cassino, sede della Festa del Cross 2024

Anche se non al meglio della forma a causa di una periostite tibiale e di un problema alla caviglia che le hanno impedito di prendere parte alla stagione indoor, Battocletti ha tagliato il traguardo in 28’47” sul percorso di 8 km. La figlia d’arte trentina è stata preceduta soltanto dalla forte keniana Lucy Mawia, che ha vinto la gara valevole per il campionato di società in 27’50” correndo per il GS Lammari. L’altra figlia d’arte Federica Del Buono si è piazzata seconda tra le italiane in 29’36”. 

Battocletti ha superato la burundese del Cus Pro Patria Francine Nyiomokunzi nella salita dell’ultimo giro e ha provato a lanciarsi all’inseguimento di Maiwa, che aveva accumulato un vantaggio rassicurante. Battocletti si è presa la soddisfazione di battere Niyomokunzi (29’06”) nella rivincita dell’ultima edizione del Campaccio dove l’atleta africana si impose sull’azzurra. Nicole Reina si è piazzata al sesto posto assoluto e al terzo tra le italiane in 29’46”. Seguono nell’ordine di classifica delle italiane Marika Accorsi (settima in 29’53”) e Gaia Colli (ottava in 29’57”). Aurora Bado (figlia d’arte della medaglia di bronzo mondiale di maratona di Goteborg 1995 Ornella Ferrara) ha vinto il titolo italiano della categoria Promesse in 30’18” davanti ad Ilaria Bruno (30’30”) e a Chiara Stefani (30’36”). 

L’abbraccio fra Valeria Roffino e Nadia Battocletti Foto: Francesca Grana/FIDAL

“Volevo dare il mio esempio ai giovani che stanno passando un momento incerto, di difficoltà. Questa è la risposta che serve – ha commentato Nadia Battocletti dopo il traguardo – Il cross ha un posto speciale nel mio cuore. E’ una gara che faccio da sempre e la sento mia. E’ stato un periodo tosto, prima il fastidio alla caviglia, poi la periostite tibiale. Oggi è un punto di partenza che mi dà gioia. Non voglio vedere più bici e piscina. Ora basta con il lavoro alternativo. C’era tantissimo tifo qui a Cassino. Ovviamente non era la gara che avrei voluto, ma con una sola settimana di allenamento non potevo pensare di fare di più. Pensiamo alla stagione che sarà particolarmente impegnativa, lunga e tosta”. 

Cross Lungo maschile

Pasquale Selvarolo ha vinto il primo titolo italiano assoluto di corsa campestre in 31’45” battendo il campione uscente Marco Fontana Granotto (32’06”) e Yassin Bouih (32’15”). Il keniano Joseph Kimutai ha tagliato il traguardo per primo in 31’11” nella gara valevole per il Campionato Italiano di società. 

Pasquale Selvarolo | Foto: Francesca Grana/FIDAL

Cross Corto maschile

Il portacolori del Gruppo Alpinistico Vertovese Sebastiano Parolini si è aggiudicato la gara del cross corto maschile di 3 km interrompendo la striscia vincente di tre successi consecutivi del siepista siciliano Ala Zoghlami. Parolini ha preceduto di sei secondi Zoghlami con un ottimo sprint finale tagliando il traguardo in 8’56”. L’atleta della Brugnera Friulintagli Maresha Costa ha completato il podio piazzandosi al terzo posto in 9’00” in un arrivo in volata con l’altro atleta del Gruppo Alpinistico Vertovese Alessandro Lotta. Costa ha vinto il titolo italiano under 23 davanti a Matteo Roda (9’13”) e a Niccolò Galimi (9’15”). 

Sebastiano Parolini: Francesca Grana/FIDAL

Cross Corto femminile

La lombarda Micol Majori si è aggiudicata il titolo italiano di cross corto e il secondo successo tricolore dopo la vittoria sui 5000 metri in pista a Rieti nel 2022. La venticinquenne milanese della Pro Sesto Atletica Cernusco ha coperto la distanza di 3 km in 10’21”. La ventenne Agnese Carcano si è aggiudicata il secondo posto in 10’25” superando Giulia Zanne (10’27”) nella curva conclusiva. Carcano ha conquistato il titolo italiano under 23. Melissa Fracassini si è classificata quarta e seconda tra le atlete under 23 in 10’34” dopo il successo della prima giornata nella staffetta con il team del Cus Perugia. Livia Caldarini ha tagliato il traguardo al settimo posto assoluto e al terzo posto tra le under 23 in 10’42”. 

Micol Majori Foto: Francesca Grana/FIDAL

Festa del Cross: Allievi maschili

Il giovane talento Alessandro Santangelo si è confermato come uno dei migliori talenti giovanili del mezzofondo italiano vincendo il cross allievi maschili di 5 km in 15’54” battendo nettamente Vittore Borromini (16’13”) e su Omar Fiki (16’27”). Santangelo si era già messo in luce in passato in occasione dei titoli italiani cadetti in pista e nel cross e della migliore prestazione italiana under 16 sui 1500 metri strappata a Yeman Crippa. 

Festa del Cross: Allievi femminile 

La diciassettenne trentina Licia Ferrari (Sa Valchiese) ha vinto il titolo italiano allieve di 4 km in 15’19” con una gara di testa dall’inizio alla fine battendo di 15 secondi Viola Morrone (15’34”). Giulia Ritamaria Esposito si è piazzata al terzo posto con 15’40”. Ferrari è una specialista del cross e della corsa montagna e ha vestito la maglia azzurra agli Europei di cross di Bruxelles dello scorso Dicembre quando era al primo anno della categoria allieve. 

Festa del cross 2024 | Campionati italiani di cross 2024 | 9-10.03.2024, Cassino (FR) | Foto: Francesca Grana/FIDAL

Festa del Cross: Cadetti maschile

Il quindicenne lombardo Federico Giardiello ha vinto il titolo italiano cadetti al secondo anno nella categoria dopo il terzo posto ai Campionati italiani under 16 di Caorle sui 2000 metri e il successo nella gara cadetti del Campaccio di San Giorgio su Legnano dello scorso 6 Gennaio. Il portacolori dell’Atletica Gavirate ha lanciato l’attacco decisivo prima di tagliare il traguardo in 9’56” sulla distanza dei 3 km. Luca Milanesi si è piazzato al secondo posto in 10’03” precedendo di un secondo Javier Mercuri. 

Festa del Cross: Cadetti femminile 

La quindicenne fiorentina dell’Atletica Marciatori Mugello Viola Fasano ha trionfato nella gara cadette di 2 km in 7’31” precedendo di cinque secondi la lombarda dell’Atletica Estrada Asia Prenzato (7’36”) e di sette secondi la veneta Giorgia Meneghetti (7’38”). Fasano si era già messa in luce in occasione della gara cadette del Campaccio dello scorso 6 Gennaio. 

Gli altri risultati del weekend

Articoli correlati

Provate per voi: La Sportiva Prodigio

15 Aprile, 2024

La Sportiva Prodigio: è la nuova proposta dell’azienda di Ziano di Fiemme ed è pensata per rispondere alle specifiche esigenze dei corridori di ultra trail. L’ha collaudata per noi Giacomo Galliani “Triangolo Lariano” è il nome del territorio compreso tra i due rami del lago di Como, uno dei quali, quello che “volge a mezzogiorno” […]

Maratona di Boston: Obiri e Chebet difendono il titolo

14 Aprile, 2024

La due volte campionessa del mondo dei 5000 metri Hellen Obiri difenderà il suo titolo alla BAA Boston Marathon il 15 Aprile 2024 nel giorno dedicato alla Festa nazionale del Patriot’s Day.  Obiri é una delle quattro vincitrici passate della Maratona di Boston iscritte all’edizione di quest’anno. Le altre tre sono la keniana Edna Kiplagat, due volte vincitrice a Boston nel 2017 […]

Mario Lambrughi da record nei 300 ostacoli

13 Aprile, 2024

A Milano l’azzurro riscrive la migliore prestazione nazionale sulla distanza spuria dopo 28 anni. Lo junior Zanini al record italiano di categoria sui 1000 metri, la cadetta Doualla sui 150 metri Grande prova di Mario Lambrughi alla decima edizione dell’Athletic Elite Meeting a Milano. L’azzurro firma la migliore prestazione nazionale dei 300 ostacoli con il […]

Come restare in forma nel tempo

Restare in forma: come stabilizzare e mantenere uno stato magari faticosamente raggiunto? Orlando Pizzolato fornisce gli step da seguire per consolidare i miglioramenti nella corsa anche nei periodi di assenza dalle gare. Molto spesso, dice Pizzolato, la mancata correlazione tra possibilità e prestazione va infatti ricercata alla voce “adattamenti”. Si tratta, in sostanza, di miglioramenti […]