Crippa sfiora il primato italiano del miglio con 3’52”08

Crippa sfiora il primato italiano del miglio con 3’52”08

06 Settembre, 2020
Giancarlo Colombo
A San Donato Milanese il campione trentino non riesce nell’impresa di battere il record italiano del miglio di Di Napoli. Crippa tornerà in gara ad Ostrava con l’obiettivo di battere il primato italiano di Salvatore Antibo sui 5000 metri.

Yeman Crippa è arrivato ad un soffio dal primato italiano del miglio detenuto da Gennaro Di Napoli nel corso del Miglio Ambrosiano-Trofeo Don Kenya Run, meeting dedicato interamente alle gare sulla distanza del miglio disputato sulla pista di San Donato Milanese. Il campione trentino ha fermato il cronometro in 3’52”08 sfiorando la grande impresa di battere il record di Di Napoli, che il 30 Maggio 1992 fermò il cronometro in 3’51”96 sulla stessa pista. 

Crippa si è classificato secondo alle spalle dell’australiano Matthew Ramsden, che ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno con un ottimo 3’51”23. Il terzo posto è andato all’altro australiano Ryan Gregson con 3’52”38. Il siciliano Osama Zoghlami ha concluso la sua prova in quarta posizione in 3’56”87 davanti a Joao Bussotti (3’57”54) e a Pietro Riva (3’59”56). 

I pacemaker Lorenzo Pilati e Adam Czerwinski hanno guidato il gruppo di testa su ritmi molto veloci (passaggi di 54”7 ai 400m, 1’54”7 agli 800m e 2’53”1 ai 1200m). 

Crippa tornerà in gara ad Ostrava con l’obiettivo di battere il primato italiano di Salvatore Antibo sui 5000 metri.

“E’ un buon tempo, però per dodici centesimi di secondo è sfuggito l’obiettivo e sicuramente dispiace. Se dovevo dare il 100% per fare il record, stavolta ci siamo fermati al 98-99%. E’ un battito di ciglia. E’ difficile da spiegare dove possa aver perso il primato. Di sicuro per Ostrava mi resta ancora più voglia. Andrò in Repubblica Ceca carico. Stavolta non anticipo nulla sul crono che potrò valere ma farò la mia gara”, ha affermato Crippa. 

Gennaro Di Napoli è stato il primo a complimentarsi con Crippa. 

“Non avrà problemi a farlo. Ha un giro di gambe troppo bello”, ha affermato Di Napoli. 

Ala Zoghlami (fratello di Osama) si è imposto nella seconda serie in 4’01”54. Davide Raineri ha stabilito il record mondiale Master 45 con 4’10”30. 

La siciliana Giulia Aprile (quattro volte campionessa italiana sui 1500 metri) ha vinto la gara femminile in 4’36”44 superando Micol Majori (4’39”42) e Martina Tozzi (4’40”96). 

“Vengo da due stagioni condizionate dagli infortuni e riparto da qui”, ha affermato Giulia Aprile. 

Articoli correlati

Mondiali indoor: bronzo di Fabbri nel getto del peso

02 Marzo, 2024

Arriva la prima medaglia per l’Italia ai Campionati mondiali indoor di Glasgow: Leonardo Fabbri nel getto del peso è terzo con 21,96 metri. Magnifica Sveva Gerevini nel pentathlon: quarta col record italiano e il miglior piazzamento mondiale nella storia azzurra delle prove multiple. I crampi frenano Chituru Ali nella finale dei 60 piani (ottavo). Nelle […]

800 metri indoor: è record italiano per Tecuceanu

23 Febbraio, 2024

A Madrid Catalin Tecuceanu vince gli 800 metri in 1’45”00 migliorando lo storico record di Giuseppe D’Urso (1’45’44 / 1993), che resisteva da 31 anni. Buone anche la parallela prova di Eloisa Coiro, che chiude gli 800 in seconda posizione in 2’01”50 (primato personale indoor), e di Ludovica Cavalli, terza italiana di sempre nei 1.500 […]

Crippa, Faniel e Meucci: è sfida per il pass Parigi 2024

16 Febbraio, 2024

Domenica 18 febbraio, a Siviglia, comincia la sfida per un posto in squadra alla maratona olimpica di Parigi 2024. Al via Yeman Crippa, Eyob Faniel e Daniele Meucci, tre dei sei candidati alla convocazione a cinque cerchi. Il via alle 8:30, preceduto da 42 secondi di silenzio in onore di Kelvin Kiptum. Diretta TV su […]

Meslek colpisce ancora: altro record sui 1.500 metri

07 Febbraio, 2024

Con 3’35”63 Ossama Meslek migliora il già suo record italiano dei 1.500 metri nel meeting di Torun, caratterizzato anche dall’ulteriore primato italiano di Zaynab Dosso (7”02 nei 60 metri piani) e dal miglioramento di Andy Diaz (17,65 m nel salto triplo), sempre più capolista stagionale. Bravi anche Lorenzo Simonelli e Catalin Tecuceanu. La sfida prosegue […]