fbpx

Campionati Italiani Assoluti: tutti i tricolori assegnati a Padova

Foto Giancarlo Colombo
Di: Diego Sampaolo

Si è chiuso allo Stadio Colbachini di Padova il weekend tricolore che ha assegnato i titoli italiani: spiccano Fabbri, Iapichino, Jacobs e Tamberi

L’edizione numero 110 dei Campionati Italiani Assoluti allo Stadio Daciano Colbacchini ha regalato una tre giorni ricca di grandi risultati come il 21.99m di Leonardo Fabbri nel getto del peso, il 2.28m di Gianmarco Tamberi nel salto in alto, il 10”10 di Marcell Jacobs sui 100 metri e ha proposto numerosi giovani come Larissa Iapichino, Dario Dester, Edoardo Scotti e Carolina Visca.

Bellò e Barontini campioni italiani sugli 800 metri

Le finali del mezzofondo hanno fatto registrare le affermazioni della veneta Elena Bellò e del marchigiano Simone Barontini sugli 800 metri. Bellò ha vinto il primo titolo all’aperto dopo le tre affermazioni a livello indoor. Bellò ha lanciato l’attacco decisivo nell’ultima curva aggiudicandosi la finale del doppio giro di pista in 2’04”01 davanti alla pesarese Eleonora Vandi (2’05”19) e alla campionessa italiana indoor dei 1500 metri Gaia Sabbatini (2’05”64).

Barontini ha rivinto il titolo italiano degli 800 metri maschili con una gara da front runner un anno dopo il successo di Bressanone fermando il cronometro in 1’48”16 davanti a Stefano Migliorati (1’48”54) e a Gabriele Acquaro (1’48”60).

Fabbri sfiora i 22 metri nel peso

Il risultato clou di Padova 2020 è arrivato dalla pedana del getto del peso dove Leonardo Fabbri ha sfiorato la magica barriera dei 22 metri nel getto del peso con 21.99m diventando il primo in Europa e il secondo al mondo nel 2020 alle spalle del campione olimpico Ryan Crouser (leader stagionale con 22.91m). Nella sua serie il toscano ha messo a referto anche 21.25m e 20.88m. Fabbri aveva un personale all’aperto di 21.57m realizzato a Sollentuna e ha stabilito il record italiano indoor con 21.59m a Stoccolma lo scorso Febbraio. In questa stagione l’allievo di Paolo Dal Soglio ha già lanciato nove volte oltre i 21 metri tra indoor e outdoor. L’italo-sudafricano Zane Weir (compagno di allenamento di Fabbri) ha migliorato il personale con 20.31m.

Quinto titolo outdoor per Tamberi

Gianmarco Tamberi ha vinto il quinto titolo italiano outdoor della sua carriera saltando 2.28m alla prima prova prima di sbagliare tre prove alla quota di 2.31m. Il campione europeo indoor in carica ha fatto percorso netto superando 2.13m, 2.16m, 2.19m, 2.22m, 2.25m e 2.28m sempre al primo tentativo. In questa stagione l’anconetano ha fatto meglio in due occasioni ad Ancona con 2.30m il 28 Giugno e a Leverkusen con 2.29m il 16 Agosto. Nelle liste mondiali dell’anno soltanto il bielorusso Maksim Nedasekau ha saltato più in alto con 2.33m. Il campione italiano uscente Stefano Sottile ha superato 2.19m al primo tentativo prima di commettere un errore a 2.22m e due a 2.25m.

Tris di Jacobs sui 100 metri, Tortu rinuncia alla finale

Marcell Jacobs ha fatto tripletta di titoli italiani vincendo la finale dei 100 metri in 10”10 con vento a favore di +3.3 m/s dopo le vittorie di Pescara 2018 e Bressanone 2019. Roberto Rigali si è classificato secondo in 10”28 davanti al figlio d’arte Andrea Federici (10”42) in una finale dominata dai velocisti lombardi.

Dosso batte di un centesimo Siragusa sui 100 metri

Zaynab Dosso ha confermato il titolo italiano della passata edizione sui 100 metri in 11”35 battendo di un centesimo di secondo Irene Siragusa in un arrivo al photo-finish. Anna Bongiorni ha completato il podio con 11”40 dopo aver corso la semifinale in 11”31.

Bogliolo campionessa italiana sui 100 ostacoli per la terza volta

Luminosa Bogliolo ha centrato il terzo titolo italiano all’aperto sui 100 ostacoli in 13”02 con vento leggermente contrario una settimana dopo la bella vittoria in Diamond League a Stoccolma. L’ostacolista ligure ha preceduto la neo primatista italiana under 23 Elisa Maria Di Lazzaro (13”22) e la campionessa italiana indoor Linda Guizzetti (13”35).

Lorenzo Perini (fidanzato di Luminosa Bogliolo) ha vinto la finale dei 110 ostacoli in 13”53 avvicinando il personale di sette centesimi di secondo. France Brice Koua ha stabilito il primato italiano juniores con ostacoli da 106 cm con 14”04 classificandosi terzo alle spalle del campione uscente Hassane Fofana (13”86).

Padova 28-30 /08/ 2020 Stadio Daciano Colbachini Padova, Campionati Italiani Assoluti di Atletica Leggera, nella foto: Luminosa Bogliolo, finale 100Hs – foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo

Scotti campione italiano sui 400 metri a 20 anni

Il ventenne Edoardo Scotti ha vinto il primo titolo italiano assoluto della sua carriera sui 400 metri in un ottimo 45”77 nonostante il vento pochi giorni dopo la vittoria nel meeting del Continental Tour di Bydgoszcz in 45”48. Vladimir Aceti e Lorenzo Benati si sono aggiudicati le piazze d’onore rispettivamente in 46”49 e in 46”91.

Kaddari sfiora il primato italiano under 20 sui 200 metri

La diciannovenne sarda Dalia Kaddari ha vinto il primo titolo italiano assoluto sui 200 metri in un eccellente 23”30 sfiorando di cinque centesimi di secondo il primato italiano under 20 detenuto da Vincenza Calì.

L’italo-inglese Antonio Infantino ha bissato il successo della scorsa edizione sui 200 metri in 20”71 precedendo Andrea Federici (21”20).

Sorpresa Mangione sui 400 metri femminili

Alice Mangione si è imposta a sorpresa nella finale dei 400 metri femminili demolendo di ben sette decimi di secondo il primato personale con 52”70. Sotto il suo precedente record anche Rebecca Borga, seconda con 52”92 davanti alla due volte campionessa italiana indoor Raphaela Lukudo (53”31).

Dallavalle campione italiano del triplo

Il ventenne piacentino Andrea Dallavalle ha messo a segno un ottimo 16.79m aggiudicandosi il duello tutto emiliano con il parmense Tobia Bocchi (16.50m).

Iapichino vince il primo titolo italiano assoluto nel salto in lungo a 18 anni

La diciottenne figlia d’arte Larissa Iapichino è la prima atleta nata nel 2002 a laurearsi campionessa italiana aggiudicandosi il salto in lungo femminile con 6.32m con vento contrario di -1.7 m/s al sesto tentativo.

Dariya Derkach ha conquistato l’ottavo titolo italiano assoluto della sua carriera nel salto triplo femminile con 13.56m superando all’ultimo salto a sua disposizione Ottavia Cestonaro (13.47m) e la junior dell’Assindustria Sport Padova Veronica Zanon (13.41m).

Padova 28-30 /08/ 2020 Stadio Daciano Colbachini Padova, Campionati Italiani Assoluti di Atletica Leggera, nella foto: Larissa Iapichino salto in lungo – foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo

Folorunso e Lambrughi vincono i 400 ostacoli

La campionessa mondiale universitaria Ayomide Folorunso ha vinto il terzo titolo italiano assoluto sui 400 ostacoli in 56”47 precedendo Eleonora Marchiando (57”45) e Linda Olivieri (57”60).

Mario Lambrughi si è laureato campione italiano sui 400 ostacoli in 49”84 sfiorando il personale stagionale di un centesimo di secondo.

Filippo Randazzo ha confermato il suo bel momento di forma vincendo il salto in lungo maschile con 7.77m con vento a favore di +2.2 m/s.

Elena Vallortigara ha conquistato il secondo titolo italiano assoluto della sua carriera nel salto in alto superando 1.88m al primo tentativo.

Roberta Bruni ha vinto il terzo titolo italiano outdoor nel salto con l’asta con 4.30m prima di tentare tre prove a 4.40m. 

Max Mandusic ha bissato il titolo italiano di salto con l’asta vinto l’anno scorso a Bressanone superando 5.40m alla prima prova. Il giovane triestino ha tentato senza successo tre prove a 5.52m. Il finalista iridato Claudio Stecchi è uscito di scena con tre errori a 5.25m.

Doppietta cremonese di Gerevini e Dester nelle prove multiple

Sveva Gerevini ha fatto poker vincendo il quarto titolo italiano dell’eptathlon con 5741 punti al termine di una due giorni che l’ha vista prevalere sui 100 ostacoli (14”29 con vento contrario di -2.2 m/s), nel salto in lungo (5.99m primato personale), nel giavellotto (40.14m) e gli 800 metri femminili (2’17”02). Il decatleta Dario Dester, compagno di allenamenti di Gerevini sotto la guida di Pietro Frittoli, è il primo atleta nato nel 2000 a vincere un titolo italiano assoluto sfiorando il primato personale di tre punti con 7652 punti.

La ventenne romana Carolina Visca ha ripetuto il successo della passata edizione di Bressanone vincendo il lancio del giavellotto con 55.57m al primo tentativo.

Record italiano juniores per Rachele Mori, nipote di Fabrizio

Sara Fantini ha vinto il settimo titolo italiano della sua carriera con 68.50m. Alle spalle della figlia dell’ex pesista Corrado Fantini si è messa in luce Rachele Mori. La nipote d’arte del campione del mondo dei 400 ostacoli di Siviglia 1999 Fabrizio Mori ha stabilito il primato italiano allieve in qualificazione con 61.75m prima di migliorare il primato nazionale juniores detenuto da Laura Gibilisco con 64.59m e 65.03m in finale.

Quattordicesimo titolo in carriera per il quarantaduenne Marco Lingua nel lancio del martello con 71.98m.

Primo successo tricolore assoluto per la torinese Daisy Osakue nel lancio del disco femminile con 58.26m al quarto tentativo.

Chiara Rosa ha fatto suo il ventisettesimo titolo italiano del getto del peso femminile con 16.55m. Il commercialista trentino Norbert Bonvecchio ha battuto il favorito Mauro Fraresso nel lancio del giavellotto con 74.64m.

Una grande frazione di Raphaela Lukudo ha permesso all’Esercito di vincere la staffetta 4×400 in 3’34”80 davanti al Cus Pro Patria Milano delle tre sorelle Troiani. L’Atletica Futura Roma ha superato l’Atletica Riccardi Milano nella staffetta 4×400 in 3’12”94.

Le formazioni campioni d’Italia assoluti a squadre sono l’Athletic Club 96 Alperia Bolzano in campo maschile e l’Atletica Brescia 1950 Metallurgica San Marco in ambito femminile.

Articoli Correlati

Tutti i favoriti dei Campionati Italiani Assoluti di Padova
A 104 anni si è spento Giuseppe Ottaviani
Presentazione arese libro divieto di sosta
Tutte le vite di Arese
Asher Smith regina sui 200 metri, Re ad un passo dall’impresa sui 400 metri
Mondiali di Doha: Tortu settimo nella finale dei 100 metri, Giorgi vince il bronzo nella 50 km di marcia
Larissa Iapichino record salto in lungo
Cinque ori e undici medaglie per l’Italia agli Europei Under 20 di Boras