fbpx

Vecchioni: «La corsa rigenerante, nuovo modo di correre al naturale» 

27 Dicembre, 2017
Foto: Correre Naturale

Tra le novità del numero di gennaio di Correre compare una rubrica di allenamento intitolata “Ri(e)voluzione, curata da Daniele Vecchioni.

Già intervistato in passato da Correre, Daniele Vecchioni è autore del metodo di allenamento denominato “Correre naturale”, un percorso di ricerca nell’arte della corsa, un vero e proprio cammino di studio e riscoperta, messo a punto con l’obiettivo di portare le persone a riscoprire il vero valore e piacere della corsa e del movimento, attività vitali e indispensabili per ogni essere umano, e capire cosa significa davvero essere “Nati per Correre”.

Il primo capitolo di questa nuova rubrica è dedicato alla corsa rigenerante, utile sia a chi corre per aumentare il proprio benessere sia al corridore agonista dopo una gara o un allenamento sfibranti.

Che cos’è la corsa rigenerante?

La “corsa rigenerante” è una tipologia di recupero attivo che va sempre inserita il giorno dopo una gara o un allenamento impegnativo, così come in quelle giornate in cui ci si sente “scarichi” a causa di stress, lavoro o problemi personali.

La corsa rigenerante permette al runner di eseguire un allenamento di corsa che non sia improntato sui normali parametri di distanza, velocità o ritmo, bensì sulle proprie sensazioni. Si usa quindi questo tipo di corsa per lavorare su sé stessi, riequilibrando corpo e mente tramite l’uso di questo gesto ancestrale. Il vantaggio di una seduta di corsa rigenerante è che il corridore, al termine dell’allenamento, è più rilassato di quando è partito, perché ha allontanato stress, dolori e problemi e, soprattutto, ha la sensazione di aver fatto una vera e propria “doccia interna”.

Come si esegue la corsa rigenerante?

Il runner deve respirare unicamente con il naso per tutta la durata della corsa (all’inizio per aiutarsi può essere utile coprire la bocca con del nastro adesivo chirurgico, come si vede nella foto), prestando attenzione a fare meno rumore possibile; non deve mai trovarsi, quindi, ad avere “fame d’aria”, il fiatone o una sensazione di affanno.

Nel metodo “Correre naturale”, questa definizione di naso bianco si contrappone alla condizione di “naso nero”, che determina invece un respiro in affanno e rumoroso.

“Affidiamoci, quindi, al naso come nostro primo limitatore – scrive Vecchioni -, non pensiamo all’orologio, copriamo il quadrante con un cerotto o lasciamolo addirittura a casa, perché, almeno per questa seduta, non ci servirà. In questo allenamento ciò su cui dovremo fare affidamento saranno le nostre sensazioni. Iniziamo a correre prestando attenzione al nostro respiro, in modo che sia leggero, silenzioso e “facile”. Se ci ritroveremo a dover forzare la respirazione, proveremo a rallentare ulteriormente il passo o anche a camminare per un po’: la corsa rigenerante deve essere un’esperienza piacevole e, a suo modo, naturale”.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “La corsa rigenerante”, di Daniele Vecchioni, pubblicato su Correre n. 399, gennaio 2017 (in edicola da sabato 30 dicembre), alle pagine 50-53.

Correre Gennaio 2018

I principali contenuti del numero di Correre di gennaio Allenamento – Sei regole per dare il meglio, dedicate agli Over 50. (Orlando Pizzolato) Programmazione – Missione possibile: preparare una mezza maratona in sei settimane. I consigli di Lorenzo Falco per runner principianti. Approfondimento – Quanti chilometri a settimana servono per affrontare una maratona? Dipende dalle […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Rondelli: «Quanti chilometri alla settimana per una maratona?» 

27 Dicembre, 2017

Quanti chilometri si devono correre per preparare una maratona di alto livello? Le impostazioni metodologiche di lavoro dipendono quasi sempre dalle caratteristiche tecniche e psicologiche dell’atleta. Il caso Bordin  L’esempio più eclatante di “motore umano” è quello di Gelindo Bordin, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Seul ‘88, doppio campione europeo a Stoccarda ’86 e Spalato […]

Grana: «Professione advisor» 

27 Dicembre, 2017

Maurizio Cito, senese classe ’86, è advisor del mezzofondo prolungato del settore Sviluppo della Fidal. Capiamone di più sul suo incarico. Cosa fa un advisor? «Sono alle dipendenze di Baldini! Metto a disposizione il mio tempo e le mie competenze per seguire i ragazzi inseriti nel progetto Sviluppo, poi comunico le mie impressioni a Stefano, […]

Falco: «Una “mezza” in sei settimane» 

27 Dicembre, 2017

La mezza maratona è considerata una “prova intermedia”, anche se dal punto di vista dello sforzo fisiologico è certamente più vicina alle gare corte che non alla maratona. Per molti, ma non per tutti Non si tratta di una distanza adatta a tutti: il carico di chilometri comincia a crescere rispetto alle gare corte e […]

De Ponti: «L’equilibrio innanzi tutto» 

27 Dicembre, 2017

L’equilibrio muscolare è di importanza fondamentale per chi corre a lungo e il discorso non riguarda solo gli arti inferiori. I disequilibri provocano l’usura delle strutture muscolari e osteoarticolari. Accade anche ai giovani runner, figuriamoci con l’avanzare dell’età. Muscoli agonisti e antagonisti  Nei soggetti che corrono prevalentemente a ritmi lenti, si ha di solito una […]

Speciani: «Running e ipertensione» 

27 Dicembre, 2017

L’ipertensione arteriosa viene considerata uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare insieme agli altri due “killer” riconosciuti: fumo e diabete, aggravati da sovrappeso e sedentarietà. Benché l’attività fisica sia documentatamente in grado di prevenire e curare la pressione alta, sono sempre più numerosi gli sportivi di una certa età che assumono farmaci per questa patologia. […]

L’anno della donna che corre

27 Dicembre, 2017

Il tempo di un brindisi ed è già l’ora di ripartire. Correre di gennaio si affaccia dalle edicole e dagli schermi della versione digitale fin dalla mattina di sabato 30 dicembre (in allegato Scarpe&Sport) per agguantare al volo il treno dei vostri buoni propositi per l’anno nuovo. Il tempo di un brindisi e anche il […]