fbpx

Grana: «Professione advisor» 

27 Dicembre, 2017
Foto: Francesca Grana

Maurizio Cito, senese classe ’86, è advisor del mezzofondo prolungato del settore Sviluppo della Fidal. Capiamone di più sul suo incarico.

Cosa fa un advisor?

«Sono alle dipendenze di Baldini! Metto a disposizione il mio tempo e le mie competenze per seguire i ragazzi inseriti nel progetto Sviluppo, poi comunico le mie impressioni a Stefano, che ha l’autorità per implementare o tagliare la rosa delle convocazioni, anche in funzione del budget».

«Supervisiono l’attività tecnica durante i raduni e tengo i rapporti coi tecnici personali. Sono a disposizione per qualsiasi tipo di consulenza o problematica, una sorta di facilitatore tra loro e la Federazione».

Cos’è il settore Sviluppo?

«Insieme al settore Giovanile, rientra nell’area di cui si occupa Stefano Baldini. Mentre Allievi (Under 18) e Juniores (Under 20) sono sotto l’orbita dei tutor, come Luciano Gigliotti e Piero Endrizzi, il settore Sviluppo coinvolge le Promesse (Under 23) e gli Under 25 più promettenti. Tra mezzofondo e fondo sono stati selezionati quasi una trentina di ragazzi, con l’obiettivo di guidarne la maturazione sino alla “promozione” nel settore Alto Livello (Atletica Elite Club), di cui è responsabile Elio Locatelli».

Qual è la parte più difficile del ruolo?

«Sicuramente non gli allenamenti! L’aspetto più delicato è la gestione dei rapporti coi vari tecnici, soprattutto nel caso in cui un atleta sembri in difficoltà. Non è facile intervenire senza far sentire l’allenatore sul banco degli imputati, che non è mia intenzione. Spesso passiamo per invadenti, ma il nostro obiettivo è esattamente il contrario: valorizzare i tecnici di partenza e fornire loro strumenti per migliorare».

E il bello?

«Il rapporto con gli atleti. La mia fortuna è che ho trent’anni e mi vedono come un compagno d’allenamento con più esperienza. Il gap generazionale è molto ristretto, parliamo con complicità».

«Il lavoro che paga, come l’ottimo 3.000 siepi di Osama Zoglami (8’22”94), il personale di Andrea Romani negli 800 m (1’48”52) e le vittorie di Francesco Conti e Simone Bernardi dopo il raduno al Sestriere. E poi quando leggo la soddisfazione negli sguardi degli allenatori, con cui finalmente parlo la stessa lingua».

Da Bydgoszcz a Berlino 

«Gli Europei Under 23 sono stati una trasferta memorabile per il mezzofondo: doppietta nelle siepi e la rinascita di Crippa nei 5.000 m che, con una vittoria da infarto, è riuscito a correggere una stagione difficile. Un argento e due ori sono metalli pesanti, non si tratta di tre bronzi. Le siepi sono stata l’unica gara con tre finalisti, tutti nei primi otto».

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Professione advisor”, di Francesca Grana, pubblicato su Correre n. 399, gennaio 2017 (in edicola da sabato 30 dicembre), alle pagine 78-80.

Correre Gennaio 2018

I principali contenuti del numero di Correre di gennaio Allenamento – Sei regole per dare il meglio, dedicate agli Over 50. (Orlando Pizzolato) Programmazione – Missione possibile: preparare una mezza maratona in sei settimane. I consigli di Lorenzo Falco per runner principianti. Approfondimento – Quanti chilometri a settimana servono per affrontare una maratona? Dipende dalle […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Rondelli: «Quanti chilometri alla settimana per una maratona?» 

27 Dicembre, 2017

Quanti chilometri si devono correre per preparare una maratona di alto livello? Le impostazioni metodologiche di lavoro dipendono quasi sempre dalle caratteristiche tecniche e psicologiche dell’atleta. Il caso Bordin  L’esempio più eclatante di “motore umano” è quello di Gelindo Bordin, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Seul ‘88, doppio campione europeo a Stoccarda ’86 e Spalato […]

Falco: «Una “mezza” in sei settimane» 

27 Dicembre, 2017

La mezza maratona è considerata una “prova intermedia”, anche se dal punto di vista dello sforzo fisiologico è certamente più vicina alle gare corte che non alla maratona. Per molti, ma non per tutti Non si tratta di una distanza adatta a tutti: il carico di chilometri comincia a crescere rispetto alle gare corte e […]

De Ponti: «L’equilibrio innanzi tutto» 

27 Dicembre, 2017

L’equilibrio muscolare è di importanza fondamentale per chi corre a lungo e il discorso non riguarda solo gli arti inferiori. I disequilibri provocano l’usura delle strutture muscolari e osteoarticolari. Accade anche ai giovani runner, figuriamoci con l’avanzare dell’età. Muscoli agonisti e antagonisti  Nei soggetti che corrono prevalentemente a ritmi lenti, si ha di solito una […]

Speciani: «Running e ipertensione» 

27 Dicembre, 2017

L’ipertensione arteriosa viene considerata uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare insieme agli altri due “killer” riconosciuti: fumo e diabete, aggravati da sovrappeso e sedentarietà. Benché l’attività fisica sia documentatamente in grado di prevenire e curare la pressione alta, sono sempre più numerosi gli sportivi di una certa età che assumono farmaci per questa patologia. […]

Vecchioni: «La corsa rigenerante, nuovo modo di correre al naturale» 

27 Dicembre, 2017

Tra le novità del numero di gennaio di Correre compare una rubrica di allenamento intitolata “Ri(e)voluzione, curata da Daniele Vecchioni. Già intervistato in passato da Correre, Daniele Vecchioni è autore del metodo di allenamento denominato “Correre naturale”, un percorso di ricerca nell’arte della corsa, un vero e proprio cammino di studio e riscoperta, messo a punto con […]

L’anno della donna che corre

27 Dicembre, 2017

Il tempo di un brindisi ed è già l’ora di ripartire. Correre di gennaio si affaccia dalle edicole e dagli schermi della versione digitale fin dalla mattina di sabato 30 dicembre (in allegato Scarpe&Sport) per agguantare al volo il treno dei vostri buoni propositi per l’anno nuovo. Il tempo di un brindisi e anche il […]