fbpx

Grana: «Professione advisor» 

Foto: Francesca Grana
Di: A cura della redazione 

Maurizio Cito, senese classe ’86, è advisor del mezzofondo prolungato del settore Sviluppo della Fidal. Capiamone di più sul suo incarico.

Cosa fa un advisor?

«Sono alle dipendenze di Baldini! Metto a disposizione il mio tempo e le mie competenze per seguire i ragazzi inseriti nel progetto Sviluppo, poi comunico le mie impressioni a Stefano, che ha l’autorità per implementare o tagliare la rosa delle convocazioni, anche in funzione del budget».

«Supervisiono l’attività tecnica durante i raduni e tengo i rapporti coi tecnici personali. Sono a disposizione per qualsiasi tipo di consulenza o problematica, una sorta di facilitatore tra loro e la Federazione».

Cos’è il settore Sviluppo?

«Insieme al settore Giovanile, rientra nell’area di cui si occupa Stefano Baldini. Mentre Allievi (Under 18) e Juniores (Under 20) sono sotto l’orbita dei tutor, come Luciano Gigliotti e Piero Endrizzi, il settore Sviluppo coinvolge le Promesse (Under 23) e gli Under 25 più promettenti. Tra mezzofondo e fondo sono stati selezionati quasi una trentina di ragazzi, con l’obiettivo di guidarne la maturazione sino alla “promozione” nel settore Alto Livello (Atletica Elite Club), di cui è responsabile Elio Locatelli».

Qual è la parte più difficile del ruolo?

«Sicuramente non gli allenamenti! L’aspetto più delicato è la gestione dei rapporti coi vari tecnici, soprattutto nel caso in cui un atleta sembri in difficoltà. Non è facile intervenire senza far sentire l’allenatore sul banco degli imputati, che non è mia intenzione. Spesso passiamo per invadenti, ma il nostro obiettivo è esattamente il contrario: valorizzare i tecnici di partenza e fornire loro strumenti per migliorare».

E il bello?

«Il rapporto con gli atleti. La mia fortuna è che ho trent’anni e mi vedono come un compagno d’allenamento con più esperienza. Il gap generazionale è molto ristretto, parliamo con complicità».

«Il lavoro che paga, come l’ottimo 3.000 siepi di Osama Zoglami (8’22”94), il personale di Andrea Romani negli 800 m (1’48”52) e le vittorie di Francesco Conti e Simone Bernardi dopo il raduno al Sestriere. E poi quando leggo la soddisfazione negli sguardi degli allenatori, con cui finalmente parlo la stessa lingua».

Da Bydgoszcz a Berlino 

«Gli Europei Under 23 sono stati una trasferta memorabile per il mezzofondo: doppietta nelle siepi e la rinascita di Crippa nei 5.000 m che, con una vittoria da infarto, è riuscito a correggere una stagione difficile. Un argento e due ori sono metalli pesanti, non si tratta di tre bronzi. Le siepi sono stata l’unica gara con tre finalisti, tutti nei primi otto».

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Professione advisor”, di Francesca Grana, pubblicato su Correre n. 399, gennaio 2017 (in edicola da sabato 30 dicembre), alle pagine 78-80.

Articoli Correlati

Sifan Hassan
Hassan batte Klosterhalfen sui 1500 metri nella finale della Diamond League di Zurigo
NB Games: ecco tutti gli ammessi alla finale di Cles, sabato 24 agosto
Marta Zenoni
L’Italia vince sette medaglie agli Europei Under 23 di Gavle 
Sifan Hassan
Sifan Hassan batte il record mondiale del miglio a Montecarlo 
IAAF Diamond League: Obiri, Amos e Semenya illuminano il mezzofondo di Doha
L’efficacia dell’allenamento dipende anche dal livello di recupero: l’esperienza di Maurizio Cito con SuperOp