fbpx

Falco: «Una “mezza” in sei settimane» 

27 Dicembre, 2017
Foto: Pierluigi Benini

La mezza maratona è considerata una “prova intermedia”, anche se dal punto di vista dello sforzo fisiologico è certamente più vicina alle gare corte che non alla maratona.

Per molti, ma non per tutti

Non si tratta di una distanza adatta a tutti: il carico di chilometri comincia a crescere rispetto alle gare corte e gli acciacchi, soprattutto muscolari, si presentano con maggiore probabilità. Gli obiettivi tecnici sono principalmente due: imparare a tollerare i carichi di chilometri con continuità e conservare un’adeguata velocità di base.

Chi può seguire un piano di lavoro finalizzato a una mezza maratona? Chi si allena con regolarità almeno quattro volte alla settimana e ha già effettuato allenamenti impegnativi come fartlek, progressivi, medi e ripetute lunghe.

I parametri di partenza

Prima di iniziare un programma, è decisivo stabilire i parametri di partenza, che non sono fissi. Un atleta attento, infatti, è in grado di aggiornare il programma anche a preparazione già cominciata, modificando il ritmo fissato in precedenza per gli allenamenti in base alla propria percezione del livello di impegno: lo aumenterà se lo sta percependo come “facile”, lo ridurrà d’intensità se invece capisce che quel ritmo si sta rivelando insostenibile.

La programmazione

Quale deve essere il ritmo di corsa a cui puntare per la preparazione della mezza maratona?

Se il podista già corre distanze lunghe in allenamento ed è preciso nelle andature, può scegliere un “ritmo mezza” di 15”/km più lento rispetto al ritmo gara sui 10 km.

Nel podista che arriva dalle corse di 10 km, la velocità è già nelle gambe: servirà aumentare la tenuta e quindi la capacità di correre bene e a lungo.

Tra i valori che “fotografano” le qualità dei podisti, per correre la mezza maratona serve migliorare più la capacità aerobica che la soglia anaerobica. Una volta stabilita l’andatura su cui programmare gli allenamenti, che dovrà essere poi verificata sul campo, si può ricavare una proiezione. Se, per esempio, un soggetto ha da poco corso una gara di 10 km al passo di 4′/km (4 minuti al chilometro), può ipotizzare di correre la mezza maratona a 4’15”/km, con un tempo gara finale di 1:29’40”.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Una mezza in sei settimane”, di Lorenzo Falco, pubblicato su Correre n. 399, gennaio 2017 (in edicola da sabato 30 dicembre), alle pagine 24-28.

Correre Gennaio 2018

I principali contenuti del numero di Correre di gennaio Allenamento – Sei regole per dare il meglio, dedicate agli Over 50. (Orlando Pizzolato) Programmazione – Missione possibile: preparare una mezza maratona in sei settimane. I consigli di Lorenzo Falco per runner principianti. Approfondimento – Quanti chilometri a settimana servono per affrontare una maratona? Dipende dalle […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Rondelli: «Quanti chilometri alla settimana per una maratona?» 

27 Dicembre, 2017

Quanti chilometri si devono correre per preparare una maratona di alto livello? Le impostazioni metodologiche di lavoro dipendono quasi sempre dalle caratteristiche tecniche e psicologiche dell’atleta. Il caso Bordin  L’esempio più eclatante di “motore umano” è quello di Gelindo Bordin, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Seul ‘88, doppio campione europeo a Stoccarda ’86 e Spalato […]

Grana: «Professione advisor» 

27 Dicembre, 2017

Maurizio Cito, senese classe ’86, è advisor del mezzofondo prolungato del settore Sviluppo della Fidal. Capiamone di più sul suo incarico. Cosa fa un advisor? «Sono alle dipendenze di Baldini! Metto a disposizione il mio tempo e le mie competenze per seguire i ragazzi inseriti nel progetto Sviluppo, poi comunico le mie impressioni a Stefano, […]

De Ponti: «L’equilibrio innanzi tutto» 

27 Dicembre, 2017

L’equilibrio muscolare è di importanza fondamentale per chi corre a lungo e il discorso non riguarda solo gli arti inferiori. I disequilibri provocano l’usura delle strutture muscolari e osteoarticolari. Accade anche ai giovani runner, figuriamoci con l’avanzare dell’età. Muscoli agonisti e antagonisti  Nei soggetti che corrono prevalentemente a ritmi lenti, si ha di solito una […]

Speciani: «Running e ipertensione» 

27 Dicembre, 2017

L’ipertensione arteriosa viene considerata uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare insieme agli altri due “killer” riconosciuti: fumo e diabete, aggravati da sovrappeso e sedentarietà. Benché l’attività fisica sia documentatamente in grado di prevenire e curare la pressione alta, sono sempre più numerosi gli sportivi di una certa età che assumono farmaci per questa patologia. […]

Vecchioni: «La corsa rigenerante, nuovo modo di correre al naturale» 

27 Dicembre, 2017

Tra le novità del numero di gennaio di Correre compare una rubrica di allenamento intitolata “Ri(e)voluzione, curata da Daniele Vecchioni. Già intervistato in passato da Correre, Daniele Vecchioni è autore del metodo di allenamento denominato “Correre naturale”, un percorso di ricerca nell’arte della corsa, un vero e proprio cammino di studio e riscoperta, messo a punto con […]

L’anno della donna che corre

27 Dicembre, 2017

Il tempo di un brindisi ed è già l’ora di ripartire. Correre di gennaio si affaccia dalle edicole e dagli schermi della versione digitale fin dalla mattina di sabato 30 dicembre (in allegato Scarpe&Sport) per agguantare al volo il treno dei vostri buoni propositi per l’anno nuovo. Il tempo di un brindisi e anche il […]