fbpx

Reportage: di corsa col popolo Raramuri

26 Giugno, 2020
Foto: Runandrun2020
L’ultramarathon Caballo Blanco si svolge nel territorio messicano dei Tarahumara, popolo di corridori instancabili diventati noti ai runner soprattutto grazie al volume Born to run di Christopher McDougall. Lorena Brusamento l’aveva corsa poco prima del lockdown e ora ce la racconta.

Per gli appassionati di corsa, “Tarahumara” è parola mitica, al pari di Kenya, Etiopia e, per gli appassionati di lungo corso, anche Finlandia e Nuova Zelanda.

Di base, “Tarahumara” è il nome della zona del Messico abitata dal popolo Raramuri, famoso per la resistenza straordinaria. “Tarahumara” e “Raramuri” sono entrati nel vocabolario della corsa con il libro di successo “Born to run”, scritto da Christopher McDougall, ma i lettori di Correre appassionati di trail running hanno incontrato popolo e terra Tarahumara anche nel romanzo di Leonardo Soresi “Il ragazzo che cavalcava il vento”.

Diario di un viaggio di corsa e di vita

In quel territorio si svolge la corsa denominata “Ultramarathon Caballo Blanco”, soprannome dell’ultramaratoneta Micah True, mancato nel 2012.

L’edizione di quest’anno si è svolta a fine febbraio, poco prima che il mondo si fermasse per l’epidemia di Covid-19. Alla corsa ha partecipato Lorena Brusamento, a sua volta ultrarunner di ottimo livello. Nelle 10 pagine del reportage che apre Correre di giugno vengono raccontati i luoghi, l’atmosfera, le corse e soprattutto le persone incontrate da Lorena in questo viaggio straordinario. Il servizio è aperto da un’intervista all’atleta curata da Chiara Collivignarelli e di cui riportiamo alcuni passaggi.

Sognava da molto di fare questo viaggio?

«Ho letto il libro di McDougall un paio di anni fa e ne sono rimasta folgorata. Da allora ho approfondito meglio la conoscenza del popolo Raramuri, che mi ha estremamente affascinato. Soprattutto le donne, che corrono in boschi e sentieri difficilissimi alla velocità della luce, indossando sandali e gonnelloni, per raggiungere i villaggi più vicini, che sono a chilometri e chilometri di distanza. Mi ero sempre chiesta come facessero, me lo sono domandata in Messico e continuo a chiedermelo. Hanno una forza, una resistenza, una dignità incredibili. E alle competizioni, che affrontano sempre con i loro abiti tradizionali, sono delle campionesse formidabili.»

Ci spiega nel dettaglio perché quel territorio e le persone che lo vivono sono tanto straordinari?

«Quello che hanno di davvero straordinario è il forte legame con la Natura, la piena comunione con essa. Si affidano totalmente a lei, ne seguono il flusso e sanno che, se impari ad ascoltarla, la Natura ti aiuterà. Vivono isolati, tra le loro barrancas (canyon, nda), non vogliono essere contaminati da nulla e si fondono completamente con la terra, traendo da essa la loro forza. Forza che si traduce anche nella loro incredibile resistenza, nella capacità di reggere chilometri e chilometri di corsa nei boschi senza lamentarsi. Ho nettamente percepito questa loro simbiosi con la Natura anche durante la competizione. Loro dicono che se corri nella Terra e per la Terra, puoi correre per sempre.»

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del reportage “Quel sogno realizzato in terra Tarahumara” pubblicato su Correre n. 428, giugno 2020 (in edicola da inizio mese), alle pagine 18-27.

Correre Giugno 2020

In questo numero parliamo di… Reportage – L’ultramarathon Caballo Blanco si svolge nel territorio messicano dei Tarahumara, popolo di corridori instancabili diventati noti ai runner grazie al volume Born to run di Christopher McDougall. Lorena Brusamento l’aveva corsa poco prima del lockdown e ora ce la racconta.   Allenamento – La modulazione delle sedute: Orlando […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Dimagrire in base alla propria costituzione

23 Giugno, 2020

Un nuovo viaggio a puntate nel mondo dell’alimentazione, dove si tiene conto della personalizzazione degli interventi in base alle caratteristiche fisiche e alle esigenze dei singoli. Ecco come il possibile dimagrimento, prodotto dalla combinazione di corsa e buona nutrizione, possa essere inibito da un eccesso di cortisolo, tipico delle persone sotto stress.  Dieta ed esercizio […]

Preparare i trail più lunghi

20 Giugno, 2020

Ecco le linee guida e il programma di allenamento per le manifestazioni che si identificano nelle sigle “M” e “L”, con chilometraggi compresi tra i 75 e i 114 km e tra i 115 e i 154 km. Dopo aver analizzato le caratteristiche della programmazione del cosiddetto “format S” (gare di trail running che in […]

Running economy: recuperare il controllo posturale

14 Giugno, 2020

Con l’ausilio delle powerstone, ecco una serie di esercizi per aumentare questa capacità spesso trascurata dai runner. “Allenare il controllo posturale è fondamentale per ogni trailer e runner su strada”. Questo è il messaggio lanciato da Pietro Trabucchi (con la collaborazione di Aldo Savoldelli) su Correre di giugno. Il noto psicologo dello sport, profondo conoscitore […]

Correre al femminile: competitive per natura

09 Giugno, 2020

“Competizione” è la parola che in questo numero fa da filo conduttore alle consuete sei pagine di “Verbatim”, la rubrica dedicata alle donne che corrono. Nel ruolo di “musa ispiratrice” è stata intervistata la runner Laura Duchi, dal 2015 al timone della Roma-Ostia Dopo mesi di lockdown, e in un momento in cui non si […]

Pizzolato: la modulazione delle sedute

04 Giugno, 2020

Come ottenere il massimo dei benefici dalle nostre sedute di allenamento, organizzandone la sequenza e la distribuzione del carico di lavoro e imparando a correre a recupero incompleto.  “La maggioranza dei podisti si allena in media 4-5 volte la settimana, quasi sempre il martedì, il giovedì, il sabato e la domenica (oppure il lunedì, il […]

A tutta corsa dentro un’estate sospesa

03 Giugno, 2020

Dopo il numero di maggio dedicato a riprendere confidenza con gli allenamenti, questo Correre di giugno pigia sull’acceleratore della qualità delle sedute, con una sottolineatura importantissima: qualità non è sinonimo solo di intensità.  Abbiamo ancora tempo, una ricchezza che di solito ci manca. Tempo prima della ripresa delle gare, che ci auguriamo di cuore di […]