fbpx

Dimagrire mangiando molto? Con la corsa e una corretta alimentazione, si può! 

31 Marzo, 2018
foto: 123rf

Mangiare di più per dimagrire in modo stabile? Sembra incredibile, ma è così. I “perché” li troviamo nell’intervento di Lyda Bottino su Correre di aprile, accompagnati subito dalla precisazione su come sia “fondamentale, però, nutrirsi nel modo corretto, nel rispetto della funzionalità dell’ipotalamo

L’energia che attiva l’ipotalamo

Il paradigma della medicina di segnale si basa sulla regolazione ipotalamica dei principali assi ormonali, tra cui (di vitale importanza per gli atleti) quelli osteo-muscolare e surrenale. Il primo e più importante segnale che attiva l’ipotalamo è un adeguato apporto energetico. Se c’è benzina il metabolismo lavora, se manca tutto si ferma e in quel caso la prima caloria che arriva viene accumulata in forma di grasso. Per dimagrire in modo stabile (perdendo solo massa grassa) occorre dunque mangiare di più? A sorpresa, un buon numero di lavori sulla leptina lo conferma.

Cibi veri, no “junk food”

Nel “cibo in abbondanza”, però, gli alimenti dovranno essere di qualità, cioè simili ai cibi naturali di cui l’uomo si è nutrito negli ultimi 200.000 anni: molta frutta e verdura, proteine animali e vegetali (carne, pesce, uova, semi oleosi) e un contorno di cereali integrali, legumi, castagne e altri semi frutto di raccolta. L’alimentazione umana non può prevedere zucchero, farine raffinate, grassi fritti o idrogenati, dolcificanti, conservanti e deve moderare l’oggi esagerato consumo di latticini e di cereali, soprattutto se raffinati (privati della fibra e del germe) e “mono-specie” (frumento).

Movimento come cura e prevenzione

L’errore più comune è pensare che fare sport significhi solo consumare calorie. Vuol dire invece far sapere al proprio organismo che si sta bene, che si è in grado “di andare a caccia” e ci si procurerà del cibo. E l’ipotalamo farà seguire a questi stimoli una serie di risposte attivanti a livello di massa muscolare (che crescerà in quantità e nella sua capacità di consumo), surrenale (umore alto, risposta allo stress, steroidi anabolizzanti e sessuali) e a livello ovarico-testicolare (estrogeni e testosterone) con un forte stimolo di attivazione metabolica, di dimagrimento e di salute nel senso più ampio del termine, così come definito dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Abbondanza e movimento”, di Lyda Bottino, pubblicato su Correre n. 402, aprile 2018 (in edicola da mercoledì 4 aprile), alle pagine 80-81.

Correre Aprile 2018

I principali contenuti del numero di aprile: Storie – Nel quarantennale della vicenda Moro, vi riproponiamo un nostro articolo pubblicato su Correre di aprile del 2006: la storia di Mario Sossi, primo rapimento illustre degli Anni di piombo, un magistrato che scoprì la corsa dopo essere stato liberato e che nel mondo della corsa incontrò […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Forze in gioco contro la noia

01 Aprile, 2018

Il bisogno di stimoli sta alla base del benessere e del buon funzionamento della mente umana. Ma se l’indolenza non è lo stato naturale dell’uomo, perché facciamo così fatica a partire e a tenere fede a un programma di attività fisica? Meno spinte, più stress C’è uno schema mentale molto diffuso nella cultura attuale: è […]

Maratoneti in affanno

31 Marzo, 2018

Se analizziamo le graduatorie dei maratoneti italiani del 1987 preparate da Franco Civai e i dati del 2017, scopriamo analogie insospettate e preoccupanti, a fronte di un enorme progresso che nel frattempo si è verificato a livello mondiale maschile e femminile. Progresso mondiale  Nel 1987 il record mondiale femminile della maratona era di 2:21’06” della […]

Tra appoggio e drop

31 Marzo, 2018

Troppo spesso si classificano le tipologie di appoggio senza considerare la variabile della velocità. Correre a 20 km orari è profondamente diverso che correre a 10 km orari: sono gesti tecnici differenti, anche per il medesimo atleta. Tendenzialmente il tempo di appoggio cresce al diminuire della velocità e tale aumento può esaltare i potenziali difetti […]

Nella corsa è sempre primavera 

31 Marzo, 2018

Quest’anno, con l’arrivo della primavera, non accadrà più che i parchi delle nostre città “torneranno a riempirsi di gente che corre”. … perché quei parchi non si sono più svuotati, mesi fa, con l’arrivo dell’inverno. Fatta salva la parentesi “Burian”, più allarme meteo che freddo vero, chi correva ha continuato a farlo. E chi voleva […]