fbpx
Giancarlo Colombo

Zona mista – Un mare di auguri

Che il 2015 porti tanta felicità a tutti. Quante volte avrete letto e sentito questa frase? Si è perso il conto. Allora gli auguri attraverso questa rubrica devono essere ben indirizzati. D’accordo? Allora si cominci. Via con le danze.

Il primo augurio va al presidente della Fidal, che gestisce una delle federazioni più importanti d’Italia. Ad Alfio Giomi Zona Mista augura il raddoppio delle medaglie conquistate a Zurigo (Europei), anche se quest’anno sarà assai più difficile poiché a Pechino si allestiranno i Mondiali.
Il nostro presidente è un vincente, un hombre vertical, che conosce, come nessuno mai, la nostra disciplina. Perché non crederci? I miracoli avverranno proprio nel mese di agosto in Cina.
Appuntatevi la data, l’ultima settimana del mese più festivo dell’anno.

Gli auguri vanno estesi a Daniele Meucci, campione europeo di maratona nel 2014. Un monito: Daniele si ricordi anche di noi comuni mortali. Palesati qualche volta sui nostri campi, piste o strada che sia. D’accordo, adesso ci allieterai della tua presenza il 31 dicembre a Bolzano, e il 6 gennaio al Campaccio. Siamo felici, ma nel corso dell’anno prossimo ricordati degli organizzatori italiani, faresti contenti anche quella miriade di appassionati che fanno della corsa la loro religione di vita, che non hanno la possibilità di vederti.
Non me ne volere, ma Baldini e Bordin grazie alle loro vittorie (europee, poi olimpiche) erano sulla bocca di tutti, erano presenti, vicino al nostro mondo. Potresti ricalcare le loro orme, non scordare i tifosi attivi che corrono e che vogliono parlarti.

Auguri a Libania Grenot, la pasionaria italo/cubana che ha incendiato per una sera il Leitzigrund in Svizzera. Libania, se ti capitasse di passare in Italia, visto che vivi stabilmente in Florida, perché non ci degni di un giro di pista, anzi un doppio giro, visto che siamo nella stagione indoor. Non si sa mai, anche per te, splendida donna che turbi il sonno di parecchi aficionados, vale il discorso di Daniele Meucci: mostrarsi. Sei una guerriera, sfodera la tua spada e il tuo sorriso.

Auguri all’altra medaglia azzurra di Zurigo, quella Valeria Straneo che in maratona ci dà delle belle soddisfazioni. Valeria, non cambiare resta quella che sei! Solare, semplice, senza presunzioni, con quella bella voglia di correre che ti contraddistingue.
Donna e mamma vera senza fronzoli, sicura e determinata e amica di quei tanti che alla fine della giornata di lavoro vanno a correre sognando la maratona che non correranno mai.

Insomma auguri a tutti, ma accidenti presidente Giomi lei sempre presente in ogni gara, ha però bucato l’ultima, il 14 dicembre quando un gruppetto di azzurrini ha vinto in Bulgaria a squadre il titolo europeo di corsa campestre, specialità da dove nasce tutta l’atletica e singolarmente l’oro con Yemaneberhane Crippa. E perché mai questa volta Alfio Giomi non c’era? Non fa nulla. Buon Natale e Buon anno anche lui e a tutti gli appassionati di atletica, quelli che la praticano in maniera particolare.
Ci si vede per il Campaccio.

Articoli Correlati

Shura Kitata sulle orme di Gebrselassie, Kipchoge e Bekele
Firenze marathon
Firenze marathon: domenica 29 novembre si correrà la Conad Green Half Marathon
Shura Kitata
Kitata e Kosgei vincono la maratona di Londra, Kipchoge solo ottavo
London marathon – Sfida stellare anche tra le donne: Brigid Kosgei contro Ruth Chepngetich
Eliud Kipchoge
Sfide stellari con Kipchoge, Bekele, Kosgei, Chepngetich e Cheruiyot alla Maratona di Londra
Maratona, nuova sfida per Kilian Jornet