fbpx

Zona mista – la prima di Federica Dal Ri

18 Aprile, 2016

A scanso equivoci Federica Dal Ri (senza accento sulla i) non ha alcuna intenzione di mettere in difficoltà il DTO Massimo Magnani, già alle prese con lo spinoso caso (si fa per dire) di Catherine Bertone. Federica, infatti, alla sua prima apparizione sulla fatidica distanza dei km 42,195 (sarà bene scriverlo per esteso, se no, sai gli strali che arrivano dalle migliaia di maratoneti in circolazione…), ha fatto centro. E’ andata a vincere nella Maratona del Santo, in Prato della Valle davanti a un grande pubblico che già si era estasiato per il successo del figliol prodigo Ruggero “Rero” Pertile.

Federica ha vinto fermando i cronometri dopo 2:37’05” pertanto non un“crono” da maglia azzurra per le Olimpiadi di Rio. Così, mettiamo subito le cose a posto. E questo l’ha ammesso pure la mamma di Chiara, che già nella mattina di lunedì, come tutte le mamme, stava accompagnandola all’asilo. La decisione per la moglie di Gabriele De Nard, l’ultimo dei mohicani della corsa campestre, è maturata dopo la delusione patita negli ultimi Europei di Hyères in Francia alla fine del 2015. “Forse avrò sbagliato qualcosa – dice Federica -, così ho cercato di dare una sorta di sferzata alla mia vita agonistica, alla soglia dei trentacinque anni si deve pur trovare qualche cosa per rivitalizzarsi. Dopo qualche mezza maratona, ho deciso il gran salto”. Lo dice al telefono con una voce squillante, sicura, come lo è sempre stata.

La trentina che ora vive a Sedico (BL) ha vestito più volte la maglia azzurra spaziando dai 1500 ai 10.000 fino ai cross, la maratona era l’approdo naturale per un’atleta che ama correre a lungo. Tutto qui. Niente di segreto, solo cercare nuove motivazioni. La Maratona di Padova, potrebbe essere per Federica l’inizio di qualcosa d’interessante. Lei di certo è ben consapevole di non poter valere tempi di 2:25, intanto come si suol dire, fatta la prima, non è detto che in autunno non si provi un’altra volta.

La maratona non è stata preparata alla perfezione, sino a metà febbraio ha dovuto rispondere presente al suo sodalizio (Esercito) per i societari di cross a Gubbio. L’impegno da digerire non è stato facile. Specie dal 31ª al 36ª chilometro, dove non c’era molta gente sul tracciato per incitarla, per lunghissimi tratti nel finale ha corso in perfetta solitudine: nessuno davanti da raggiungere, nessuno dietro dal quale guardarsi. Solo “Gabri” in bicicletta a darle qualche consiglio.

Lunedì soffriva di male alle gambe? No, solo qualche fastidio ai polpacci. Niente di più. Aveva da accudire quel diavoletto di Chiara. A Padova nel 2007 aveva corso per la prima volta i 1500, a Padova per la prima volta ha corso una maratona.

Articoli correlati

Ecco il cast della Firenze Marathon

26 Novembre, 2021

E’ stato presentato il cast dei campioni internazionali che daranno vita all’edizione numero 37 dell’Asics Firenze Marathon, in programma domenica 28 novembre con partenza e arrivo in Piazza del Duomo. Il percorso prevede i passaggi in Piazza Pitti, del Parco delle Cascine (polmone verde di Firenze), sul Lungarno e toccherà tutti i luoghi più suggestivi […]

Ekiru sfida Kipyego alla Maratona di Abu Dhabi

24 Novembre, 2021

Titus Ekiru e Reuben Kiprop Kipyego si sfideranno venerdì 26 novembre alla Maratona di Abu Dhabi, che si preannuncia come una rivincita dell’ultima edizione della Maratona di Milano dello scorso 16 maggio. Ekiru ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno e il quinto tempo più veloce di sempre con un eccellente 2h02’57” in occasione della […]

Verona riabbraccia la sua maratona

21 Novembre, 2021

Dopo due anni si è svolta al cospetto dell’Arena in piazza Bra la 20^ edizione della Hoka Verona Marathon con 5000 partecipanti Sulle strade scaligere si è festeggiato il ritorno della distanza regina grazie alla 20^ Hoka Verona Marathon. Non si correva la maratona nel centro cittadino dal novembre 2019 e la voglia di ritrovarsi in […]

Maratona di Ravenna, la carica dei 10mila

14 Novembre, 2021

Una bella giornata di sport e divertimento ha abbracciato Ravenna e la sua maratona L’edizione 2019, pre pandemia, era stata quella dei record. L’edizione 2021 sarà ricordata come una nuova edizione da record. Fedele alla sua recente storia, la Hoka Maratona di Ravenna Città d’Arte ha saputo rianimare la città e il territorio con un […]