Tortu terzo al meeting di Berlino con 6”59

Tortu terzo al meeting di Berlino con 6”59

04 Febbraio, 2019
Filippo Tortu (Foto: Giancarlo Colombo)

Eccellente terzo posto di Filippo Tortu nella finale dei 60 metri del meeting ISTAF Indoor di Berlino in 6”59. Il primatista italiano dei 100 metri ha realizzato il secondo miglior tempo della sua carriera ad un solo centesimo di secondo dal suo recente record italiano under 23 di 6”58 stabilito il 20 Gennaio scorso ad Ancona. Il vice campione europeo dei 100 metri Reece Prescod ha vinto la finale stabilendo il miglior tempo europeo e il secondo crono mondiale dell’anno con 6”53 precedendo con lo stesso tempo il giovane ivoriano Arthur Cissé. 

Filippo Tortu: 

“Sono molto soddisfatto. Penso che questa sia una delle mie migliori uscite della mia carriera. Era un confronto importante con atleti di livello mondiale, e sono arrivato abbastanza vicino. Ho ancora tanto da migliorare, ma credo sia giusto finire qui la stagione indoor. Torno a casa davvero contento, anche perché qui in questo meeting di Berlino c’è un’atmosfera e un pubblico entusiasmante”. 

Il meeting di Berlino è stato illuminato dalle tre migliori prestazioni mondiali dell’anno di Malaika Mihambo nel salto in lungo con 6.99m, di Pamela Duktiewicz nei 60 ostacoli femminili con 7”89 e di Sam Kendricks nel salto con l’asta con 5.86m. 

Gianmarco Tamberi ha debuttato nella stagione indoor al meeting IAAF World Indoor Tour di Karlsruhe con un buon quarto posto nel salto in alto con la misura di 2.26m. Il giapponese Naoto Tobe ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno e il record personale con 2.35m. 

Il mezzofondo di Karlsruhe ha fatto registrare la vittoria della britannica Melissa Courtney sui 3000 metri femminili in 8’43”36” e i successi di Vincent Kibet sui 1500 metri su Bethwell Birgen in 3’38”23 e dello svedese Andreas Kramer sugli 800 metri in 1’46”52 sullo statunitense Erik Sowinski (1’46”69). Migliore prestazione mondiale dell’anno sui 60 metri femminili della polacca Ewa Swoboda con 7”08 in batteria e 7”10 in finale. 

Mezzofondo in primo piano nel New Balance Indoor di Boston con le ottime prestazioni di Yomif Kejelcha nel miglio (3’51”70, record etiope e dodicesima migliore prestazione all-time), di Hagos Gebriwhet nei 3000 metri (7’37”41), di Konstanze Klosterhalfen sui 5000 metri (15’50”80) e della canadese Gabriela Stafford nel miglio femminile (4’24”80). 

Articoli correlati

Super Tecuceanu avvicina Fiasconaro

24 Maggio, 2024

Al Grifone meeting di Asti Catalin Tecuceanu porta il primato personale a tre decimi dal record italiano di Marcello Fiasconaro (1’43”7). Con 15’00”90 Federica Del Buono diventa la quarta italiana di sempre. 22,91 m di Leo Fabbri nel peso. Prosegue il magico momento di Catalin Tecuceanu che nel corso del Grifone meeting di Asti ha […]

Tricolori 10.000 metri: vincono Anna Arnaudo e Pietro Riva

13 Maggio, 2024

A Potenza, sulla pista intitolata a Donato Sabia, terzo titolo consecutivo per Pietro Riva e secondo per Anna Arnaudo, dopo quello conquistato nel 2022. Tra gli Under 23 prevalgono Greta Settino e Nicolò Bedini. I campioni italiani Juniores sono Laura Ribigini e Leonardo Mazzoni. Pietro Riva per il terzo anno consecutivo e Anna Arnaudo per […]

Boston Marathon: Trionfo di Obiri e Lemma

16 Aprile, 2024

Hellen Hobiri in 2:22’37” e Sisay Lemma in 2:06’17” hanno vinto la 128ª BAA Boston Marathon, candidandosi per un posto in squadra ai Giochi olimpici. I più veloci dei circa 300 italiani sono stati Giovanni Grano (2:19’56”) e Chiara Bondi (3:15’51”). La centovettottesima edizione della Maratona di Boston, la più antica maratona del mondo, ha […]

Mondiali indoor: Tecuceanu quarto, Iapichino settima

04 Marzo, 2024

Larissa Iapichino finisce settima a nove centimetri dal podio (6,69 m al quinto salto) al termine di una gara condizionata dai crampi. Catalin Tecuceanu chiude la finale degli 800 metri al quarto posto in 1’46”39. Semifinale da dimenticare per Giada Carmassi, che in batteria aveva ottenuto il primato personale con 8”03. Bilancio: l’Italia è sedicesima […]