fbpx

Tapis roulant, compagno di allenamento

04 Novembre, 2015

Lo abbiamo “sdoganato” da tempo e anche il podista di vecchio stampo non lo giudica più con diffidenza. Parliamo del tapis roulant, o treadmill, che risulta particolarmente utile:

  • a tutti, indistintamente, in condizioni climatiche avverse, come freddo pungente, pioggia, neve o ghiaccio,
  • alle persone che vivono in zone centrali delle grandi città per evitare il traffico cittadino;
  • ai neofiti, consentendo un controllo puntuale dei parametri di velocità e pendenza che rende più semplice gestire l’intensità degli allenamenti in funzione delle proprie capacità e obiettivi.

L’utilizzo di questo ergometro a motore si rivela poi particolarmente indicato in assenza di percorsi collinari o salite, dal momento che permette simulazioni sensibili di differenti pendenze, soprattutto positive ma in qualche modello anche negative.

Su Correre di novembre è il Dott. Huber Rossi a spiegarci in modo dettagliato le varie utilità di questo strumento, come misurare la propria condizione, tecnica e tecnicismi.

 

Posizionandosi davanti a uno specchio è ad esempio possibile controllare lo stile di corsa e correggere eventuali difetti di appoggio del piede o di altri atteggiamenti del corpo. Con l’assistenza di tecnici qualificati si può inoltre valutare la tipologia di appoggio del piede e scegliere la scarpa più adatta, oltre a svolgere test di valutazione funzionale per determinare i ritmi di allenamento e valutare l’andamento della condizione fisica durante la stagione.

Infine bisogna prendersi un periodo di prova per imparare a utilizzare il tapis roulant: i punti di riferimento visivi sono differenti rispetto all’esterno e i nostri organi dell’equilibrio, soprattutto la vista, ricevono informazioni fuorvianti rispetto alla corsa all’aperto. In genere quasi tutti i runner in 3/5 sedute riescono ad adeguarsi bene e solo in una ristretta percentuale di persone rimangono delle difficoltà tecniche che influenzano la spesa energetica della corsa.

In conclusione potete utilizzare il tapis roulant per differenti tipologie di allenamento o valutazione fisica, se però volete simulare nel modo più corretto possibile la corsa esterna assicuratevi di utilizzare uno strumento idoneo per quanto riguarda motore, stabilità e superficie con la giusta rigidità.

Suggerimento: Tarate la pendenza all’1%, così da simulare in modo corretto la resistenza dell’aria che incontrate quando correte all’aperto.

Su Correre di novembre l’articolo di approfondimento completo.

Articoli correlati

TecnoBody presenta SpeedUp Limitless

30 Giugno, 2021

Nasce SpeedUp SCX Limitless, il rivoluzionario tapis roulant professionale di TecnoBody con velocità adattiva, a servizio di analisi della corsa e allenamento di endurance Si chiama SpeedUp SCX Limitless ed è il primo tapis roulant professionale di TecnoBody sviluppato esclusivamente per il settore della performance sportiva di endurance. Il sistema è un vero e proprio […]