fbpx
Valeria Straneo

Straneo e Zoghlami campioni italiani dei 10000 metri

Valeria Straneo (Foto: Giancarlo Colombo)
Di: Diego Sampaolo
Ai Campionati Italiani 2020 dei 10.000 metri vittoria di Valeria Straneo e Osama Zoghlami, al debutto sulla distanza. Per l’alessandrina si tratta del secondo titolo stagionale dopo il successo ai Campionati Italiani di mezza maratona di Verona.

Valeria Straneo e Osama Zoghlami hanno vinto il titolo italiano dei 10000 metri sulla pista di Vittorio Veneto nella rassegna tricolore inserita quest’anno nell’ambito della ventinovesima edizione del meeting di Conegliano. 

Straneo ha tagliato il traguardo in 32’55”25 aggiudicandosi il secondo titolo nazionale sulla distanza della sua carriera dopo l’affermazione del 2013, anno in cui vinse la medaglia d’argento ai Mondiali di Mosca nella maratona. Per la top runner alessandrina tesserata per Laguna Running è la seconda vittoria in una rassegna tricolore nel 2020 dopo il successo ai Campionati Italiani di mezza maratona di Verona. L’atleta allenata da Stefano Baldini ha preso il largo al settimo chilometro. 

La campionessa uscente Isabel Mattuzzi si è classificata al secondo posto in 33’04”22 precedendo la maratoneta Giovanna Epis (33’16”47) e Maria Chiara Cascavilla (34’16”64). Il titolo italiano promesse è andato all’azzurra della corsa in montagna Gaia Colli in 35’06”87 davanti a Ilaria Fantinel (35’22”43). 

Nella gara maschile lo specialista dei 3000 siepi Osama Zoghlami, al debutto sulla distanza, ha vinto in 29’07”27 battendo in volata il ventiduenne bergamasco Simone Parolini, che si è aggiudicato il titolo italiano under 23 in 29’07”08 davanti a Pasquale Selvarolo (29’24”74).

Il maratoneta Stefano La Rosa ha completato il podio classificandosi al terzo posto in 29’08”69 precedendo Pietro Riva (29’12”45). Riva ha preso un vantaggio consistente al sesto chilometro ma nell’ultima parte della gara ha rallentato l’andatura. I tre inseguitori Zoghlami, Parolini e La Rosa hanno recuperato terreno nel finale. Zoghlami ha sferrato l’attacco decisivo all’inizio della curva conclusiva. Zoghlami ha conquistato il secondo titolo nazionale della sua carriera dopo quello vinto nel cross corto ai Campionati italiani di corsa campestre dell’anno scorso. 

Nelle altre gare inserite nel programma del meeting veneto spicca il successo di Leonardo Feletto sui 3000 siepi in 8’32”52. Per il siepista dell’Atletica Mogliano è la seconda migliore prestazione in carriera, a quattro secondi dal recente record personale di 8’28”33 realizzato a San Biagio di Callalta. L’atleta trevigiano ha battuto il britannico Mark Pearce (8’34”38) con un allungo a 200 metri dalla fine. 

Il vice campione del mondo degli 800 metri Amel Tuka ha vinto sul doppio giro di pista con una gara di testa in 1’46”98 precedendo l’italo-romeno Catalin Tecuceanu (1’47”91). La figlia d’arte pesarese Eleonora Vandi si è imposta sugli 800 metri femminili in 2’06”11 davanti a Irene Vian (2’06”84). 

Articoli Correlati

Rosemary Wanjiru
Wanjiru e Muneria vincono i Campionati keniani delle guardie carcerarie di corsa campestre
Stewart McSweyn
McSweyn realizza la migliore prestazione mondiale dell’anno sul miglio in Australia
Giovanna Epis e Giovanni Grano
Maratona, titoli italiani a Epis e Grano
Galen Rupp
Rupp vince la mezza maratona dell’Oregon in 1h00’23”
Sifan Hassan cancella il primato europeo dei 10.000 metri di Paula Radcliffe
Primati del mondo di Cheptegei e Gidey nella notte dei record di Valencia