fbpx

Olimpiadi: niente spettatori stranieri

21 Marzo, 2021
LOC Tokyo 2020

Solo i residenti in Giappone potranno assistere dal vivo alle gare. Gli atleti e gli altri addetti ai lavori non potranno mischiarsi al pubblico sugli spalti né prendere i mezzi pubblici.

Niente spettatori stranieri ai Giochi Olimpici di Tokyo a causa della pandemia. “I titolari di biglietti che vivono all’estero non potranno entrare in Giappone al momento del Giochi Olimpici e Paralimpici. Questa conclusione contribuirà ulteriormente a garantire giochi sicuri e protetti per tutti i partecipanti e per il pubblico giapponese”.

La decisione era nell’aria da tempo ed è stata resa pubblica sabato 20 marzo dopo una teleconferenza con le cosiddette “Cinque parti”: il Comitato olimpico internazionale (CIO), il Comitato paralimpico internazionale (IPC), il Governo metropolitano di Tokyo (TMG), il Comitato organizzatore Tokyo 2020 e il governo del Giappone.

Incognita rimborsi

I titolari di biglietti residenti al di fuori del Giappone riceveranno rimborsi, ma le modalità di risarcimento non sono state ancora annunciate e si stima che le operazioni di restituzione delle quote richiederanno diversi mesi.

«Condividiamo la delusione degli appassionati di tutto il mondo e quella delle famiglie e degli amici degli atleti, che stavano progettando di venire ai Giochi” – ha dichiarato il presidente del CIO Thomas Bach -. Per questo mi dispiace davvero. Sappiamo che questo è un grande sacrificio per tutti. Abbiamo detto fin dall’inizio di questa pandemia che sarebbero stati necessari dei sacrifici”.

Vietati i mezzi pubblici agli addetti ai lavori

Le persone accreditate dall’estero come “addetti ai lavori” (atleti, funzionari, giornalisti, delegazioni di squadre, etc.) potranno comunque entrare nel Paese, ma dovranno seguire le disposizioni già pubblicate per le diverse categorie professionali, come, ad esempio il divieto di mescolarsi con il pubblico giapponese e quello di utilizzare i mezzi pubblici. Al momento non sono previste eccezioni per le persone vaccinate, anche se risulta che le disposizioni verranno aggiornate nel ​mese di maggio.

Pubblico locale contingentato

È probabile che anche il pubblico locale possa subire restrizioni. Il numero totale degli spettatori giapponesi che potranno assistere a ogni evento deve essere ancora determinato.

Articoli correlati

Le medaglie olimpiche dei master

09 Agosto, 2021

Nonostante i Giochi olimpici siano, di natura, un “inno alla gioventù”, non sono mancate vittorie e piazzamenti sul podio di atleti “over 35”. Vediamoli nel dettaglio La longevità degli atleti non è più una novità, da quando l’inglese Linford Christie a 32 anni vinse i 100 m piani ai Giochi di Barcellona 1992 e venne […]

Kipchoge nella leggenda

08 Agosto, 2021

Nella storia dei Giochi olimpici solo altri due atleti sono riusciti a “doppiare” il successo in maratona: Waldemar Cierpinski (1976 e 1980) e prima ancora il leggendario Abebe Bikila (1960 e 1964). Gli azzurri: Eyob Faniel è 20° in 2:15’11”, Yassine El Fatahoui 47º in 2:19’44”. Rachick si è ritirato. Si chiude così, con un […]

4×400 settima con record

07 Agosto, 2021

Non sempre i miracoli riescono. Non fa nulla. Il quartetto della 4×400 italiano stampa ancora il primato italiano, ma non l’agognata medaglia (così aveva ammesso ai microfoni Rai Vladimir Aceti) ieri. Non muta nella composizione il quartetto azzurro, cambia posizione Davide Re, scala dall’ultima alla prima frazione al suo posto Alessandro Sibilio che in semifinale […]

El Fathaoui: un operaio alla maratona olimpica

07 Agosto, 2021

Domenica mattina, a Sapporo, la maratona maschile conclude i Giochi olimpici di Tokyo 2020. Al via anche i tre azzurri: Eyob Faniel Ghebrehiwet, Yassine Rachik e Yassine El Fathaoui, di professione operaio metalmeccanico, e di cui qui vi riproponiamo la storia, da lui stesso raccontata su Correre di aprile. Ancora un’ultima mezzanotte davanti alla TV […]