Media Blenio: Kangogo vince la classica di Pasquetta

Di: Diego Sampaolo

Cornelius Kangogo ha iscritto il proprio nome per la seconda volta in carriera nel prestigioso albo d’oro del Grand Prix Media Blenio, gara su strada di 10 km tradizionale del giorno di Pasquetta nel villaggio di Dongio nella Valle di Blenio nel Canton Ticino.

Kangogo ha avuto la meglio sul più quotato Jairus Birech, due volte vincitore della Diamond League nel 2014 e 2015 e quarto ai Mondiali di Pechino 2015 sui 3000 siepi, al termine di un emozionante testa a testa conclusosi con una volata mozzafiato. Kangogo ha preceduto Birech in 28’13” (terzo miglior tempo nella storia della manifestazione) con un distacco di appena due decimi. Meglio di Kangogo solo Paul Kosgei nel 2001 e Muktar Edris nel 2013 hanno corso più velocemente di Kangogo su questo percorso.

Un gruppo di quattro atleti formato da Kangogo, Birech, Ismail Juma della Tanzania e Dickson Nyakundi ha preso la testa nel corso del primo giro più lungo. Già durante il secondo degli otto giri sono rimasti solo in tre Birech, Kangogo e Juma che hanno imposto il ritmo con un parziale di 3’24” staccando di sette secondi Nyakundi.

Nel terzo giro è iniziato il lungo e emozionante duello tra Birech e Kangogo che ha visto i due keniani alternarsi in testa fino alla campana dell’ultimo giro quando si è scatenata la lunga volata finale. A spuntarla è stato Kangogo, che ha bissato il successo del 2014 quando fermò il cronometro in 28’14”. Ismail Juma ha completato il podio tutto africano classificandosi terzo in 28’58”.

Kangogo è un atleta versatile in grado di correre i 3000 metri in 7’39”73 a Ostrava, i 5000 metri in 13’10”80 in pista a Huelva e la mezza maratona in 1h01’05”. Si è imposto per tre volte nella prestigiosa Corrida di Houilles in Francia.

“Mi sono preparato bene per questa gara. Ci tenevo a vincere dopo il successo del 2014. E’ una manifestazione molto ben organizzata. Ci sono tifosi molto appassionati. Il pubblico mi ha sostenuto calorosamente lungo il percorso. Ora punterò a correre i 5000 metri in pista. Prima disputerò una 10 km su strada in Francia”, ha dichiarato Cornelius Kangogo.

Ottima prova del mantovano Marco Salami, che al termine di una gara in rimonta ha concluso al quarto posto in 29’25”. Yassine Rachik si è classificato settimo in 29’50” due sole settimane dopo la prima maratona della carriera corsa a Milano, dove ha concluso sesto.

“Sono molto soddisfatto. Sapevo di dover correre nelle retrovie nelle fasi iniziali della gara perché gli africani correvano ad un’andatura davvero molto forte. Ho corso con giudizio e sono riuscito a recuperare sugli atleti che avevano osato troppo nelle fasi iniziali”, ha detto Marco Salami.

La Media Blenio è nata nel 1985 per celebrare la medaglia d’argento del mezzofondista elvetico Markus Ryffel sui 5000 metri a Los Angeles 1984 alle spalle di Said Aouita. Ryffel prese parte alla Media Blenio vincendo l’edizione del 2016. La gara di Dongio è stata illuminata nel corso della sua storia dai prestigiosi successi di William Sigei nel 1994, di Haile Gebrselassie nel 1995, di Paul Tergat nel 1996 e nel 1997, di Paul Koech nel 1998, di Paul Koech nel 2001, di Richard Limo nel 2004, di Edwin Soi (quattro volte nel 2006, 2007, 2008 e 2012), di Moses Mosop (2009), di Imane Merga (due volte nel 2010 e nel 2011) e da Muktar Edris (due volte nel 2013 e 2016).

Nella 10km da segnalare il successo dello specialista di corsa in montagna Francesco Puppi. La popolare corsa ticinese ha richiamato un totale di 1706 appassionati che hanno preso parte alle gare popolari del giro a livello amatoriale e del minigiro riservato ai bambini e la camminata riservata agli amanti del walking. Un dato che conferma la Media Blenio come uno degli eventi più amati del Canton Ticino.

Articoli Correlati

Cadetti: ai Campionati Italiani di Cles quattro prestazioni da incorniciare
Tris di Muktar Edris al Giro al Sas di Trento
Santiusti corre in 2’00”17 a Bellinzona