fbpx

Lotta al doping – Purosangue cerca testimonial

Torniamo a parlare di una delle iniziative che a noi di Correre ha dato più soddisfazione: essere media partner del progetto di Massimiliano Monteforte denominato Purosangue, sviluppato dapprima con un cortometraggio pluripremiato e poi con un training camp a Montepulciano (SI). Ora si punta dritto verso il terzo e più difficile livello del sogno, quello di realizzare in Kenya un training camp ecosostenibile e dotato di scuola, improntato ai principi dello sport sano.

Per fare tutto questo, Purosangue ha bisogno di testimonial che diffondano i valori del progetto. Quei testimonial possiamo essere tutti noi, correndo con la maglia dell’iniziativa (nell’immagine).

Di seguito ospitiamo  il comunicato dell’operazione Corri con Purosangue.

Purosangue Athletics Club nasce con l’obiettivo di offrire a dei giovani atleti una vera e propria scuola di vita basata sui valori sani dello sport pulito. Una squadra di campioni dove la vittoria è intesa come traguardo da raggiungere nello sport così come nella vita.

Vogliamo dare ai nostri atleti la possibilità concreta di vincere le più importanti competizioni internazionali  nel rispetto di se stessi e del proprio avversario, senza inseguire facili scorciatoie, così da essere motivo di ispirazione per altri giovani ragazzi. 

Dietro a questi ideali c’è un progetto concreto più ampio, che nasce dall’incontro tra Massimiliano Monteforte (runner che a oggi ha già percorso più di 90.000 km e che da vero talent scout porta ormai da oltre 10 anni i migliori atleti del mondo a correre la Maratona di Roma) e Nico Pannevis (nato e cresciuto in Kenya, che oggi si dedica alla sua bellissima County House “Sant’Antonio” a Montepulciano). Ed è proprio in questi 80 ettari immersi nella natura che sta nascendo il Training Camp Purosangue.

Solo l’inizio di un progetto, partito con la realizzazione di un cortometraggio e volto alla realizzazione di un Training Camp in Kenya totalmente ecosostenibile dove formare i ragazzi come sportivi e come uomini diffondendo la cultura dello sport sano. La strada sarà lunga ma l’importante è essere partiti con il piede giusto.

Purosangue Athletics Club è una promessa che ha trovato già il consenso di numerosi  professionisti del mondo dello sport. Per essere mantenuta ha bisogno però di un numero sempre maggiore di sostenitori che  diffondano i valori del progetto. Per questo  sarebbe per noi un grande onore che atleti di altre squadre diventino dei testimonial del progetto, indossando la maglia rossa di Purosangue in occasione di una delle tante gare che ogni domenica si organizzano in Italia proprio per dire tutti insieme un no forte al doping. Per questo particolare evento la maglia sarà di volta in volta personalizzata con il nome dell’atleta e della sua squadra.

Per maggiori info scrivere a news@purosangue.eu.

Tutto questo diventerà un racconto virtuale da inserire sul nostro sito www.purosangue.eu, con una pagina dedicata a ogni atleta dove saranno presenti il logo dell’Associazione Sportiva di cui fanno parte e un breve testo dove potranno spiegare la ragione per la quale hanno scelto di condividere questo messaggio e diventare così loro stessi in prima persona dei testimonial della lotta al doping.

Articoli Correlati

Sarah Giomi antidoping
Antidoping: nota di biasimo per Sarah Giomi, Martina Facciani campionessa italiana di maratona
caso Schwazer: assolti Fischetto, Fiorella e Bottiglieri (Doping)
Doping, caso Schwazer: assolti Fischetto, Fiorella e Bottiglieri
Alberto Salazar squalificato quattro anni per doping
Caso Schwazer: due anni a Fiorella e Fischetto, medici Fidal
Maratona e doping: Jemima Sumgong, campionessa olimpica, positiva all’Epo (analisi del campione A)
Fitbit e Purosangue celebrano l’amore con un flash mob a Roma