Losanna – Un altro trionfo di Ingebrigtsen

Losanna – Un altro trionfo di Ingebrigtsen

27 Agosto, 2021
Foto Giancarlo Colombo

Sui 3.000 m del meeting Diamond League di Losanna, Ingebrigtsen batte di misura Aregawi. Gaia Sabbatini nona nei 1.500 m (4’10”61). Quinto Tamberi, sesto Weir, settimo Desalu.

Il campione olimpico dei 1.500 m, Jakob Ingebrigtsen, ha vinto i 3.000 m al meeting “Athletissima” di Losanna battendo in volata l’etiope Beihu Aregawi fermando il cronometro in 7’’33”06, tempo lontano dal suo obiettivo di battere il record europeo della distanza di Mouhammed Mouhrit che risale al meeting di Montecarlo del 2000. Aregawi ha migliorato il record personale con 7’33”39 precedendo l’australiano Stewart McSweyn (7’35”06). Il campione olimpico dei 10.000 m Selemon Barega si è dovuto accontentare del quinto posto in 7’37”62 davanti al campione del mondo Muktar Edris (7’40”30).

Sabbatini nona nei 1.500 m

L’etiope Feweyni Hailu ha superato l’australiana Linden Hall nel rettilineo finale aggiudicandosi la vittoria in 4’02”24. Con 4’02”95 Hall ha preceduto a sua volta Josette Norris (4’03”27). L’azzurra Gaia Sabbatini ha chiuso al nono posto con 4’10”61.

Negli 800 m, invece, è statoIl canadese di origini sudanesi Marco Arop a vincere la seconda gara consecutiva di Diamond League dopo Eugene imponendosi in 1’44”50 davanti a Emmanuel Korir (1’44”62) e a Ferguson Rotich Cheruiyot (1’45”48).

La rivincita della Fraser Pryce

Shelly Ann Fraser Pryce si è presa la rivincita su Elaine Thompson Herah vincendo i 100 m in 10”60, terzo miglior crono di sempre e record personale limato di tre centesimi rispetto al 10”63 di Kingston.

La due volte campionessa olimpica dei 100 metri ha preceduto di tre centesimi di secondo la dominatrice dello sprint delle ultime Olimpiadi di Tokyo, Elaine Thompson Herah, che ha fermato il cronometro in 10”64 davanti a Shericka Jackson (10”92), a Marie Josée Ta Lou (10”94), alla britannica Darryl Neita (10”96), alla svizzera Ajla Del Ponte (10”97) e a Mujinga Kambundji (11.01).

Le altre gare

• Triplo D – Yulimar Rojas ha vinto con l’eccellente misura di 15,56 m con vento oltre alla norma di +3.5 m/s ma ha fatto registrare due record del meeting e della Diamond League i salti regolari per vento di  15,42 m e 15,52 m.

• Alto UGianmarco Tamberi si classificato quinto con 2,24 m nella prima gara di salto in alto da campione olimpico. La vittoria è andata a Ilya Ivanyuk con 2,30 m. La gara si è svolta il giorno prima come City Event nella Piazza Centrale al Fon, quartiere nel centro della città svizzera.

• 200 m U – Terza vittoria stagionale per Kenny Bednarek, argento a Tokyo: 19”65 con vento oltre la norma di +3,2 m/s . Secondo Fred Kerley (19”77) e terzo il campione olimpico dei 400 m, Steven Gardiner (20”11). Il campione olimpico della staffetta 4×100, Eseosa Desalu, si è piazzato al settimo posto in 20”56 correndo in prima corsia.

• 400 hs D – Quinta vittoria in Diamond League 2021 per Femke Bol, bronzo a Tokyo (53”05). Standing ovation per la svizzera Lea Sprunger, che si è congedata dal pubblico di casa con un ottimo 54”75 nell’ultima gara della sua carriera.

• Peso U – Il due volte campione olimpico del getto del peso, Ryan Crouser, sbriga la faccenda al primo lancio con 22,81 m; secondo Tom Walsh (22,10 m), terzo Filip Mihallievic (21,37). L’azzurro Zane Weir, quinto a Tokyo, si è confermato a grandi livelli piazzandosi sesto con 21,20.

• Giavellotto U – Terzo lancio vincente per Johannes Vetter (88,54) che poi prevale nella finale a 3 con 86.34 m in condizioni di vento difficili.

• Alto D – Solo il numero minore di errori permette alla campionessa olimpica, Mariya Lasitskene, di battere la diciannovenne ucraina Yaroslava Mahuchik.

• Asta U – Stessa situazione per lo statunitense Christopher Nilsen nella gara finita a pari misura a 5.82 m con Sam Kendricks.

• 110 hs U – Lo statunitense Devon Allen si è imposto in 13”07 (vento +2.9 m/s) davanti a Jason Joseph (13”11).

• 400 m D – Primo successo in Diamond League per la vice campionessa olimpica Marileidy Paulino (50”40) davanti alla rappresentante delle Barbados Sada Williams (50”77).

• 400 m U – Vittoria a sorpresa dello statunitense Will London in 45”17 davanti a Isaac Makwala (45”20) e all’olandese Liemarvin Bonevacia (45”41). Karsten Warholm, che inseguiva il primato europeo d Thomas Schoenlebe, si è piazzato al quarto posto in 45”51 dopo una partenza fulminea.

• Lungo D – Nello spareggio a tre, Ivana Spanovic con 6,73 m ha battuto la svedese Kaddi Sagnia (6,64 m).

Articoli correlati

Mondiali indoor: bronzo di Fabbri nel getto del peso

02 Marzo, 2024

Arriva la prima medaglia per l’Italia ai Campionati mondiali indoor di Glasgow: Leonardo Fabbri nel getto del peso è terzo con 21,96 metri. Magnifica Sveva Gerevini nel pentathlon: quarta col record italiano e il miglior piazzamento mondiale nella storia azzurra delle prove multiple. I crampi frenano Chituru Ali nella finale dei 60 piani (ottavo). Nelle […]

800 metri indoor: è record italiano per Tecuceanu

23 Febbraio, 2024

A Madrid Catalin Tecuceanu vince gli 800 metri in 1’45”00 migliorando lo storico record di Giuseppe D’Urso (1’45’44 / 1993), che resisteva da 31 anni. Buone anche la parallela prova di Eloisa Coiro, che chiude gli 800 in seconda posizione in 2’01”50 (primato personale indoor), e di Ludovica Cavalli, terza italiana di sempre nei 1.500 […]

Meslek colpisce ancora: altro record sui 1.500 metri

07 Febbraio, 2024

Con 3’35”63 Ossama Meslek migliora il già suo record italiano dei 1.500 metri nel meeting di Torun, caratterizzato anche dall’ulteriore primato italiano di Zaynab Dosso (7”02 nei 60 metri piani) e dal miglioramento di Andy Diaz (17,65 m nel salto triplo), sempre più capolista stagionale. Bravi anche Lorenzo Simonelli e Catalin Tecuceanu. La sfida prosegue […]

Super indoor per l’Italia: quanti record in un weekend!

04 Febbraio, 2024

Dopo i 4 record del fine settimana precedente, ecco il primato europeo indoor under 20 di Mattia Furlani nel salto in lungo (8,08 m) e i primati italiani indoor di Pietro Arese (3.000 m/7’38”42), Ossama Meslek (1.500 m/3’36”04) ed Elisa Molinarolo (Asta / 4,63 m), oltre alla miglior prestazione mondiale stagionale saltata due volte nella […]