fbpx
New York

Kamworor sfida Desisa, Kitata e Tola nella maratona di New York

Di: Diego Sampaolo

La sfida tra il keniano Geoffrey Kamworor e gli etiopi LelisaDesisa, Shura Kitata e Tamirat Tola caratterizzerà la quarantanovesima edizione della Maratona di New York in programma Domenica 3 Novembre dalle 15.10 dal Ponte di Verrazzano a Central Park. Quattro atleti in gara hanno un record personale al di sotto delle 2h08’. E’ difficile vedere prestazioni da 2h03’ su un percorso difficile e ricco di saliscendi ma la gara promette grande spettacolo.

Kamworor è salito due volte sul podio della maratona della Grande Mela (primo nel 2017 in 2h10’53” e terzo nel 2018 in 2h06’26”) e ha stabilito il primato personale di 2h06’12” a Berlino nel 2012. In carriera il ventiseienne keniano allenato dall’ex campione dei 3000 siepi Patrick Sang ha vinto due titoli mondiali di corsa campestre a Guyang nel 2015 e a Kampala nel 2017 e tre ori ai Mondiali di mezza maratona a Copenaghen nel 2014, a Cardiff nel 2016 e a Valencia nel 2018.

Il fuoriclasse keniano va a caccia del secondo successo a New York in tre anni poche settimane dopo aver stabilito il primato del mondo della mezza maratona a Copenaghen fermando il cronometro in un eccellente 58’01”. Ha vinto i Trials keniani sui 10000 metri in 27’24”76 ma ha rinunciato ai Mondiali di Doha per concentrarsi sulla preparazione per la Maratona di New York.

Lelisa Desisa difende il titolo conquistato lo scorso anno a New York quando si impose in un eccellente 2h05’59” precedendo Shure Kitata (2h06’01”) e Kamworor (2h06’26). Le prestazioni di Lelisa, Kitata e Kamworor dell’anno scorso sono rispettivamente la seconda e la quarta mai corsa nella mitica manifestazione statunitense. Geoffrey Mutai detiene ancora il primato del percorso con 2h05’05” dal 2011.

Lilesa é salito sul podio di New York tre altre volte nel 2014 (secondo in 2h11’06”), nel 2015 (terzo in 2h12’10”) e nel 2017 (terzo in 2h11’32”) nelle cinque partecipazioni precedenti alla corsa della Grande Mela e ha vinto due edizioni della Maratona di Boston nel 2013 (2h10’22”) e nel 2015 (2h09’17). Lo scorso 5 Ottobre il ventinovenne etiope ha vinto il primo titolo mondiale di maratona sul percorso della Corniche a Doha in 2h10’40” ed insegue un inedito doppio successo ai Mondiali e a New York nella stessa stagione.

In questa stagione si è anche classificato secondo a Boston in 2h07’59” a due secondi dal vincitore Lawrence Cherono. In tutta la sua carriera Desisa ha collezionato 12 piazzamenti tra i primi tre in tredici maratone disputate.

Desisa debuttò sulla distanza dei 42 km nel 2013 a Dubai correndo in un eccellente 2h04’45”. Tre mesi dopo si impose a Boston nella gara purtroppo segnata da un tragico attentato. In un gesto di solidarietà nei confronti di Boston Desisa donò la medaglia del vincitore alla città per onorare la memoria delle vittime. Sempre nel 2013 Desisa vinse la medaglia d’argento ai Mondiali di Mosca 2013.

Torna a New York anche Shura Kitata, talento salito sulla ribalta nel 2017 con le vittorie nelle Maratone di Roma (2:07:30) e di Francoforte (2:05:50). Nel 2018 il ventitreenne etiope si classificò secondo alla Maratona di Londra in 2h04’49” alle spalle del primatista mondiale Eliud Kipchoge. La scorsa primavera Kitatasi è classificato quarto in 2h05’01 alle spalle di tre atleti in grado di scendere sotto le 2h03’30”. In fase di preparazione alla maratona di New York Kitata ha corso la mezza maratona di Filadelfia in 59’16”.

Kitata e l’altro etiope Tamirat Tola inseguono il loro primo successo in una maratona del circuito World Marathon Majors. Tola ha vinto la medaglia di bronzo olimpica a Rio de Janeiro 2016 sui 10000 metri. L’anno successivo Tola ha vinto la maratona di Dubai in 2h04’06” e medaglia d’argento ai Mondiali di Londra nella maratona. Nelle ultime gare disputate sui 42 km Tola si è classificato quarto a New York in 2h08’30” e sesto a Londra nello scorso Aprile in 2h06’57”. In avvicinamento a New York ha corso la mezza maratona di Bogotà in 1h02’35” in altitudine battendo il vincitore delle maratone di Chicago e Boston Lawrence Cherono e si è classificato secondo alla Great North Run di Newcastle sempre nella mezza maratona in 59’13” alle spalle di Mo Farah.

Un altro atleta da seguire con attenzione è il keniano Albert Korir, che ha vinto quattro maratone su nove gare disputate sulla distanza (inclusi due successi nel 2019 a Houston e a Ottawa), anche se non è mai sceso al di sotto delle 2h08’ in carriera.

I migliori statunitensi in gara sono Jared Ward (2h09’25” di record personale stabilito a Boston nel 2018) e Abdi Abdirahaman (terzo alla Maratona di New York nel 2016 in 2h11’23” e terzo ai Trials olimpici di maratona di Houston nel 2012). Dalla vittoria di MebKeflezighi nell’edizione nel 2009 Abdirahaman è stato l’unico statunitense a salire sul podio nella Grande Mela.

Keitany insegue la quinta vittoria a New York

Mary Keitany ha vinto quattro delle ultime cinque edizioni della maratona di New York guadagnandosi la reputazione di regina della Grande Mela. Nel 2016 Keitany vinse con un margine di 3 minuti e 35 secondi. Nella passata edizione si impose correndo in uno straordinario 1h06’58” nella seconda metà gara. Alla trentasettenne keniana manca soltanto l’obiettivo di battere il record del percorso della Maratona di New York detenuto da Margaret Okayo con 2h22’31” dall’edizione del 2003. Nelle ultime tre maratone disputate Keitany si è classificata quinta nelle ultime due edizioni della maratona di Londra (2h24’27” nel 2018 e 2h20’58” nel 2019) e ha vinto a New York nel 2018 in 2h22’48”. Di recente si è classificata quarta alla Great North RunHalf Marathon in 1h07’58” lo scorso Settembre nella gara vinta dalla primatista del mondo della maratona Brigid Kosgei. Due anni fa Keitany corse il miglior tempo di sempre in una maratona “women-only” correndo in 2h17’01” a Londra.

L’avversaria più accreditata di Keitany è la venticinquenne etiope Ruti Aga, che vanta due secondi posti a Berlino nel 2017 in 2h20’41” e nel 2018 in 2h18’34” e due piazzamenti da podio a Tokyo (secondo nel 2018 in 2h21’19” e primo nel 2019 in 2h20’40” nonostante cattive condizioni climatiche). Aga si è ritirata nella maratona dei Mondiali di Doha dopo appena 15 km a causa del caldo e della forte umidità.

La keniana Joyciline Jepkosgei debutta sulla maratona dopo una carriera ricca di grandi risultati sulle distanze più brevi come i due record mondiali sulla mezza maratona (64’52” a Praga e 64’51” a Valencia nel 2017 e 29’43” sui 10 km a Praga e l’argento ai Mondiali di mezza maratona a Valencia nel 2018 in 1h06’54”.

Le due maratonete statunitensi di spicco in gara sono Sara Hall e Desirée Linden. Hall si è classificata quinta nell’ultima Maratona di Berlino a fine Settembre migliorando il precedente record personale di quattro minuti con un ottimo 2h22’16”, prestazione con la quale è diventata la sesta più veloce statunitense di sempre.

Linden ha vinto la Maratona di Boston nel 2018 in 2h39’54” in condizioni climatiche molto difficili a causa della pioggia, del vento e del freddo. Nelle ultime due maratone disputate si è classificata sesta a New York in 2h27’51” e quinta a Boston nel 2019 in 2h27’00”.

Da seguire anche l’australiana di origini irlandesi Sinead Diver(2h24’11 alla Maratona di Londra a 42 anni) e la quarantunenne statunitense Roberta Groner (sesta ai Mondiali di Doha).

Al via ci saranno anche 2850 appassionati italiani (il nostro paese sarà il secondo più presente dopo gli Stati Uniti).

Articoli Correlati

Ravenna: ecco tutti i Campioni Italiani di maratona 2019
Ruth Chepngetich
Desisa e Chepngetich maratoneti dell’anno al Gala AIMS di Atene
Under Armour: ecco le maglie della Generali Milano Marathon 
Under Armour: ecco le maglie della Generali Milano Marathon 
Maratona di Ravenna
Maratona: domenica a Ravenna i Campionati italiani Fidal Assoluti e Master 
maratona
Maratona di Istanbul: la lepre Daniel Kibet vince a sorpresa
Milano Marathon festeggia i suoi primi vent’anni