fbpx

Interpreto Mennea, con il massimo rispetto

30 Marzo, 2015

Abbiamo incontrato l’attore Michele Riondino, che nella miniserie in onda su Rai 1 veste i panni della Freccia del Sud. Un ruolo non facile, costruito grazie a un intenso lavoro di ricerca e allenamento.
Andrea Schiavon che lo ha intervistato per Correre (numero di marzo), ha riassunto la lunga chiacchierata in otto lettere: rispetto. Tutto ruota intorno a questa parola. Riondino si è avvicinato in punta di piedi a un’icona dello sport italiano, ha cercato di ricostruirne il cammino e di mettere in scena un personaggio che non fosse né un’agiografia né una caricatura.

L’interprete del giovane Montalbano a suo tempo aveva ereditato da Luca Zingaretti il non facile compito di impersonare il poliziotto più letto e visto d’Italia. Stavolta l’impresa appariva ancora più impari: qui non si trattava solo di metterci la faccia, ma pure le gambe. E che gambe: quelle del signor 19”72, l’uomo che per quasi vent’anni ha rappresentato l’orgoglio di un’Italia più veloce del resto del mondo.

«Il risultato potrà piacere ad alcuni e non piacere ad altri, è inevitabile – premette l’attore, che con Pietro Paolo Mennea condivide anche le origini pugliesi (lui di Taranto, il velocista di Barletta) –. Lavorarci è stato molto coinvolgente. Raramente metto me stesso nei personaggi che interpreto, ma stavolta è stato diverso: più mi sono calato in Pietro, più ho trovato analogie e affinità tra il suo percorso di atleta e il mio di attore. E poi forse era destino che, prima o poi, io interpretassi uno sprinter…».

Un talento mancato dell’atletica?
«No, le mie uniche esperienze dirette in pista risalgono ai Giochi della gioventù. Il legame con la velocità risale ai miei esordi a teatro: con la mia prima compagnia, il Circo Bordeuax, portammo in scena Cento, una serie di dialoghi tra un centometrista e lo starter. Stavolta sono andato oltre, arrivando ai 200 m.»

E fisicamente com’è stata la preparazione per impersonare Mennea?
«Sin dall’inizio con la produzione abbiamo fatto una scelta ben precisa: io non somiglio a Pietro, quindi abbiamo rinunciato a trucchi e protesi per rendere il mio volto più simile al suo. Non sarebbero stati credibili e le scene di corsa sarebbero diventate un inferno con parrucche, menti finti e cose simili.»

Già, la corsa. Per quella come ha fatto?
«Mi sono allenato per due mesi con un tecnico della Nazionale italiana, Roberto Piscitelli, prima allo stadio dei Marmi e poi alla Farnesina, sempre a Roma.»

È stato più difficile entrare nella testa o nelle gambe di Mennea?
«Con tutti i ciak che facevamo, ogni scena diventava una serie di ripetute… Pietro però, oltre che le gambe, aveva anche una personalità da record del mondo. Per riuscire a coglierne tutti gli aspetti per me è stato prezioso potermi confrontare con sua moglie, Manuela. Parlare con lei mi ha permesso di andare oltre a tanti luoghi comuni sul suo carattere.»

L’intervista completa a Michele Riondino realizzata da Andrea Schiavon è pubblicata sul numero di marzo di Correre.

Articoli correlati

Momenti di gloria: 40 anni fa l’oro di Mennea a Mosca

28 Luglio, 2020

Il 28 luglio 1980 Pietro Mennea scrisse una delle pagine più famose dell’atletica italiana vincendo i 200 metri ai Giochi olimpici di Mosca. Un’impresa che è rimasta nella memoria collettiva con un valore che va oltre il dato sportivo, perché gli ultimi cinquanta metri di quella gara sono diventati simbolo di rinascita. Pietro Mennea entrò […]

Quattro anni senza Pietro Mennea, indimenticabile Freccia del sud

21 Marzo, 2017

Pietro Mennea morì quattro anni fa, giovedì 21 marzo 2013, stroncato da un male incurabile. La camera ardente, aperta il giorno successivo nel Salone d’onore del Coni al Foro Italico, a Roma, vide sfilare una folla infinita, che fece da cornice alla bara portata a spalla dagli azzurri che gli furono compagni di staffetta (nella […]

Opinioni – Fiction Mennea: “Allora vale tutto”

04 Aprile, 2015

Tanti amanti della corsa hanno apprezzato la fiction di Rai Uno sulla storia e la figura di Pietro Paolo Mennea. Alcuni ne hanno fatto una questione emotiva, affettiva, hanno rivissuto le sue gesta, si sono emozionati come allora. Altri, magari pur rilevando alcune pecche, si sono espressi sul tono “bene, almeno si parla di atletica, […]