Europei Indoor: 29 titoli per i master azzurri

Europei Indoor: 29 titoli per i master azzurri

04 Marzo, 2022

Dopo la parentesi internazionale di oltre due anni causa Covid-19 i master sono tornati a confrontarsi in una manifestazione internazionale, dal 20 al 27 febbraio a Braga in Portogallo, per la 13° edizione dei Campionati Europei Indoor. L’ultima volta era stato con i Campionari Europei Stadia a Jesolo nel settembre del 2019.

La manifestazione è rimasta in forse fino a qualche settimana prima e ciò ha generato disorientamento e prudenza e quindi ha ridotto molto il numero dei partecipanti. Sono stati tanti anche gli azzurri che, presenti ai campionati Italiani Indoor due settimane prima, hanno invece “declinato” la trasferta portoghese. Nell’insieme quindi è stato un campionato oggettivamente al ribasso, con gare di valore tecnico altalenante. Tuttavia è prevalso il senso positivo della ripartenza, della voglia di “normalità”, nonostante le procedure sanitarie ancora da seguire. Soprattutto pensando che adesso all’orizzonte si stanno concretizzando i prossimi Campionati Mondiali Stadia a Tampere dal 29 giugno al 10 luglio; e ancor più nell’ottica italiana i Campionati Europei Stadia del 2023 assegnati a Pescara e programmati nell’ultima decade di settembre.

Se partiamo dalla lettura del medagliere finale è possibile affermare che la “falange master azzurra” s’è ben comportata chiudendo al 6° posto, con 29 ori, 27 argenti e 19 bronzi (75 in totale). Gli spagnoli questa volta sono stati i protagonisti dei podi (93 – 95 – 68), favoriti dalla prossimità logistica della manifestazione e, bisogna riconoscerlo, anche da una crescita sostanziosa del loro movimento master. In totale la Spagna ha portato a casa 256 medaglie contro le 146 della Germania. 

La doppietta di Francesco D’Agostino

Tra i nostri ci sono stati alcuni acuti da prima pagina della manifestazione. Su tutti quelli di Francesco D’Agostino che in due giorni ha messo a segno una doppietta che per tempi e modi è da considerare memorabile. Il calabro-bresciano prima ha vinto da killer della pista i 400 metri degli M55, infilando sul rettilineo finale Claudio Fausti per 54”24 a 54”46. Il giorno dopo si è ulteriormente esaltato negli 800 metri piegando avversari di grande livello con il riscontro crono di 2’06”41, che costituisce la miglior prestazione mondiale indoor della categoria. Il suo è stato un ritorno, dopo vari infortuni, sui livelli del 2016 suo anno d’oro, quando vinse il titolo mondiale stadia e quello europeo indoor M50 degli 800 metri. C’è da rimarcare che, non da oggi, D’Agostino è probabilmente il più grande agonista visto in molti anni nelle gare master. 

Francesco D’Agostino

Per l’altro bresciano Claudio Fausti dopo la sconfitta nei 400 metri c’è stata comunque la compensazione nei 200 metri, gara in cui ha sbaragliato la concorrenza correndo in 24”07, che per la statistica è diventata la nuova miglior prestazione europea indoor M55

Un altro nostro protagonista va identificato in Marco Mastrolorenzi, ex-surfista del circuito mondiale diventato tra i master un atleta di vertice. Il romano, nonostante la sua taglia piccola, a Braga s’è imposto prima nel salto in alto M60 con 1,70 e nella penultima giornata ha dato vita nel pentathlon ad un duello epico con il lituano Zaniauskas, concluso sul traguardo dei 1000 metri per 4.182 a 4.176 punti a favore del nostro azzurro. 

La consacrazione di Simona Prunea

Le gare di Braga hanno consacrato definitivamente come atleta master d’élite Simona Prunea, originaria della Romania e dal 2013 atleta italiana master, passata dalla corsa su strada e in montagna alla pista. Simona ha trovato l’esaltazione vincente negli 800 metri W50 (2’29”31) e nei 3000 metri (10’47”72); ed in più ha aggiunto il 2° posto nei 1500 metri con il nuovo record italiano SF50 portato a 4’51”64.  

Simona Prunea

Inoltre hanno fatto doppietta di titoli: Antonio Caso con 60 e 200 metri M70; Filippo Torre con 60 e 200 metri M80; Giorgio Bortolozzi con salto in lungo e triplo M85; Giorgio Andreotti nella marcia 3000mt. in pista e 5 chilometri su strada M80.    

In coda ai Campionati di Braga c’è stata l’assemblea dell’European Masters Athletics per il rinnovo delle cariche in cui è stata eletta a Presidente l’austriaca Valentina Fedyushina e nel Consiglio Direttivo gli italiani Francesco De Feo (vice-presidente esecutivo) e Giovanni Tracanelli (vice-presidente operativo per le manifestazioni).   

Titoli conquistati dagli azzurri (29)

3000 M40: Antonino Liuzzo (Running Emotion) 8:45.35

Cross M50: Joachim Nshimirimana (Track & Field Master Grosseto)

200 M55: Claudio Fausti (Atl. Virtus Castenedolo) 24.07 record europeo

400 M55: Francesco D’Agostino (Atl. Insieme Verona) 54.24

800 M55: Francesco D’Agostino (Atl. Insieme Verona) 2:06.41 record mondiale

Giavellotto M55: Federico Battistutta (Atl. Santamonica Misano) 52,40

Alto M60: Marco Mastrolorenzi (Atl. La Sbarra) 1,70

Pentathlon M60: Marco Mastrolorenzi (Atl. La Sbarra) 4103

Disco M65: Ugo Coppi (La Fratellanza 1874 Modena) 43,79

Marcia 5 km M65: Giuseppe Iaia (Gsp III Regione Aerea Bari) 28:51

Marcia 5 km squadra M65: Giuseppe Iaia (Gsp III Regione Aerea Bari), Claudio Penolazzi (Atl. Lonato), Roberto Piaser

60 M70: Antonio Caso (Arca Atl. Aversa Agro Aversano) 8.56

200 M70: Antonio Caso (Arca Atl. Aversa Agro Aversano) 28.02

60 M80: Filippo Torre (Csal Florentia Napoli) 10.09

200 M80: Filippo Torre (Csal Florentia Napoli) 35.30

Marcia 3000 M80: Piergiorgio Andreotti (Kronos Roma) 24:07.63

Marcia 5 km M80: Piergiorgio Andreotti (Kronos Roma) 41:29

200 M85: Remo Marchioni (Atl. Pistoia) 45.07

Lungo M85: Giorgio Bortolozzi (Olimpia Amatori Rimini) 3,03

Triplo M85: Giorgio Bortolozzi (Olimpia Amatori Rimini) 6,26

Lungo M90: Enzo Azzoni (Gravellona Vco) 1,64

Asta W35: Giorgia Vian (N. Atl. Fanfulla Lodigiana) 3,80

Marcia 3000 W40: Marina Ivanova (Atl. Osimo) 15:18.31

Asta W45: Barbara Capellini (Atl. Endas Cesena) 3,00

800 W50: Simona Prunea (Gs Orecchiella Garfagnana) 2:29.31

3000 W50: Simona Prunea (Gs Orecchiella Garfagnana) 10:47.72

Cross W50: Carla Primo (Borgaretto 75)

Martello W50: Patrizia Aletta (Arca Atl. Aversa Agro Aversano) 45,77

Giavellotto W60: Eleonora Begani (Assi Giglio Rosso Firenze) 24,94

Articoli correlati

Gaia Sabbatini e Ossama Meslek da record

20 Febbraio, 2022

Gaia Sabbatini e Ossama Meslek hanno realizzato due primati italiani nel mezzofondo al Muller Indoor Grand Prix di Birmingham, quinta tappa del World Indoor Tour Gold. Sabbatini ha polverizzato il record nazionale di Margherita Magnani negli 800 (2’39”94 ad Ancona nel 2014) fermando il cronometro in 2’38”67 davanti alla britannica Jemma Reekie (l’atleta allenata da […]

Marcell Jacobs, tre su tre

18 Febbraio, 2022

Liévin: super Jacobs vince la terza gara stagionale sui 60 metri Al meeting di Liévin, in Francia il campione olimpico dei 100 metri Marcell Jacobs ha vinto la terza gara stagionale sui 60 metri in 6”50 dopo le affermazioni di Berlino (6”51) e Lodz (6”49). Lo sprinter di Desenzano ha battuto di due centesimi di secondo […]

Nadia Battocletti, record italiano nei 3000 indoor

15 Febbraio, 2022

Nadia Battocletti ha migliorato dopo 15 anni il primato italiano dei 3000 metri femminili fermando il cronometro in 8’41”72 nel meeting di Val de Reuil in Francia. La finalista olimpica dei 5000 metri ha tolto oltre tre secondi al precedente record nazionale stabilito da Silvia Weissteiner con 8’44”81 in occasione della medaglia di bronzo agli […]

Marcell Jacobs, buona la seconda

12 Febbraio, 2022

Marcell Jacobs ha vinto la seconda gara stagionale sui 60 metri alla Orlen Cup di Lodz in Polonia in 6”49 arrivando a due soli centesimi di secondo dal record italiano da lui stesso stabilito sempre in Polonia in occasione della vittoria agli Europei Indoor di Torun dello scorso anno. Il campione olimpico dei 100 metri […]

Allenamento News Equipment Salute Correre