fbpx
Michele Tusino

Ecco perché la corsa fa bene (e vi fa belle!)

Huber Rossi e Sara Campagna partono da un principio fondamentale: a seconda dello sport che scegliamo, il nostro fisico subisce modificazioni diverse. Il running ci consente di bruciare molte calorie, ma se volessimo anche diventare più muscolosi? Per ogni obiettivo il nostro personal trainer, in collaborazione con la nutrizionista del Marathon Center, suggerisce un percorso di allenamento diverso. Obiettivo per obiettivo, in questo servizio troveremo spiegati i benefici indotti da ogni attività fisica suggerita e le intensità di lavoro necessarie per ottenere risultati concreti. Ecco quindi elencate e analizzate le diverse attività che ci consentono di perdere grasso e migliorare il tono muscolare, con una dettagliata spiegazione del “MET” (equivalente metabolico), un parametro che ci indica il costo energetico in ossigeno di ogni attività che pratichiamo.

Scopriremo quindi cosa bruciare in base alle diverse intensità di lavoro e troveremo spiegato perché , tra le discipline aerobiche la corsa sia quella che, a parità di tempo, permette di “spendere” il maggior numero di calorie.

Correre consente inoltre di tenere intensità che permettano di bruciare una buona miscela di grassi e zuccheri, la spesa calorica corretta per chi ha come obiettivo la perdita di peso e la diminuzione del tessuto adiposo.

Si tratta di 6 pagine di Correre di agosto dedicate a condurre per mano:
chi vuole solo perdere grasso, senza incrementare la componente muscolare in nessun modo;
chi vuole perdere grasso e guadagnare un buon tono muscolare, migliorando il quadro estetico in generale;
chi vuole incrementare la massa muscolare, perdendo al contempo tessuto adiposo.

Abbiamo più volte ripetuto che i benefici della corsa sono tanti: quelli percepiti a livello fisico e mentale, il controllo dei fattori di rischio cardiovascolari e metabolici, come la glicemia, il livello dei lipidi nel sangue o la pressione, e l’aumento di densità ossea e del tono muscolare. C’è anche un miglioramento dell’efficienza fisica e lavorativa. Ma non va sottovalutato il valore della perdita di peso adiposo e l’aumento dell’autostima dovuto a un maggior appagamento estetico. Per questo, non senza un filo d’ironia, il servizio è corredato da immagini di signore della corsa (come l’azzurra Sara Galimberti, nella foto) che senza parole confermano lo “strillo” maggiore della copertina di questo Correre di agosto: “La corsa vi fa belle”!