Doppio successo etiope di Addisu e Seyaum al Campaccio

Doppio successo etiope di Addisu e Seyaum al Campaccio

07 Gennaio, 2022
Foto: Giancarlo Colombo
Doppietta etiope al 65° Campaccio Cross Country. Tra gli uomini si impone Yihune Addisu, mentre al femminile trionfa Dawit Seyaum. Sesto posto gli azzurri per Eyob Faniel e Nadia Battocletti tra le donne.

Yihune Addisu e Dawit Seyaum hanno firmato la doppietta etiope alla sessantacinquesima edizione del Campaccio di San Giorgio su Legnano nel giorno dei festeggiamenti per i 100 anni dell’Unione Sportiva Sangiorgese. 

Addisu ha piazzato l’allungo decisivo prima dell’inizio dell’ultimo giro staccando il gruppo di cinque atleti africani formato da Emmanuel Kiplagat, Amos Serem, Vincent Too e l’eritreo Aron Kifle. Il diciottenne etiope ha tagliato il traguardo in 28’39” con sei secondi di vantaggio su Kiplagat. 

Addisu festeggerà il suo diciannovesimo compleanno nel prossimo Marzo. La scorsa estate si è messo in luce correndo i 5000 metri in 12’58”99 nel meeting del Continental Tour di Hengelo prima di classificarsi al quarto posto sulla stessa distanza ai Mondiali Under 20 di Nairobi. Vanta anche un personale di 7’39”27 sui 3000 metri realizzato sempre la scorsa estate a Szekesfehrvar. 

L’Etiopia aveva trionfato in passato a San Giorgio su Legnano con Haile Gebrselassie (1994), Fita Bayisa (1995), Kenenisa Bekele (2002 e 2004), Abraham Cherkos (2010), Muktar Edris (2013 e 2017), Imane Merga (2016) e Hagos Gebrhiwet (2019).  

Yihune Addisu: “Volevo questa vittoria. Ero molto fiducioso perché sapevo di essermi preparato molto bene. Conoscevo l’importanza della gara, perché mi alleno in Etiopia con Selemon Barega. E’ un mio modello e lo stimo molto. Spero di poter gareggiare presto, anche se c’è molta incertezza a causa del covid. Punto a migliorare il mio personale la prossima estate”. 

Il diciannovenne keniano Amos Serem, medaglia d’oro ai Campionati del mondo under 20 di Nairobi sui 3000 siepi, ha vinto lo sprint per il terzo posto battendo Too con lo stesso tempo di 28’53”. Kifle, bronzo ai Mondiali di mezza maratona di Valencia 2018, si è piazzato al quinto posto in 28’59”. 

Eyob Faniel si è affacciato in testa durante il terzo giro ma ha perso terreno a due chilometri dalla fine prima di concludere al sesto posto in 29’15” con sei secondi di vantaggio su Yohanes Chiappinelli. Il campione italiano di cross in carica Iliass Aouani ha terminato più staccato in ottava posizione 29’45” davanti al primatista tunisino dei 3000 siepi Mohamed Amine Jhinaou (29’49”), al ventunenne lombardo Luca Alfieri (29’53”), a Dario De Caro (30’02”) e a Italo Quazzola (30’09”). 

Eyob Faniel: “Vengo sempre volentieri al Campaccio. Mi lega tanta amicizia con gli organizzatori. Per me questa gara è un divertimento. Sono tornato apposta dall’Eritrea dove mi sono allenato per diverse settimane e ripartirò per il Kenya già questa Domenica. Ora la testa è sulla preparazione per una maratona in Aprile. Il Campaccio è molto allenante e fondamentale per la preparazione. Il terzo posto a New York è stato importante perché mi ha fatto cambiare mentalità, proiettandomi in una dimensione di più alto livello che sapevo di poter avere”. 

Nadia Battocletti e
Foto di Giancarlo Colombo
Gara femminile 

La venticinquenne etiope Dawit Seyaum ha fatto il bis vincendo al Campaccio sei giorni dopo la vittoria alla Boclassic di Bolzano. 

La gara femminile sulla distanza dei 6 km si è decisa a 500 metri dalla fine quando Seyaum, l’eritrea Daniel Rahel Ghebreyohannes e Beatrice Chebet hanno cambiato marcia staccando le etiopi Belayneh Fantaye e Eisa Medina. Seyaum ha risposto ad un tentativo di fuga di Ghebreyohannes nell’ultimo giro e ha sferrato l’attacco decisivo nel tratto finale all’interno del Campo Angelo Alberti tagliando il traguardo in 18’48” con un secondo di vantaggio su Ghebreyohannes. La campionessa mondiale under 20 di corsa campestre di Ahrus 2019 Beatrice Chebet si è piazzata al terzo posto in 18’51” portando a casa un altro piazzamento da podio nel circuito World Cross Country Tour Gold dopo il secondo posto ad Atapuerca dietro a Ghebreyohannes e il terzo posto di Siviglia. Fantaye ha tagliato il traguardo in 18’56” davanti a Eisa Medina (19’05”). 

La campionessa europea under 23 di cross e dei 5000 metri Nadia Battocletti è stata la migliore delle italiane in sesta posizione in 19’06” battendo allo sprint la slovena Klara Lukan, rivale in pista e nei cross nelle più importanti manifestazioni giovanili. Battocletti è  arrivata dolorante per un contatto avvenuto durante la gara. La ventunenne trentina è rimasta nel gruppo di testa formato da otto atlete fino alla campana dell’ultimo giro. 

Nadia Battocletti: “Ho preso una forte chiodata sul ginocchio. E’ uscito un po’ di sangue ma non ho dolore. Non sembrerebbe nulla di grave. La gara è andata bene. Sono molto soddisfatta. Ho fatto quello che avevo detto alla vigilia, ovvero stare il più forte con le più forti. Non sono imbattibili. Per vincere però bisogna essere al 110% e io in questo momento non lo sono. Sto lavorando tanto per gettare le basi per la stagione estiva e prima per i mondiali indoor. Mi sono divertita molto. Il Campaccio è sempre una grande gara”. 

Nadia Battocletti
Nella foto: Nadia Battocletti- Foto di Giancarlo Colombo

La keniana Lucy Muli si è classificata al nono posto in 19’15” precedendo la vice campionessa europea under 23 dei 10000 metri Anna Arnaudo (19’41”) e Eva Cherono (19’58”). 

Sebastiano Parolini si è aggiudicato il cross corto di 3.2 km in 9’39” davanti a Erica Schiavi (11’58”). Stefano Benzoni ha trionfato nella gara juniores di 6 km in 18’30” precedendo Simone Valduga di tre secondi. Nelle gare allievi si sono imposti il campione italiano di categoria Francesco Ropelato in 12’16” e la belga Charlotte Penneman in 14’09”. 

Articoli correlati

800 metri indoor: è record italiano per Tecuceanu

23 Febbraio, 2024

A Madrid Catalin Tecuceanu vince gli 800 metri in 1’45”00 migliorando lo storico record di Giuseppe D’Urso (1’45’44 / 1993), che resisteva da 31 anni. Buone anche la parallela prova di Eloisa Coiro, che chiude gli 800 in seconda posizione in 2’01”50 (primato personale indoor), e di Ludovica Cavalli, terza italiana di sempre nei 1.500 […]

Meslek colpisce ancora: altro record sui 1.500 metri

07 Febbraio, 2024

Con 3’35”63 Ossama Meslek migliora il già suo record italiano dei 1.500 metri nel meeting di Torun, caratterizzato anche dall’ulteriore primato italiano di Zaynab Dosso (7”02 nei 60 metri piani) e dal miglioramento di Andy Diaz (17,65 m nel salto triplo), sempre più capolista stagionale. Bravi anche Lorenzo Simonelli e Catalin Tecuceanu. La sfida prosegue […]

Super indoor per l’Italia: quanti record in un weekend!

04 Febbraio, 2024

Dopo i 4 record del fine settimana precedente, ecco il primato europeo indoor under 20 di Mattia Furlani nel salto in lungo (8,08 m) e i primati italiani indoor di Pietro Arese (3.000 m/7’38”42), Ossama Meslek (1.500 m/3’36”04) ed Elisa Molinarolo (Asta / 4,63 m), oltre alla miglior prestazione mondiale stagionale saltata due volte nella […]

New York: vincono Hellen Obiri e Tamirat Tola

05 Novembre, 2023

Record della gara per l’etiope Tamirat Tola (2:04’56”) e spettacolare finale per la keniana Hellen Obiri (2:27’20”), che solo in ultimo riesce a staccare l’etiope Letensebet Gidey. Iliass Aouani: settimo in 2:10’54”. La New York City Marathon incorona l’etiope Tamirat Tola, già campione del mondo di maratona a Eugene 2022, primo in Central Park in […]