Crippa riporta l’Italia sul podio della 5 Mulini

Crippa riporta l’Italia sul podio della 5 Mulini

15 Gennaio, 2023
Foto Jader Consolini

Nella classica di San Vittore Olona seconda piazza dell’azzurro alle spalle di Gideon Rono. Tra le donne si afferma Beatrice Chebet

Beatrice Chebet e Gideon Rono hanno firmato la doppietta keniana nella novantunesima edizione della Cinque Mulini a San Vittore Olona, dodicesima tappa del World Cross Country Tour. Yeman Crippa, secondo al traguardo, ha riportato l’Italia sul podio della Cinque Mulini che mancava dall’edizione del 2005, quando il campione olimpico di maratona di Atene 2004 Stefano Baldini si piazzò al terzo posto alle spalle di Saif Saeed Shaheen e di Boniface Kiprop. 

“Quando sono partito, ci ho creduto, e poi ho capito di avere un avversario tosto, ma ho dato tutto me stesso – racconta Crippa – Sono contento di come ho corso, anche se non ce l’ho fatta per poco e c’è un pizzico di rammarico. Però qui c’era un atleta più forte di me. Ora mi concentro sulla maratona. Dopo il raduno in Portogallo andrò ad allenarmi in Kenya per sei settimane fino al 20 marzo. Svolgerò le mie sessioni di allenamento insieme ai migliori atleti che correranno le maratone più importanti”. 

Un quintetto formato da Gideon Rono, Benson Lingokal, dal siepista tunisino Mohamed Jhinaoui, da Crippa e dallo svedese Emil Millan De La Oliva ha preso il comando nel primo giro, mentre lo svedese Emil Millan De la Oliva ha perso terreno dopo aver preso l’iniziativa nelle fasi iniziali della gara. 

L’attacco di Rono durante il secondo giro ha prodotto la selezione decisiva. Insieme al giovane keniano sono rimasti soltanto Crippa e Lingokai. Crippa è andato al comando per la prima volta dopo metà gara, ma Rono ha risposto nel penultimo giro prima di piazzare l’attacco decisivo dopo la campana dell’ultimo giro. 

Rono ha tagliato il traguardo in 29’00” con sei secondi di vantaggio su Crippa. Jhinaoui ha completato il podio piazzandosi al terzo posto in 29’45” precedendo in volata con lo stesso tempo di Lingokal. Nekagenet Crippa ha corso un’ottima gara chiudendo al quinto posto in 29’47” davanti a De la Oliva (30’08”). 

Crippa conclude questo blocco di competizioni con un bilancio positivo fatto di due secondi posti alla Boclassic di Bolzano e alla Cinque Mulini e il terzo posto al Campaccio

Gideon Rono: “Era la mia prima gara di cross in Italia. Il percorso era particolarmente difficile. Quest’anno l’obiettivo è migliorare il primato personale di 13’16”51 sui 5000 metri realizzato nel maggio 2022”. 

Cinque Mulini: la gara femminile

Beatrice Chebet ha vinto la seconda gara in questa stagione del World Cross Country Tour dopo il successo di Atapuerca dello scorso novembre. La giovane keniana ha dominato la gara di 6.2 km in 19’41” precedendo di 15 secondi la connazionale Lucy Maiwa. La burundese Francine Nyomokunzi ha completato il podio tagliando il traguardo in terza posizione in 20’24” davanti all’etiope Likina Amebaw (20’33”). La vice campionessa europea under 23 a squadre di corsa campestre Giovanna Selva ha concluso la gara al quinto posto in 20’36” davanti ad Elisa Palmero (21’03”). 

Chebet ha piazzato l’accelerazione decisiva durante il secondo giro staccando Maiwa di otto secondi. Maiwa, vincitrice di tre tappe del World Cross Country Tour in questa stagione a Bydgoszcz, Soria e Atapuerca, ha accumulato 30 secondi di vantaggio sul terzetto delle inseguitrici formato da Nyomokunzi, Selva e dall’etiope Likina Amebaw. 

Chebet è transitata al secondo giro in 13’26” prima di aumentare il suo vantaggio nei confronti di Maiwa fino a 15 secondi. 

Chebet insegue l’obiettivo di vincere un’altra medaglia mondiale alla sua collezione che comprende il titolo mondiale under 20 nella corsa campestre ad Ahrus nel 2019 e l’argento sui 5000 metri ai Mondiali di Eugene 2022. In carriera la keniana ha vinto anche l’oro sui 5000 metri ai Giochi del Commonwealth sui 5000 metri a Birmingham nel 2022 e la vittoria nella finale della Diamond League a Zurigo sui 5000 metri la scorsa estate. 

Beatrice Chebet: “Ho corso una buona gara, anche se faceva molto freddo. E’ stata una buona preparazione per i Mondiali di Cross di Bathurst dove punto a vincere una medaglia”. 

GLI ALTRI RISULTATI DEL WEEKEND

Allenamento News Equipment Salute Correre