Catherine Bertone: “Al traguardo ho pianto come una bambina”

Catherine Bertone: “Al traguardo ho pianto come una bambina”

24 Settembre, 2017
Catherine Bertone insieme a Kenesisa Bekele e Renè Cuneaz

Subito dopo il traguardo ha rivisto le immagini del suo arrivo al maxischermo e si è commossa. “Mi sono messa a piangere come una bambina di 5 anni“. Catherine Bertone, 45 anni, pediatra valdostana, alla maratona di Berlino ha corso la gara della vita: traguardo tagliato in 2:28’34” che è il nuovo record del mondo master 45 ma anche la miglior prestazione italiana 2017 a livello assoluto.

Sì ma mancano ancora tutte le maratone autunnali, quindi la miglior prestazione dell’anno dura ancora poco…” precisa lei che è abituata a poche chiacchiere, tanto lavoro e risultati cristallini (per la cronaca ha subito due controlli antidoping in tre giorni, sangue-urine venerdì appena arrivata a Berlino e poi subito dopo la gara).

Messa da parte la rabbia per la mancata convocazione mondiale (ero in montagna con le bambine e non ho nemmeno guardato la gara in tv) ha iniziato a preparare Berlino in giugno: “Gli allenamenti parlavano chiaro, sapevo di valere un buon tempo, speravo di stare intorno alle 2:29′  ma non immaginavo di poter scendere sotto. Anche perché agosto è stato un mese difficile con il lavoro… in ospedale ho fatto oltre 200 ore e quindi ero un po’ giù di corda per la stanchezza accumulata“.

La dottoressa Bertone ha però tirato fuori energie e grinta da vendere in una gara resa ancora più complicata dalla pioggia

La pioggia ha condizionato più che altro per la stabilità in corsa. L’asfalto era molto scivoloso e bisognava fare molta attenzione a non cadere. Io ho sfruttato le lepri della tedesca Anna Hahner; mi dicevo tieni ancora 10 minuti, tieni ancora 10 minuti e così fino fino all’ultimo. Ho provato anche a guadagnare una posizione a pochi metri dal traguardo ma lei ha allungato, ne aveva di più ed è anche giusto che sia andata così. Io sono felice della mia gara e soprattutto della mia testa”.

Il passaggio alla mezza in 1:14’01” è anche record italiano W45.
“Questo non me lo aspettavo. Io e la mezza non siamo mai andate d’accordo”.

E dopo Berlino?
Devo riposare per forza. Anche nell’immediato, perché domani ho il turno di notte in ospedale! Poi io gareggerei tanto e subito perché quando stai bene hai voglia di correre, gareggiare. Però darò ascolto a mio marito Gabriele Beltrami e al mio allenatore Roberto Rastello che mi costringono a staccare per riprendermi. Io sono abituata a fare tanto di testa mia, ma questa volta ascolterò il loro consiglio: siamo una grande squadra“.

 

Articoli correlati

New York: vincono Hellen Obiri e Tamirat Tola

05 Novembre, 2023

Record della gara per l’etiope Tamirat Tola (2:04’56”) e spettacolare finale per la keniana Hellen Obiri (2:27’20”), che solo in ultimo riesce a staccare l’etiope Letensebet Gidey. Iliass Aouani: settimo in 2:10’54”. La New York City Marathon incorona l’etiope Tamirat Tola, già campione del mondo di maratona a Eugene 2022, primo in Central Park in […]

Cosa mangiare prima della gara

Ecco qualche consiglio sugli alimenti da preferire a colazione. Una scelta che dovrà dipendere soprattutto dal tempo a disposizione in modo da sapere come e cosa mangiare prima della gara. C’è chi sostiene con forza la necessità di mangiare molto, prima della partenza di una maratona, per non rischiare di esaurire le scorte in gara. Le […]

Programmazione: impariamo a gestire il calendario gare

Per chi ha appena iniziato a correre e per l’amatore evoluto: ecco come e perché programmare il calendario gare Avete iniziato a correre da poco e i vostri amici più esperti non fanno che raccontarvi le gare cui partecipano ogni santa domenica? Siete iscritti a un gruppo sportivo e avete un calendario gare che inizia […]

Rondelli e i falsi miti della maratona

Ma chi l’ha detto? Che la maratona comincia al trentesimo chilometro, che i lunghissimi li devono fare tutti, che fartlek e ripetute corte non servono a chi prepara i 42,195 km. Lista di falsi miti della maratona, luoghi comuni duri a morire e di aggiornati e buoni consigli per chi prepara la distanza regina   Il […]