fbpx

Runner veloci e potenti dopo i 50 anni

25 Giugno, 2019
Foto: 123RF 

Il coach statunitense Joe Friel è autore di un libro intitolato “Veloci e potenti dopo i 50 anni”. Luca De Ponti, chirurgo ortopedico esperto di running, trae spunto dalla lettura di questo testo per approfondire il tema di come proseguire a correre in maniera proficua anche dopo il giro di boa del mezzo secolo di vita.

Allenamenti ad alta qualità 

«Partiamo da una constatazione – scrive De Ponti -: lo sportivo invecchia più lentamente ed è più longevo di un sedentario e l’agonismo è una molla efficace per chiedere al proprio corpo il massimo raggiungibile. Poiché, però, il concetto di intensità è sempre relativo, cambierei l’idea di alta intensità con quello di alta qualità, a significare una corsa sempre valida tecnicamente e non per forza vincolata al cronometro. In sostanza, gli atti di eroismo in allenamento a mio parere non pagano e, anzi, portano spesso a farsi male, anche pesantemente.»

Saper scegliere a quali sedute di allenamento dedicarsi

«È poi opportuno – prosegue De Ponti – avere una lucida coscienza dell’integrità fisica del proprio corpo e dei suoi limiti dettati dall’usura. Ha senso una spasmodica lotta controcorrente per non perdere terreno e poi ritrovarsi senza i mezzi per resistere ed essere infine, in breve tempo, portati violentemente a valle? Direi proprio di no. Dato che con il passare del tempo è inevitabile che le prestazioni peggiorino, è meglio che l’attivazione allenante del corpo sia sempre adeguata alle capacità dello stesso, senza particolari forzature e rispettando con attenzione la tempistica dei recuperi.»

Le regole di allenamento per i Master

«Da un punto di vista cardiovascolare il master può allenarsi praticando discipline poco usuranti ˗ come il nuoto e la bicicletta ˗ e allo stesso tempo può svolgere un lavoro di qualità per quanto riguarda la corsa. Questo vale a maggior ragione per la preparazione delle gare più veloci, dove la sollecitazione articolare e muscolare è più intensa, un po’ meno nell’allenamento per le lunghe distanze, dove il chilometraggio rimane un vincolo quasi imprescindibile.»

Le regole di vita per i Master

«Per quanto riguarda in particolare il regime di vita ˗ l’alimentazione, le ore di riposo, il recupero, la gestione dell’allenamento ˗ il master deve avere un atteggiamento molto professionale, perché il corpo concede di meno dal punto di vista dell’efficienza muscolare e cardiaca, intesa soprattutto come compenso ai fenomeni della rabdomiolisi (danni ai muscoli scheletrici, ndr) gestiti dalle adeguate risposte ormonali. La lenta regressione di tali risposte impone al sistema la massima efficienza.» 

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Veloci e potenti dopo i 50 anni”, di Luca De Ponti, pubblicato su Correre n. 417, luglio 2019 (in edicola a inizio mese), alle pagine 56-57.

Correre Luglio 2019

Luglio: questo mese parliamo di… Reportage – Dopo mesi di preparazione vissuti attraverso le parole dei coach Fulvio Massa e Simona Morbelli, voce alle due protagoniste dell’UTMB by Ushuaia: la blogger Carlotta Montanera e la giornalista Francesca Grana, al debutto in un ultratrail… alla fine del mondo! (Carlotta Montanera e Francesca Grana) Allenamento – Alcune […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Ushuaia by Utmb, reportage dall’ultra trail “alla fine del mondo” 

25 Giugno, 2019

Dopo i mesi di preparazione raccontatici attraverso le parole dei coach Fulvio Massa e Simona Morbelli, ecco pubblicato, su Correre di luglio, il racconto delle due protagoniste dell’Ushuaia by Utmb: Carlotta Montanera e Francesca Grana, due podiste di strada diverse per indole e attitudini, ma che sono state accomunate da un unico obiettivo: cimentarsi per […]

5 consigli per personalizzare la preparazione

25 Giugno, 2019

In quali allenamenti il podista si esprime meglio? Qual è il livello e il tipo di sforzo che lo mette più in difficoltà? Sono queste le domande-riflessioni che si pone Orlando Pizzolato nel suo contributo tecnico pubblicato su Correre di luglio, rivolto soprattutto ai runner che agiscono anche come personal trainer di altri appassionati, ma […]

“Ripetute”, istruzioni per l’uso

25 Giugno, 2019

Nella mentalità del runner il concetto di ripetuta è associato a situazioni di sforzo, di sudore, di “fiatone”: soprattutto se si tratta di ripetute “corte” o “intermedie”, sono utili a stimolare il meccanismo anaerobico perché, da un punto di vista fisiologico, innalza lo stato di fatica e abitua il cuore e i muscoli a “lavorare” […]

Lezioni di spesa per il runner: le proteine

25 Giugno, 2019

Un corretto apporto proteico è fondamentale per l’organismo e in particolare per gli atleti. Noi siamo infatti costituiti da proteine, i carboidrati rappresentano solo il nostro carburante. Ma quali sono le fonti proteiche e come sceglierle?  Le uova Con le sue proteine di alto valore biologico, l’uovo rappresenta una delle migliori fonti di queste componenti […]

Quel magico mix tra allenamento e recupero, nella corsa come nella vita 

25 Giugno, 2019

Al volo, a rivista pressoché chiusa, abbiamo riaperto i file per trovare spazio per l’impresa di Yemaneberhan Crippa, che nei 5.000 m del Golden Gala è diventato il terzo italiano di sempre con un eccellente 13’09”52 (il record italiano di Salvatore Antibo è di 13’05”59 e resiste da 29 anni). Oltre a quella di Crippa […]