“Ripetute”, istruzioni per l’uso

“Ripetute”, istruzioni per l’uso

25 Giugno, 2019
Foto: 123RF 

Nella mentalità del runner il concetto di ripetuta è associato a situazioni di sforzo, di sudore, di “fiatone”: soprattutto se si tratta di ripetute “corte” o “intermedie”, sono utili a stimolare il meccanismo anaerobico perché, da un punto di vista fisiologico, innalza lo stato di fatica e abitua il cuore e i muscoli a “lavorare” in condizioni di difficoltà respiratorie, muscolari e coordinative.

Abituarsi a correre con disagio

È importantissimo creare questa abitudine al disagio in corsa. In una gara di 5.000 m in pista o 5 km su strada, ad esempio, il meccanismo fisiologico anaerobico (quello allenato, appunto, con le ripetute) interviene per il 13%. Sui 10.000 m (o 10 km strada) la percentuale anaerobica è del 3%. 

Proviamo a immaginare un podista che correndo i 10.000 m con grande affanno riesca a finire la prova in 45’, ovvero con un passo medio di 4’30’’/km. Sappiamo che per ottenere questo tempo ha corso utilizzando la propria componente anaerobica e che per questo, ad esempio, i suoi ultimi 3.000 metri sono stati una sofferenza.

Se lo stesso podista, in condizioni di scioltezza, decidesse di correre i 10.000 m facendo ricorso solo al meccanismo aerobico, potrebbe chiudere la gara in 50’, al passo medio di 5’/km, cioè 5’ più lentamente della stessa corsa effettuata con la componente anaerobica. Ecco perché la stimolazione delle risorse anaerobiche è essenziale per un guadagno in termini di prestazione.

Ripetute su distanze lunghe

Le ripetute sulle distanze più lunghe (5.000, 6.000 e 7.000 m) hanno il delicato compito di creare una precisa sensazione di uniformità del ritmo di gara, qualità importante per chi si avvia a correre la maratona: non sono quindi uno strumento di “velocità”, ma un essenziale metronomo aerobico.

Le ripetute innalzano anche lo stato di sofferenza fisica e mentale a cui molti podisti non sono abituati. Soprattutto quando sono in età più avanzata e magari sono “addormentati” dalla sola corsa lunga e lenta, le ripetute possono “svegliare” l’organismo. 

Capire quando è utile effettuare le ripetute

Quanto possono aiutarvi le ripetute a crescere sul piano tecnico e agonistico? Certamente molto, a patto che possiate impiegarle con criterio e conoscenza: correre ad alte intensità, con il rischio di “saltare e soffrire” sin da subito, non è una valida strategia. Più che in altri allenamenti, nel caso delle ripetute può essere utile l’esperienza di un allenatore che dialoga con il runner e comprende appieno le sue necessità, può capire le sue reali carenze.
Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Il vademecum delle ripetute”, di Lorenzo Falco, pubblicato su Correre n. 417, luglio 2019 (in edicola a inizio mese), alle pagine 30-34.

Correre Luglio 2019

Luglio: questo mese parliamo di… Reportage – Dopo mesi di preparazione vissuti attraverso le parole dei coach Fulvio Massa e Simona Morbelli, voce alle due protagoniste dell’UTMB by Ushuaia: la blogger Carlotta Montanera e la giornalista Francesca Grana, al debutto in un ultratrail… alla fine del mondo! (Carlotta Montanera e Francesca Grana) Allenamento – Alcune […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Ushuaia by Utmb, reportage dall’ultra trail “alla fine del mondo” 

25 Giugno, 2019

Dopo i mesi di preparazione raccontatici attraverso le parole dei coach Fulvio Massa e Simona Morbelli, ecco pubblicato, su Correre di luglio, il racconto delle due protagoniste dell’Ushuaia by Utmb: Carlotta Montanera e Francesca Grana, due podiste di strada diverse per indole e attitudini, ma che sono state accomunate da un unico obiettivo: cimentarsi per […]

Runner veloci e potenti dopo i 50 anni

25 Giugno, 2019

Il coach statunitense Joe Friel è autore di un libro intitolato “Veloci e potenti dopo i 50 anni”. Luca De Ponti, chirurgo ortopedico esperto di running, trae spunto dalla lettura di questo testo per approfondire il tema di come proseguire a correre in maniera proficua anche dopo il giro di boa del mezzo secolo di […]

5 consigli per personalizzare la preparazione

25 Giugno, 2019

In quali allenamenti il podista si esprime meglio? Qual è il livello e il tipo di sforzo che lo mette più in difficoltà? Sono queste le domande-riflessioni che si pone Orlando Pizzolato nel suo contributo tecnico pubblicato su Correre di luglio, rivolto soprattutto ai runner che agiscono anche come personal trainer di altri appassionati, ma […]

Lezioni di spesa per il runner: le proteine

25 Giugno, 2019

Un corretto apporto proteico è fondamentale per l’organismo e in particolare per gli atleti. Noi siamo infatti costituiti da proteine, i carboidrati rappresentano solo il nostro carburante. Ma quali sono le fonti proteiche e come sceglierle?  Le uova Con le sue proteine di alto valore biologico, l’uovo rappresenta una delle migliori fonti di queste componenti […]

Quel magico mix tra allenamento e recupero, nella corsa come nella vita 

25 Giugno, 2019

Al volo, a rivista pressoché chiusa, abbiamo riaperto i file per trovare spazio per l’impresa di Yemaneberhan Crippa, che nei 5.000 m del Golden Gala è diventato il terzo italiano di sempre con un eccellente 13’09”52 (il record italiano di Salvatore Antibo è di 13’05”59 e resiste da 29 anni). Oltre a quella di Crippa […]

Allenamento News Equipment Salute Correre